HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia1 arrow Una lezione d'amore
Venerdì 26 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Una lezione d'amore PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
mercoledì 09 gennaio 2013

Titolo: Una lezione d'amore
Titolo originale: En Lektion i kärlek
Svezia: 1954. Regia di: Ingmar Bergman Genere: Commedia Durata: 96'
Interpreti: Eva Dahlbeck, Gunnar Björnstrand, Yvonne Lombard, Harriet Andersson, Ake Gronberg, Olof Winnerstrand, Birgitte Reimer, John Elfström, Renée Björling, Dagmar Ebbesen, Sigge Furst
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 1955
Voto: 7,5
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Sagace
Scarica il Pressbook del film
Una lezione d'amore su Facebook

una_lezione_damore_leggero.png“Una lezione d’amore” (En lektion i kärlek) è la prima commedia leggera – e assolutamente imperdibile – di Ingmar Bergman, distribuita in una nuova e più ricca edizione in Dvd dalla Bim e 01 Distribution.
Vi si racconta la storia del ginecologo David, che vuole riconquistare la moglie, Marianne, alla quale, però, ha chiesto il divorzio. Dopo essersi liberato dell’amante, che lo lascia, prende il treno per Copenaghen, sul quale è sicuro di trovare la sua quasi ex moglie. Riuscirà David a riportarla a sé?

Dopo averle affidato l’episodio più ironico e leggero di “Donne in attesa”, Bergman ricongiunge la coppia Dahlbeck/Björnstrand in “Una lezione d’amore” – uscito in sala in Svezia nell’ottobre del 1954 – mettendo in rilievo la perfetta sintonia creata dai due. Eva Dahlbeck e Gunnar Björnstrand sono stati capaci di regalare una performance in cui si completano a vicenda magistralmente.
Effetto dovuto non solo alla bravura dei due attori, ma anche ai dialoghi briosi, intriganti, graffianti, nei quali Bergman non tralascia di inserire le sue perle di saggezza, i suoi interrogativi sull’essere umano e sui relativi comportamenti.
Nell’arco del film arriva per ciascun personaggio il momento di porre delle domande o fare una riflessione sulla condizione umana, aspetto irrinunciabile per il cineasta. In questa commedia ogni argomento trattato – anche il più grave – viene affrontato con leggerezza, sdrammatizzandolo: l’adulterio, il divorzio, l’essere farfallone, la solitudine e l’alcolismo, tutto è messo al servizio della comicità, persino il parlare di suicidio, nella parte conclusiva, di Marianne, che dice a David di volersi buttare nell’acqua. L’uomo le risponde scherzosamente facendole notare che è proprio a due passi da lei.

Lo spettatore ne rimane piacevolmente conquistato. Bergman crea una commedia elegante e sofisticata, che ricorda quella di Ernst Lubitsch “Un’ora d’amore”, anche qui infatti ci sono schermaglie tra due coniugi che fondamentalmente non possono fare a meno l’uno dell’altra. Il terzo incomodo diventa uno spunto comico con il quale giocarci, quasi non fosse reale – o una reale minaccia – come lo considera David. All’opposto Marianne considera reale un’amante, che poi amante non è, risvegliando la gelosia e l’amore nei confronti del marito. In più di un’occasione si fa riferimento alla noia, in cui si incorre con l’abitudinarietà. Solo dopo aver movimentato la propria vita, passando da una frivolezza all’altra, David si rende conto di come anche questa condizione sia diventata noiosa, disinteressandosi di venir lasciato dall’amichetta.
Ciò che gli ridà una briosa energia e un certo guizzo è il desiderio di riconquistare la moglie, spezzando così nuovamente la noia. Si nota un’incongruenza evocativa in un particolare flashback, quello in cui Nix e suo nonno parlano da soli, questo non può essere un ricordo né di David né di Marianne in quanto non sono presenti. A tal proposito si potrebbe fare più di una congettura: vediamo Nix confidarsi col padre e una delle tante confidenze – fatte fuoricampo - potrebbe essere stata il dialogo col nonno.
Questa rimane solo un’ipotesi, solo Bergman avrebbe potuto dire se è stato frutto di un errore, una svista o qualcosa di diverso. Come in altri lavori del regista, in cui è presente un forte aspetto teatrale, in “Una lezione d’amore”, che si apre e si chiude su un carillon, c’è una teatralità brillante.

La mano autoriale qui si vede – eccome – Bergman descrive con acutezza i mutamenti e i movimenti dell’animo umano, come è solito fare anche nei drammi, e lo fa cambiando registro ma con la stessa sensibilità e profondità.
“Una lezione d’amore” è uno di quei film che è un piacere vedere. A quasi sessant’anni dalla sua realizzazione si nota l’attualità dei rapporti uomo/donna in esso affrontati.
Bergman ha abituato il suo pubblico a drammi interiori, dubbi esistenziali, a conflitti e crogiolanti afflizioni, in “Una lezione d’amore” dimostra di sapersi svincolare dalla drammaticità strutturale optando per una leggerezza (mai troppo leggera) squisitamente accattivante.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere