Venerdì 26 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Uomini di parola PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 40
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
lunedì 17 giugno 2013

Titolo: Uomini di parola
Titolo originale: Stand Up Guys
USA: 2013. Regia di: Fischer Stevens Genere: Commedia Durata: 95'
Interpreti: Al Pacino, Christopher Walken, Alan Arkin, Julianna Margulies, Vanessa Ferlito, Addison Timlin, Lucy Punch
Sito web ufficiale: www.standupguysfilm.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 11/07/2013
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Bizzarro
Scarica il Pressbook del film
Uomini di parola su Facebook

uomini_di_parola_leggero.pngCommedia gangster traboccante di bizzarre e grottesche forme di tragedia in agrodolce,"Stand Up Guys" del regista Fisher Stevens,più gettonato come attore ("One For The Money","The Experiment","Awake","Law & Order"),è la proverbiale definizione di quei lavori che reggono per il merito del loro line up.

Basato su uno script un po' inconcludente dell'esordiente Noah Haidle,il film racconta le vicende vissute da due vecchi amici che si reincontrano dopo anni e con il lirismo un po' surreale di un cinema ironicamente drammatico,fotografa legami,sentimenti e dialoghi in puro disordine e disorientante logica. Val (Al Pacino) esce di galera dopo 28 anni scontati per omicidio.
Ad aspettarlo fuori dai cancelli c'è Doc (Christopher Walken),vecchio amico e collega di malefatte passate. C'è una storia fra i due.

I loro occhi,i loro sguardi,i gesti reciproci raccontano di un legame e di un'amicizia cresciuta con loro in anni passati insieme a fare ciò che ha mandato Val dietro le sbarre. Ma il loro incontro ha una ragione ben precisa : Doc ha ricevuto dal suo boss Claphands (Mark Margolis) l'ordine di eliminare Val perchè colpevole di avere ucciso suo figlio.
Doc deve rispettare una scadenza,entro la quale il lavoro deve essere portato a compimento,ma prima i due uomini hanno tanto da fare insieme. Tra le altre cose,fra cui visitare un bordello con conseguenze grottesche,andranno a trovare un terzo collega,Hirsch (Alan Arkin),una volta alla guida delle auto nelle rapine e ora ricoverato in ospedale. Lo porteranno fuori con loro e la notte racconterà la loro storia. Occasionale cinema quasi teatrino,"Stand Up Guys" è il luogo dei racconti senza una trama.
Retto da dialoghi e occasioni,più che da vicende con senso compiuto,il film è tutto tessuto sulla relazione fra due vecchi amici legati da una fedeltà ed una probabile morale che ne fa dei veri Stand Up Guys,uomini virtuosi,retti e di parola. Stevens ricava dalla scarna scenografia (la città è anonima e pretestuosa) un elogio alla nostalgia,scattando uno sguardo discreto ai ricordi e alla memoria e lo correda di una vena ironica misurata e mai caciarona,un po' british un po' sofisticata,a tratti tagliente.

E' subito commedia,fin dall'incontro in apertura,una recita irrazionale imbastita sulla formidabile performance di due istrioni,due motori che si ingranano e si completano l'un l'altro in perfetta sinergia,snocciolando suggestive situazioni quasi kafkiane con ritmo e il gusto dell'improvvisazione. Non c'è interesse a frugare nel passato di Val e Doc.
Qualche sottotrama suggerisce l'afflizione di Doc per non poter riabbracciare la nipote che la figlia gli nasconde,ma il racconto è solo virtù d'intesa fra i due protagonisti,una messa in scena goliardica e sfrontata. Qua e là spuntano occhiate ad altro cinema,dove intenzionali e dove forse solo subliminali,ma certamente congegnate con mestiere,come l'incipit che ricorda il "Blues Brothers" di Landis,o l'epilogo,dove è difficile non riconoscere la chiusura del "Butch Cassidy" di George Roy Hill. Ricorda un po' le strisce autoconclusive di Schultz,questo burlesco album di vignette grottesche legate da un fil rouge che sembra improvvisato.

E' piaciuto al regista dare un'identità quasi anacronistica al lavoro,dove tutto,dall'ambiente,alle musiche,ai dettagli,al linguaggio di cinema stesso pare rubato agli anni '70. Non compaiono nè cellulari nè PC,le telefonate vengono fatte dai fissi nelle strade di una città che non ha identità,lo score è una viscerale memoria di Ritm & Blues,tunes di blues urbano,fraseggi soul ed uno splendido spartito di pezzi di Bon Jovi,in perfetta armonia con il cinema di ieri. Un eccezionale entourage di crew al femminile completa la formula di Pacino,Walken e Arkin. Le figure brillanti di Lucy Punch,Julianna Margulies e di Katheryn Winnick integrano il racconto con smalto,garbo e pepe.
E' cinema intrigante questo "Stand Up Guys",un po' "Due tipi incorreggibili",un po' "Due irresistibili brontoloni" e un po' "Due figli di...",tante figurine incollate su una notte di fantasticherie irrazionali venate di ironia dark,come una giostra di stravaganze e bizzarrie surreali per un cinema sornione a cavallo fra il serio e il faceto.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere