HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia1 arrow Uno sguardo nella mente di Charles Swan III
Giovedì 25 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Uno sguardo nella mente di Charles Swan III PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 8
ScarsoOttimo 
Scritto da Ilaria Mutti   
venerdì 16 novembre 2012

Titolo: Uno sguardo nella mente di Charles Swan III
Titolo originale: A Glimpse Inside the Mind Of Charles Swan III
USA: 2012. Regia di: Roman Coppola Genere: Commedia Durata: 90'
Interpreti: Charlie Sheen, Bill Murray, Jason Schwartzman, Katheryn Winnick, Patricia Arquette, James Paradise, Angela Lindvall, Tyne Stecklein, Anne Bellamy
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Festival di Roma 2012
Voto: 9
Trailer
Recensione di: Ilaria Mutti
L'aggettivo ideale: Pop
Scarica il Pressbook del film
Uno sguardo nella mente di Charles Swan III su Facebook

Festival di Roma. Arriva “A Glimpse Inside the Mind of Charles Swan III” ed è subito festa!

uno_sguardo_nella_mente_di_charles_swan_iii_leggero.pngQuel che più sorprende e affascina è l’esuberanza e la ricchezza, di contenuti, d’immagini, di evocazioni. C’è di tutto, nella commedia dolce - amara di Roman Coppola, ”A Glimpse Inside the Mind of Charles Swan III,” pop, surrealismo e Hollywood, dal musical al western, in un caleidoscopico mondo di visioni, eccessive e colorate, spesso incredibili e nelle quali si va a riflettere tutto l’incredibile mondo anni 70.

E’ la storia di Swan, grafico pubblicitario di successo, gran tombeur de femmes, che viene lasciato improvvisamente dalla sua ragazza. Quando l’umiliazione, lo stupore e la sofferenza diventeranno troppo forti, lui inizierà un viaggio delirante, prendendo in prestito un’altra realtà, in cui consumare, nel pensiero, la sua morte, la sua vendetta, la sua rivincita.
E poiché Charles Swan III è uomo di immagini, il suo nuovo mondo sarà popolato da una continua successione di visioni, di sogni per lo più ispirate alla pop art e al più vieto cinema commerciale dell’epoca, in un incessante ricostruzione di generi, situazioni, modelli.

Il film è a volte deliberatamente sfarzoso, come nelle scene di musical, a volte decisamente ironico o addirittura nostalgico nel western con le rocce di cartapesta, ma la dominante è surreale e ossessivamente pop, quando copia o si ispira ai miti, agli oggetti e ai colori degli anni ’70. E non poteva mancare il richiamo al grande comico americano, il dissacratorio Lenny Bruce, che viene costantemente evocato dal suo amico Kirby. Poi si “viaggia” tra le donne del passato, attraverso un musical surreale con tanto di morte e resurrezione del protagonista che con un tip tap, tra una tomba all’altra, ripercorre la sua vita amorosa.

Come è esilarante la scena finale con la carrellata che indietreggia fino a riprendere, sullo sfondo del mare un lavandino gigante, in cui l’intera troupe e gli interpreti si presentano al pubblico quasi si fosse trattato di una recita teatrale e non un film. Ne è venuto fuori un grande melting pot, dal fumetto agli spot pubblicitari, favoloso nelle scenografie e nella molteplicità dei colori, irresistibile nella comicità, nel grottesco e in quel senso di giocosità che immediatamente si trasmette al pubblico.
Forte è lezione di Charlie Kaufman e di Michel Gondry, nella riduzione della realtà a sola azione mentale e vicino si avverte Wes Anderson, nella visione magica e poetica del film e nello spazio riservato alla musica, ma il fattore Coppola balza fuori, con incredibile autonomia da tutta questa sua fantasia, che si sprigiona senza limiti e poi, quasi senza sforzo, riesce a stringere insieme tutte le molteplici anime dell’opera.

Con CQ, quasi 10 anni fa Roman Coppola aveva fatto uno spericolato escursus nel cinema pop degli anni ’60 con le mitiche figure di Barbarella, Diabolik e Modesty Blaise mescolate a un accorato rimpianto di Trouffaut e di Godard, oggi,invece, ci ha irresistibilmente condotti per mano nel Pop degli anni ’70.
Annunciato come vincitore, non dovrebbe temere rivali, visto che gli altri film in concorso non possono minimamente ambire a tale riconoscimento. Speriamo che questo sia il primo di una lunga serie di film, estrosi e anticonvenzionali, di Roman.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere