HOME arrow Recensioni film arrow Commedia1 arrow Una settimana e un giorno
Domenica 24 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Una settimana e un giorno PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
venerdì 28 aprile 2017

Titolo: Una settimana e un giorno
Titolo originale: Shavua Ve Yom
Israele 2016 Regia di: Asaph Polonsky Genere: Commedia Durata: 98'
Interpreti: Uri Gavriel, Tomer Kapon, Sharon Alexander, Shai Avivi, Jenya Dodina, Carmit Mesilati Kaplan
Sito web ufficiale: www.oneweekandaday.oscilloscope.net/
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 11/05/2017
Voto: 6
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Bizzarro
Scarica il Pressbook del film
Una settimana e un giorno su Facebook

una_settimana_e_un_giorno_leggero.pngSi può raccontare il lutto più grande che capita a due genitori in maniera tragicomica ? Descrivere vari momenti di una giornata tra comportamenti apparentemente bizzarri e sentimentalismi un po’ ingenui ? Infarcendoli anche di una vena surreale ? Secondo Asaph Polonsky, nato negli Usa ma per anni in Israele e ben addentro ai riti ebraici, sembra proprio di sì. Ambienta la storia in un luogo non-luogo ( soprattutto in una villetta che potrebbe essere ovunque, ma che in realtà è nella periferia di una città israeliana ), si focalizza su due genitori cinquantenni che escono dalla settimana di lutto dello Shiva - la settimana in cui gli ebrei vedono i parenti e gli amici, provano a superare il dolore ed è una pausa dalla vita quotidiana per recuperare le forze e per riiniziare a vivere -. Ma questi sette giorni non sono serviti a Eyal e a sua moglie Vicky per iniziare a elaborare il lutto ma si muovono in questa giornata in modo assai differente l’uno dall’altro, distonico e per certi versi ingenuo: lui si comporta quasi da adolescente imbronciato, gioca a ping pong con dei bambini ed esulta quando li batte, lei invece prova a riprendere la vita di sempre.

Un progetto assai ambizioso, di complessa realizzazione, che al debuttante regista trentenne riesce in parte, in quella più lieve e agrodolce nonostante qualche dispersione narrativa. Creando dei momenti anche divertenti, in cui si sorride e si osserva un film un po’ spiazzante, ma senza mai venire a contatto con quei sentimenti reali che si vivono in queste situazioni. Ma all’estero, da parte della critica, questo film è piaciuto parecchio, è stato pluripremiato in vari festival tra cui al Jerusalem Film Festival e alla Semaine de la Critique a Cannes del 2016.

Eyal Spivak e sua moglie Vicky hanno perso l’unico figlio. Hanno già trascorso la settimana rituale e prevista dalla religione ebraica e riiniziano a vivere la quotidianità. Ma a quanto pare nessuno dei due, in modo differente, vuole accettare la drammatica situazione. Lei sembra quella più lucida e pratica e si reca al cimitero, lui invece ritorna al reparto oncologico dell’ospedale a recuperare una coperta del figlio. Ma invece di trovarla, in un cassetto vede della marjuana per uso medico e se la porta in modo goffo a casa, facendosela sequestrare per qualche attimo dal tassista che vuole più soldi del previsto.
Probabilmente per Eyal è un modo per restare in contatto col figlio e cerca di fumarla, ma non sa preparare lo spinello e allora chiama a telefono il figlio di una coppia che vive accanto ( un tempo amici ma adesso li detesta perché continuano a vivere come sempre senza essersi fatti coinvolgere dal suo dolore ) e lavora come pony per un take away di sushi.
Paga un’ordinazione non richiesta e col ragazzo inizia a fumare anche davanti alla moglie che ritorna a casa e mentre lei dà una lezione privata a un ragazzino.
Per lui Il giorno procede con vari contrattempi come l’ennesimo litigio con l’ex amico-vicino che viene a lamentarsi e a schiaffeggiarlo, ma anche ritorna in ospedale per farsi dare dell’altra marjuana che naturalmente la dottoressa non gli dà; lei invece ritorna a scuola e alla sua classe di bimbi ma trova un supplente ed è costretta a tornare a casa per poi correre dal dentista in ritardo e con cui ha da tempo una visita: forse nell’immobilità e nella solitudine della stanza realizza il suo dolore e chiama il marito per ricordargli delle due tombe che deve prenotare accanto a quella del figlio.
E lui, accompagnato sempre dal ragazzo e da una bambina che vive in ospedale per la mamma ricoverata in oncologia - l’unica sempre pronta a sorridere - corre al cimitero, ma le tombe sono state già vendute e non resta al gruppo che assistere a un altro funerale.

Ogni tanto il filo narrativo perde di intensità, qualche scena risulta un po’ scontata e diluita, in alcuni momenti risulta un po’ lento, ma l’umorismo del film funziona in buona parte. Grazie alla bravura quasi straniante di Shal Avivi ( Eyal ), ma anche la madre Jenya Dodina è molto convincente nel suo esausto dolore e nel tollerare qualsiasi bizzarro comportamento del marito. Da segnalare anche l’eterno perdigiorno Tomer Kapon ( il figlio dei vicini ed ex amico del ragazzo morto ) che in una scena infantile e un po’ surreale mima i gesti di un chitarrista, come se l’autore ci volesse dire che ogni tanto bisogna scappare nella fantasia per sopportare meglio la vita.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere