HOME arrow CULT MOVIE arrow Il drago degli abissi (1959)
Sabato 21 Settembre 2019
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
godzilla_2_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
la_llorona_728x120_top.jpeg
Il drago degli abissi (1959) PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 11
ScarsoOttimo 
Scritto da Maurizio Carità   
mercoledì 14 febbraio 2007

Il drago degli abissi
The giant Behemoth
GB: 1959. Regia di: Douglas Hickox e Eugène Lourié Genere: Fantascienza Durata: 80'
Interpreti: Gene Evans, André Morell, John Tumer, Leigh Madison, Jack McGowran, Maurice Kaufmann, Henri Vidon, Leonard Sachs
Recensione di: Maurizio Carità

ildragodegliabissibehemoththes.jpgMentre a Londra lo scienziato americano Steve Karnes interviene ad una conferenza sulle conseguenze dei test nucleari, i pescatori di un villaggio in Cornovaglia sono in agitazione per la misteriosa morte di un loro compagno e per una inspiegabile ed improvvisa moria di pesci. Karnes, insieme al collega Bickford, si reca sul posto e rileva una inconsueta radioattività nel mare, probabile causa della strage lamentata dai pescatori. Dopo avere localizzato l'area di massima concentrazione del fenomeno, i due scorgono emergere dalle acque, tra le ombre della notte, la spaventosa sagoma di un mostro marino. Karnes conclude che la reazione scatenata dai ripetuti esperimenti atomici ha alterato i naturali equilibri marini e risvegliato dai fondali una creatura preistorica mutandola in una gigantesca centrale vivente di energia radioattiva. Sfuggendo ad ogni possibile controllo, il mostro nuota lungo la costa, raggiunge l'estuario del Tamigi e comincia a risalire il fiume in direzione di Londra. L'incubo della distruzione pesa sulla città, ma lo scienziato americano, a bordo di un piccolo sottomarino, insegue la creatura e la annienta sparandole contro un siluro imbottito di radio.
Il mostro, sorta di bronto-plesiosauro, definito nel film "paleosauro", è stato ideato da Willis O'Brien con l'assistenza di Pete Peterson. Il film condivide con il più riuscito Il risveglio del dinosauro (e con ovvi riferimenti a Godzilla e al Mostro dei mari) la preoccupazione degli "effetti collaterali" della sperimentazione nucleare in termini di danni sull'ambiente e sugli esseri viventi. Nonostante la presenza di nomi grossi agli effetti speciali, Behemoth non risulta ben sostenuto, e le cose migliori, quelle che meglio creano attesa e atmosfera, sono le sequenze che riprendono la creatura mostruosa tra le foschie e la semioscurità notturna.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere