HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia1 arrow Whiskey Tango Foxtrot
Domenica 28 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Whiskey Tango Foxtrot PDF Stampa E-mail
Scritto da Davide Sorghini   
lunedì 09 maggio 2016

Titolo: Whiskey Tango Foxtrot
Titolo originale: Whiskey Tango Foxtrot
USA 2016 Regia di: Glenn Ficarra, John Requa Genere: Commedia Durata: 112'
Interpreti: Margot Robbie, Tina Fey, Billy Bob Thornton, Martin Freeman, Nicholas Braun, Sterling K. Brown, Josh Charles, Christopher Abbott, Alfred Molina, Sheila Vand, Stephen Peacocke, Evan Jonigkeit, Lauren Myers
Sito web ufficiale: www.whiskeytangofoxtrotthemovie.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 19/05/2016
Voto: 6
Recensione di: Davide Sorghini
L'aggettivo ideale: Garbato....
Scarica il Pressbook del film
Whiskey Tango Foxtrot su Facebook

whiskeytangofoxtrot_leggero.pngUn merito va se non altro riconosciuto a Whisky Tango Foxtrot, ovvero quello di accostarsi ad una tematica su cui si è già detto tutto e il contrario di tutto da una prospettiva diversa.
Tina Fey, in tal senso, rappresenta il vero ago della bilancia: è lei ad infondere in questo racconto una certa femminilità, oltre che saper dosare la sua verve naturale, che è quella comica. Eppure il ritratto resta “serio”, cedendo poco o nulla alla commedia, che si ravvisa qua e là ma con discrezione.
Un miscuglio che potrebbe destabilizzare, va detto, ma al quale a poco a poco ci si abitua, specie quando viene fuori l’equilibrio con cui è stato condotto.
A più riprese si è tentati di credere che il film deragli, che i presupposti ci sono tutti perché ciò avvenga; ed invece no.
La storia (vera) di questa giornalista che s’improvvisa reporter per cambiare vita tocca più corde, senza mai perdere troppo la bussola però. C’è la guerra ma non è un film di guerra; la protagonista è lei, Kim Baker (Tina Fey), la quale si trova invischiata in questo scenario devastante, che in ogni caso resta sullo sfondo.

Kim è una giornalista sedentaria, che si occupa di “cronaca interna”, fatti che non la gratificano per niente, né a livello professionale né, quindi, a livello umano.
Superati i quaranta, annaspa con l’uomo alla quale è legata al momento, proprio perché bloccata in quel punto in cui o si passa allo step successivo oppure si va avanti per inerzia. Finché il suo capo non convoca tutti gli elementi della redazione che non hanno figli e famiglia: c’è bisogno di uno di loro che vada a Kabul per seguire sul posto quanto sta avvenendo in quelle zone nel 2003. Kim è riluttante, ma presto capisce che è un’occasione unica e perciò va sfruttata.

Sia chiaro, vale quanto scritto sopra: alla fine del film ne sappiamo quanto prima sulla guerra in Pakistan e Afganistan, ma abbiamo modo di conoscere meglio la protagonista di questa vicenda. Che è anche un’eroina, a suo modo, non soltanto per ciò che fa ma per aver maturato prima e meglio di tanti suoi colleghi una certa consapevolezza.
Il discorso è molto basilare: si tratta di trasmettere l’alienazione di questi inviati per i quali, a un certo punto, quella realtà lì diventa ordinaria. Si è portati a credere che il discorso approntato in Whisky Tango Foxtrot puzzi di stantio, ed invece nessun rigurgito smaccatamente femminista, nessuna rivendicazione, anche in quei frangenti sospetti, quando si è tranquillamente sul punto di strafare.
Al contrario, il film di Ficarra e Requa si mostra piuttosto attento, se non addirittura sensibile, nel dribblare simili derive: i personaggi positivi così come quelli negativi, per dirne una, vengono pescati dall’uno e dall’altro sesso, inibendo sul nascere qualsivoglia accenno di critica in tal senso. L’unica nota vagamente surreale emerge nella figura di uno dei funzionari del nuovo governo afgano, personaggio parodistico in una misura più pronunciata rispetto a tutti gli altri profili.
Ma è un modo per stemperare, dato che la situazione che lo vede coinvolto è di per sé grave e pesante. Gira che ti rigira, comunque, tocca sempre tornare alla Fey.

Whisky Tango Foxtrot tratta l’argomento senza entrare nel merito politico, ideologico e, volendo, senza nemmeno calcare troppo la mano sulla componente umana. È esattamente un segmento della vita di Kim Barker, e sebbene parlare di una guerra al femminile in qualche modo c’entri, ci rendiamo conto che si tratta comunque di una forzatura rispetto alla misura con cui questa storia è stata costruita. Come già ravvisato, si può anche rimanere disorientati da certe cose: è proprio da newyorkese imborghesita riuscire a trovare il tempo e la voglia di fare bilanci sulla sua vita, specie quella sentimentale, mentre attorno a lei esplode di tutto un giorno sì e l’altro pure.
Sarà. Anzi è. Ma va altresì riconosciuto che Whisky Tango Foxtrot regge, non annoia quale che sia l’argomento che asseconda, quasi sempre con leggerezza ma non troppa.
In questo mix riuscito di toni troviamo quanto di buono ha da offrire il film di Glenn Ficarra e John Requa. Non senza riserve, va detto, ma offrire una prospettiva differente, prendendosi peraltro qualche rischio, è di per sé degno di nota; ancora di più quando riesci a farti seguire senza essere pesante ma nemmeno inopportuno.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere