HOME arrow Cult Movie arrow Halloween (1978) DVD
Giovedì 14 Dicembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Halloween (1978) DVD PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Paolo Fabbri   
domenica 14 gennaio 2007

Halloween DVD
Halloween
USA: 1978. Regia di: John Carpenter Genere: Horror Durata: 93'
Interpreti: Jamie Lee Curtis, Donald Pleasence, Nancy Loomis, Tony Moran, Charles Cyphers
Recensione di: Paolo Fabbri

halloween.jpegHaddonfiled, Illinois, 1963, durante la notte di Halloween il bambino Michael Myers uccide la sorella maggiore Judith dopo che questa ha avuto un rapporto con il suo fidanzato.
Smith’s Grove. 1978, la notte della vigilia della festa di Halloween, esattamente quindici anni dopo, Michael riesce a fuggire dal manicomio nel quale era stato rinchiuso.
Sulle sue tracce si mette il dottor Sam Loomis, colui che per tutto il periodo della detenzione si era curato della sua malattia. Con molta probabilità il ragazzo, ormai cresciuto e molto forte fisicamente, avrà fatto ritorno nella sua vecchia casa.
Giunto in città, infatti, Michael incomincia a pedinare Laurie, una ragazza simile a sua sorella, ma molto timida, nel frattempo il dottor Loomis cerca Michael nel suo passato: prima passa dal cimitero e trova che la lapide di Judith è stata sottratta, poi una volta raggiunta la vecchia e disabitata casa dei Myers, vi trova un cane sbranato da poco tempo. Laurie intanto, per la notte di Halloween, ha accettato di fare la baby sitter, così come una sua amica, anch’ella pedinata di Michael. Sarà proprio quest’ultima la prima vittima, una volta che si sarà ritrovata sola dopo aver piazzato la bambina che doveva controllare a Laurie. Una coppia di amici intanto, raggiunge la casa dove la ragazza è stata uccisa ed anche loro diventano vittime.
Laurie, spaventata e preoccupata a causa di una serie di segnali (la telefonata di una vittima mentre stava morendo) decide di farsi coraggio e va a dare un’occhiata nella casa dell’amica. Qui rinviene i tre cadaveri e, dopo essere stata aggredita di Michael, riesce a fuggire ed a tornare nella casa dove stava lavorando come baby sitter. Michael riesce ad entrare nella villa e dopo diverse colluttazioni, nelle quali rimane ferito più volte, è infine colpito da diversi proiettili esplosi dal dottor Loomis, in perlustrazione in quella ed attirato dalle grida dei bambini. Poco dopo, il corpo di Michael non si troverà più.
Capolavoro del cinema horror, più che un classico, una pietra miliare del genere (poi diventato horror urbano). L’uomo senza volto, che non ha immagine, è il serial killer, la cui natura folle è rappresentata proprio da questo topos.
Il prologo che introduce il trauma del maniaco, è semplicemente perfetto: la sequenza dell’omicidio di Judith si apre e si chiude con un’inquadratura frontale della casa (con la quale per altro si chiude tutto il film) e tutto avviene con quella che sembra un’unica sequenza.
Il personaggio principale, Michael (interpretato sotto la maschera da Tony Moran), è costruito oltre che naturalmente da una forte preferenza per la soggettiva, attraverso le indagini del dottore che, ripercorrendone i luoghi del passato ne descrive il carattere presente (nel dialogo con il poliziotto ad esempio, dopo aver ritrovato il cadavere del cane “Un uomo non sbrana” “Lui non è un uomo”).
Per mantenere questa distanza nel racconto, per quanto riguarda la scelta delle inquadrature, Carpenter preferisce campi medi e campi lunghi, arricchiti da pregevoli carrelli e dall’uso della steadycam, all’interno dei quali la soggettiva di Michael o l’ingresso del suo corpo nell’immagine, appare anche come un’intrusione del folle nella quotidianità di Haddonfiled, e non permette allo spettatore di avere un altro punto di vista se non quello dell’assassino.
Il regista si curò anche di comporre la musica, diventata ovviamente un cult, e che mostra una capacità di adattarsi alle immagini tanto da rendersi necessaria quanto queste nel creare autentica suspence nello spettatore.
Molto pulito anche il lavoro dell’operatore alla m.d.p. Ray Stella. I titoli di testa (nei quali il regista ci tiene a mostrare la paternità del lavoro sin dal titolo, lasciando che appaia John Carpenter’s Halloween) scorrono mentre una zucca invade lo schermo, proponendo da subito quello stato d’angoscia dal quale lo spettatore non potrà che rimanerne affascinato.
Scritto in soli dieci giorni con Debra Hill, anche coproduttrice, e girato in tre settimane, costò trecentomila dollari e fu il primo grosso successo di pubblico di Carpenter (Morandini 2003) con in incasso di sessanta milioni (Di Giammatteo – Dizionario del cinema americano).
Esordio al cinema per l’appena ventenne Jamie Lee Curtis, figlia di Tony Curtis e Janet Leigh, da quel giorno una delle icone degli anni ottanta delle scream girls.
Sarà l’unica ragazza a salvarsi, perché meno frivola delle sue amiche.
Seguito da oltre sei pellicole, tutte prodotte sul personaggio di Michael Myers, e da un’infinità di cloni, mai all’altezza di questo capolavoro del genere.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere