HOME arrow Cult Movie arrow Ho sposato un mostro venuto dallo spazio (1958)
Martedì 17 Ottobre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Ho sposato un mostro venuto dallo spazio (1958) PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 22
ScarsoOttimo 
Scritto da Maurizio Carità   
giovedì 08 febbraio 2007

Ho sposato un mostro venuto dallo spazio
I married a monster from outer space
USA: 1958. Regia di: Gene Fowler jr. Genere: Fantascienza Durata: 78'
Interpreti: Tom Tryon, Gloria Talbott, Peter Baldwin, Robert Ivers, Chuck Wassil, Valerie Allen, Ty Hungerford, Ken Lynch, John Eldredge, Alan Dexter, James Anderson, Jean Carson, Jack Orrison, Steve London, Maxie Rosenbloom, Mary Treen
Recensione di: Maurizio Carità

sposato.jpgDietro un titolo tutt'altro che felice incontriamo una pellicola sicuramente al di sopra della media, girata con grande efficacia e padronanza del genere.Rincasando di notte, un uomo assiste all'atterraggio di un'astronave e viene fatto prigioniero da un alieno che ne assume le sembianze. La moglie percepisce in lui qualcosa di strano e una notte, vedendolo uscire di nascosto, lo segue nel bosco. L'alieno si libera dell'involucro umano e scompare nell'astronave. In preda al terrore, la donna torna a casa e si prepara ad affrontare la creatura che credeva suo marito. Sorprendentemente, l'alieno confessa senza opporre resistenza. Lui e i suoi simili sono scesi sulla Terra per riprodursi: il loro pianeta di origine sta morendo e hanno bisogno di madri per i loro figli. Non potendo adattare il proprio apparato riproduttivo a quello delle donne terrestri, hanno deciso di sostituirsi ai loro mariti, replicandone le caratteristiche fisiche. Vivendo fra gli uomini, però, la creatura ne ha assunto anche le pulsioni emotive; in particolare rivela alla donna di essere innamorata di lei. Spaventata, la donna corre in città e guida una spedizione verso il luogo dell'atterraggio. Nell'astronave trovano i corpi degli uomini scomparsi e li liberano dai macchinari che li collegano ai rispettivi doppi, i quali muoiono al momento del distacco.
Il film è più interessante di quanto si creda. Costruito con buona suspence, poggia sulle belle interpretazioni di Gloria Talbott, la mogliettina spaurita ma battagliera, e di Tom Tryon, dovutamente legnoso e inespressivo nel ruolo del marito. Alcune sequenze di discreto impatto emotivo (l'uomo che dorme con gli occhi aperti; il fulmine che rivela, per un istante, nel suo volto il volto dell'alieno che lo "abita") testimoniano il buon mestiere del regista Fowler, già collaboratore di Fritz Lang. Collocabile nel filone inaugurato dall'Invasione degli ultracorpi, la storia è raccontata dal punto di vista della donna e, in questo senso, può essere reinterpretata come la sublimazione dell'incubo di una ragazza repressa o insoddisfatta, sullo sfondo della inappagante quotidianità della provincia americana.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere