Martedì 2 Marzo 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Un enfant de toi PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Ilaria Mutti   
sabato 17 novembre 2012

Titolo: Un enfant de toi
Titolo originale: Un enfant de toi
Francia: 2012. Regia di: Jacques Doillon Genere: Commedia Durata: 140'
Interpreti: Lou Doillon, Samuel Bemchetrit, Malik Zidi, Marilyne Fontaine, Olga Milshtein
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Festival di Roma 2012
Voto: 4,5
Trailer
Recensione di: Ilaria Mutti
L'aggettivo ideale: Interminabile
Scarica il Pressbook del film
Un enfant de toi su Facebook

“Un Enfant de Toi”,di Jacques Doillon in concorso al Festival del Cinema di Roma

unenfantdetoi_leggero.pngUna storia tutta francese attorno a un triangolo amoroso, che inizia con l’amore finito di una coppia, in cui ciascuno dei due si è ormai trovato un’altra strada.
Louis ha una fidanzata senza troppo impegno, mentre Aya é felice col suo nuovo compagno a cui vuole dare un figlio. Louis e Aya avevano due caratteri assolutamente contrastanti e tante piccole divergenze che, inevitabilmente, li hanno portati alla fine del loro matrimonio. Però hanno una figlia, per amore della quale e per darle serenità, decidono di rincontrarsi.
Ma con l’incontro si riaccenderà la passione, forse alimentata dal proibito, e, da coniugi che erano, si ritroveranno a fare gli amanti di nascosto, mentre la figlia, indubbiamente più adulta di loro si pone mille domande su chi sono i suoi genitori e che significa il loro strano comportamento…

Una storia che poteva essere lo spunto ideale per un film frizzante e spiritoso, come solo i francesi, con questi elementi, riescono a realizzare e invece precipita in un nulla senza scampo.
Quello che lo rovina sono ben 140 minuti di verbosità senza fine in cui, i due amanti, anziché approfittarne per fare l’amore, si compiacciono e si distruggono in una serie di dialoghi infiniti, cominciando a disquisire sul significato e l’essenza dell’amore per arrivare, pieni di supponenza, a scoprire che ciò che li lega non è l’amore, ma piuttosto il dolore della mancanza, la privazione che uno ha dell’altro. E quando si arriva a dire”La mancanza di te, fa parte di me, lo capisci ?” lo spettatore può finalmente lasciarsi andare ad una risata liberatoria, forse l’unica del film, perché ormai noia e tedio hanno avuto la meglio.

Se voleva essere un omaggio a Eric Rohmer o alla Nouvelle Vague, la pellicola è deludente sin dai primi 15’.
Anche se Olga Milshtein nei panni della figlia Lina, riesce a sollevare, più di una volta, lo spettatore dalla monotonia, anche lei a tratti viene schiacciata (e relegata a un ruolo irreale e fastidioso) da una sceneggiatura che vuole mostrare una bambina adulta in contrasto con una coppia infantile. Mentre Lou Doillon e Samuel Benchetrit stucchevoli sullo schermo, sono impegnati sono in una lunghissima prova di memoria su un copione che sembra interminabile.
Peccato! L’idea era di quelle intriganti, ma la sceneggiatura e gli attori non sono capaci di regalare l’emozioni di questa storia che finisce per essere un’infinita chiacchierata insopportabile.
Perchè si sono scelti degli attori che non sono stati in grado di trasformare quest’occasione in uno scorcio reale di vita e non di teatro ?

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere