HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia1 arrow Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza
Martedì 2 Marzo 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 39
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
mercoledì 25 febbraio 2015

Titolo: Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza
Titolo originale: En duva satt på en gren och funderade på tillvaron
Svezia, Germania, Norvegia, Francia: 2014 Regia di: Roy Andersson Genere: Commedia Durata: 101'
Interpreti: Holger Andersson, Nisse Vestblom
Sito web ufficiale: www.royandersson.com/pigeon
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 19/02/2015
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Surreale
Scarica il Pressbook del film
Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza su Facebook

unpiccioneseduto_leggero.pngTitolo da cineclub e da festival ( ed infatti ha vinto Il Leone d’Oro al Festival di Venezia ), storia che si immagina serissima e forse un po’ noiosa ed invece oplà è tutto il contrario. Una storia dall’umorismo nero, dall’ironia nordica che ci fa anche sorridere per vizi e lazzi di noi poveri esseri umani un po’ banali, un po’ cinici e un po’ soli.
Un ritratto atemporale, sarcastico e attento ai vizi quotidiani e dalle mille sfumature sull’insensatezza umana. I due traghettatori, in questo oceano di umanità desolata e solitaria, sono un po’ Stanlio e Ollio e un po’ Estragone e Wladimiro. Litigano continuamente tra loro ma non possono stare separati e aspettano di poter realizzare una vendita improbabile come i due personaggi beckettiani sperano che arrivi Godot. Si sentono qui e là gli echi di Beckett ma anche un certo surrealismo alla Bunuel.
Qualcuno invece ha sottolineato che Il rapporto tra i due protagonisti, Sam e Jonathan, sia ispirato alla letteratura del Don Chisciotte della Mancia e a Uomini e Topi di John Steinbeck.
In questo viaggio all’interno dell’umanità bisogna lasciarsi andare e non farsi domande, perché è superfluo conoscere le risposte, perché in fondo da parte del regista non c’è interesse in quello che si narra – che esula da qualsiasi logica causa-effetto – ma si sofferma sulla narrazione in quanto tale.
Un viaggio bizzarro, in un contesto quasi autistico, e da ultima frontiera; una specie di odissea senza Ulisse, perché non è più tempo di eroi e non c’è alcuna Itaca da raggiungere. Ed è questo – assieme ad un originale modo di raccontare – che mostra tutta la forza e la potenza del Cinema di Andersson. Non collocabile né tantomeno inquadrabile, quindi originalissimo: e in questi tempi di banale cinema con la c minuscola questo piccione che riflette è un colpo di vento fresco sul viso abbrutito e accaldato.

Il titolo del film è un riferimento al quadro Cacciatori nella neve di Bruguel il Vecchio, in cui è raffigurato un paesaggio rurale invernale, con alcuni uccelli appollaiati sui rami degli alberi. E’ il terzo film – il capitolo conclusivo - di una trilogia iniziata con Canzoni dal secondo piano ( 2000 - vincitore del premio della giuria al Festival di Cannes ), che tratta della colpa collettiva e della vulnerabilità umana, e seguito da You, The Living, ( 2007 - candidato all'Oscar come miglior film straniero ) che si avvicina al mondo dei sogni. Nella trilogia la narrazione e la poetica é comune e coerente, dalla trama che praticamente non esiste, all’impostazione teatrale con sfondo cinematografico, alla staticità surreale con una leggerezza cupa a tratti clownesca, ad uno schema fotografico monocromatico che oscilla tra il grigio e l'azzurro.
Ed è evidente l’ispirazione pittorica che va da Van Gogh, per l’espressione astratta, a Otto Dix e Georg Scholz ( Andersson ha definito deprimente il fatto che i registi contemporanei non traggano più ispirazione dalla pittura ).

Dopo un’introduzione in cui una coppia osserva in una stanza di un museo degli uccelli impagliati tuttavia meno imbalsamati di loro due, c’è una introduzione con tre brevi conti-siparietti dell’incontro con la morte in cui si può morire per voler aprire una bottiglia di vino oppure non ci si decide a morire perché si teme che i figli vogliano potarci via la borsa con i gioielli oppure a chi andrà la birra appena pagata e non bevuta dal deceduto. Dopo questo teatro dell’assurdo, ecco comparire i possibili protagonisti Sam ( Nils Westblom ) e Jonathan ( Holger Andersson ), due venditori quasi porta a porta che propongono a potenziali negozianti e a clienti maschere, denti alla nosferatu e articoli per feste carnascialesche; attività sfortunata che però li porta a contatto con persone di ogni tipo e luoghi particolari.
E’ evidente che così narrando Andersson ci può portare ai confini dell’umanità e ai difetti e alle assurdità del mondo. Il film è composto da 39 quadri, ognuno utile per mostrare una sfaccettatura esistenziale del mondo di oggi, ma ci sono anche due digressioni storiche ( forse una divagazione ulteriore da una trama che non c’è ) che raccontano episodi lontani, come la vita di re Carlo XII tra guerra e presunta omosessualità e, verso la fine, una scena sullo sterminio degli schiavi da parte dei colonialisti britannici.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere