HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia1 arrow Zoran, il mio nipote scemo
Domenica 28 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Zoran, il mio nipote scemo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 20
ScarsoOttimo 
Scritto da Ciro Andreotti   
venerdì 08 novembre 2013

Titolo: Zoran, il mio nipote scemo
Titolo originale: Zoran, il mio nipote scemo
Italia, Slovenia: 2013. Regia di: Matteo Oleotto Genere: Commedia Durata: 106'
Interpreti: Giuseppe Battiston, Francesco Celio, Rok Presnikar, Marjuta Slamic, Roberto Citran, Riccardo Maranzana, Jan Cvitokovic, Ariella Reggio
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 31/10/2013
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Centrato!
Scarica il Pressbook del film
Zoran, il mio nipote scemo su Facebook

zoranilmionipotescemo_leggero.pngIn un piccolo paese vicino Gorizia risiede Paolo, un uomo dedito al vino, al lavoro in una mensa e ancora innamorato di sua moglie, ormai sposata con Alfio, suo capo al lavoro.
Un giorno Paolo viene a conoscenza della morte di zia Anija, una donna Slovena a lui sconosciuta che gli lascia in eredità l’affidamento di Zoran, quindicenne strano e problematico dotato però di una inaspettata abilità nel gioco delle freccette.

“O lo si ama o lo si odia...” con queste poche parole si può identificare l’opera prima di Matteo Oleotto, volto nuovissimo del grande schermo autore di una pellicola che ha fatto grande fatica a prendere la luce, come riconosciuto dallo stesso regista, ma che una volta approdata in sala ha saputo catturare l’attenzione dei critici, con numerosi premi vinti in quel di Venezia.

Una pellicola che fa della taglia fuori controllo di Giuseppe Battiston l’arma segreta in più, un’arma illegale alla quale legarsi per cercare di strappare qualche sorriso, in realtà sono molti i sorrisi che Battiston e il film regalano agli spettatori per mezzo di una sceneggiatura a quattro mani che richiama senza troppi giri di parole le atmosfere di “Rain Man”, con il giovane Rok Prasnikar, alla sua prima fatica sul grande schermo, nel ruolo che fu di Dustin Hoffman, dotato in tal caso di un’abilità quasi malefica nel lancio delle freccette, e con uno zio, Battiston, in quello di Tom Cruise, velocissimo a pensare di poter trarre vantaggi e profitti dall’abilità del nipote.
Una film che però è anche capace di richiamare altrettanto rapidamente le atmosfere delle pellicole di Ken Loach, cui tutti gli sceneggiatori sono artisticamente debitori, con personaggi sul limitare della vita, capaci di alzarsi la mattina senza nulla di particolare da fare se non cercare di arrivare a sera possibilmente in salute, per precisazioni vedete o rivedete “la Parte degli angeli” penultima fatica del regista britannico.

Alla fine l’opera prima di Oleotto, grazie anche alle ottime musiche folk messe in pista dai “Sacri Cuori” e Antonio Gramentieri diventa un inno del regista e di tutto il cast, nei confronti del Friuli, pieno di luoghi lividi, nebbiosi e freddi dove solo un bicchiere di vino e l’affetto delle persone, come dice sul finire Roberto Citran, possono valere qualche cosa e dare un senso a quella cosa chiamata vita.

 
< Prec.

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere