HOME arrow Recensioni film arrow Commedia1 arrow Una pistola en cada mano
Martedì 19 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Una pistola en cada mano PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 15
ScarsoOttimo 
Scritto da Alessia Vegro   
domenica 18 novembre 2012

Titolo: Una pistola en cada mano
Titolo originale: Una pistola en cada mano
Spagna: 2012. Regia di: Cesc Gay Genere: Commedia Durata: 97'
Interpreti: Ricardo Darin, Luis Tosar, Javier Camara, Eduardo Noriega, Leonor Watling
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Festival di Roma 2012
Voto: 9
Trailer
Recensione di: Alessia Vegro
L'aggettivo ideale: Illuminante
Scarica il Pressbook del film
Una pistola en cada mano su Facebook

unapistolaencadamano_leggero.pngLa crisi dell'identità maschile di otto uomini di quarant'anni, disorientati nei confronti della vita. Una girandola di emozioni ruota attorno ai cardini del patetico e del comico.
Tramite vari incontri, anche casuali, si mettono in luce sentimenti che in genere uomini non mostrano: la depressione, il dormire tutto il giorno, il tentativo di riconquista dell'ex moglie, la dipendenza da ansiolitici per colmare il vuoto provocato da una moglie traditrice, le prove di seduzione messe in atto nei confronti di una collega.

In mezzo a questo vortice, le mogli di due amici si scambiano i ruoli affinché i loro uomini, che non sono in grado di condividere informazioni private, vengano a conoscenza dei segreti reciproci.
Il barcellonese Gay, cronista della borghesia urbana, ha diretto En la ciudad, Kràmpack, Ficciò, V.O.S. e Hotel Room.
Con Una pistola en cada mano torna ad esprimersi con il suo linguaggio cinematografico molto personale che crea personaggi a tutto tondo.
Una pistola en cada mano si struttura come un puzzle composto da varie storie che convergono tra loro nel finale, micro capitoli che mostrano aspetti dell'animo maschile che, sommati, offrono un bignami della situazione dell'uomo nell'epoca moderna. Quello che resta invariabile, nonostante lo scorrere del tempo, è il cameratismo che s'instaura tra i protagonisti. Il machismo, il ruolo del maschio seduttore e sicuro di sé scompaiono, per portare alla luce debolezze, paure, impotenze.

Gli otto protagonisti di queste storie, emblemi di un'epoca in cui la donna è libera e decide per se stessa e la propria vita, diventano allora il “lato debole”, subendo l'esistenza e le sue svolte.
Tutto questo è narrato quasi azzerando le tecniche cinematografiche, quello che conta è mettere un uomo nella condizione di scegliere se esprimere o meno il proprio disagio. Gay compone allora un'opera che si regge sugli sguardi e sui dialoghi, lontana dai canoni americani ma pregna di umanità. Si ride, si sorride, s'impara molto sulla situazione attuale di quello che era il sesso forte.

Il merito del regista è di aver coinvolto un cast al massimo della sua forma, ogni interprete immerso nella realtà del suo protagonista. In un'opera che ricorda una pièce teatrale, il ruolo dell'attore è fondamentale e tutti, senza eccezione, sono all'altezza della prova. Sono uomini che in qualche modo soffrono, che appaiono “vittime” della forza interiore della donna, che ne sono oggetto di battute e frecciate, eppure tutti con una loro identità, una propria dignità, un'energia vitale che li porta a non arrendersi mai.

Il maschio ha smesso di percorrere il mondo reggendo una pistola in ciascuna mano, ha deposto le armi, terminato di nascondersi dietro il suo ideale di indipendenza e facciate di durezza e insensibilità.
E' un essere umano completo, nel bene e nel male, e finalmente lo ha ammesso. Merita un applauso per il suo coraggio.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere