HOME arrow CULT MOVIE arrow E la terra prese fuoco (1961)
Sabato 21 Settembre 2019
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
godzilla_2_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
la_llorona_728x120_top.jpeg
E la terra prese fuoco (1961) PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 7
ScarsoOttimo 
Scritto da Fabio de Angelis   
domenica 25 febbraio 2007

E la terra prese fuoco
The Day the Earth Caught Fire
USA: 1961. Regia di: Val Guest Genere: Fantascienza Durata: 99'
Interpreti: Janet Munro, Leo McKern, Edward Judd, Arthur Christiansen, Michael Goodlife, Bernard Braden, Reginald Beckwith, Michael Caine
Recensione di: Fabio de Angelis

elaterrapresefuoco.jpgDue esperimenti nucleari, della Russia e degli Stati Uniti, avvenuti contemporaneamente spostano l'asse terrestre provocando una serie di cataclismi accompagnati da un'ondata di caldo eccezionale. I governi delle due super-potenze preferiscono tenere nascosta la verità su quanto è accaduto, ma il "Daily Express", venutone a conoscenza, denuncia la notizia all'opinione pubblica. Mentre ovunque il panico dilaga, scienziati e militari adottano la soluzione estrema di fare esplodere altri due ordigni atomici per ricondurre il pianeta nell'orbita naturale. Nella redazione del giornale si preparano due titoli alternativi per l'indomani: "il mondo è salvo" e "il mondo è condannato". Val Guest, coadiuvato dalla fotografia di Waxman che fa uso di un gran numero di filtri, gira il film con taglio documentaristico per rendere più verosimile ed angosciante la drammatica ipotesi della fine del mondo. Il risultato è positivo, anche se il film non è esente da qualche moralismo spicciolo presentando gli organi di informazione come dei crociati nella lotta per la verità. A questo riguardo è interessante notare che il direttore del giornale che combatte per il diritto di cronaca è Arthur Christiansen (nei panni di se stesso) già direttore di Val Guest ai tempi in cui questi lavorava nella stampa.
Non mancano, naturalmente, la prevedibile storia d'amore tra i due protagonisti - lui (Edward Judd) un giornalista stanco e alcolizzato, lei (Janet Munro) una dinamica impiegata del Ministero dell'Aeronautica - e qualche buon effetto speciale, primo fra tutti l'evaporazione del Tamigi sotto l'ondata di caldo.
Nei panni di un policeman che dirige il traffico si riconosce l'attore Michael Caine.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere