HOME arrow CINEMA & CURIOSITA': arrow Curiosità arrow La doccia più famosa
Mercoledì 13 Novembre 2019
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
halloween_banner_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
la_llorona_728x120_top.jpeg
La doccia più famosa PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 3
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesco Bassi   
lunedì 30 aprile 2007

La doccia più famosa

La terribile scena della doccia in Psycho (1960) fu girata nei dicembre 1959.(la scena considerata più famosa dei film di Hitchcock )
Prima di essere soddisfatto del suono dei fendenti, il regista provò a assestare dei colpi su vari generi di frutta, scegliendo poi il melone. Per il sangue optò invece per il cioccolato fuso, una tecnica molto diffusa tra i registi dei film in bianco e nero.
Si vocifera che per rendere più realistico l'urlo Hitchcock abbia fatto in modo che l'acqua della doccia diventasse di colpo ghiacciata nei momento preciso in cui Janet Leigh riceveva la prima pugnalata, ma tali voci non sono mai state confermate.
Di Janet Leigh, tra l'altro, Hitch¬cock riprese soltanto il volto, le mani e la vita, mentre in tutte le altre inquadrature di nudo compariva la sua controfigura, la modella Marli Renfro.
la scena della doccia dura 45 secondi e per girarla su uno storyboard di Saul Bass, occorsero sette giorni di lavorazione e 72 posizioni della macchina da presa.
Al momento di essere distribuito nelle sale, il film ebbe una incredibile campagna pubblicitaria, in buona parte dovuta alle eccezzionali operazioni di marketing intraprese da Hitchcock, che ideò addirittura un manualetto destinato ai direttori di sala intitolato "Cura e utilizzo di Psycho."
Il regista fece addirittura distribuire degli orologi nei cinema affinche gli spettatori sapessero precisamente a che ora iniziava la proiezione, e si raccomandava ai gestori dei cinema di non fare entrare nessuno in sala a film gia iniziato per nessun motivo.
Inoltre era vietato proiettare qualsiasi cosa , ad esempio cinegiornali dopo la proiezione dei film, anzi si raccomandava di mantenere le luci spente per almeno 30 secondi dopo la fine di Psyco per imprimere indelebilmente nelle mente degli spettatori.
Hitchcock ricevette anche le lamentele di un padre inferocito perchè la figlia, che gia non voleva fare il bagno nella vasca dopo aver visto il film I diabolici (1954), ora si rifiutava di fare pure la doccia. 
Sottile come sempre, Hitchcock rispose al padre con queste parole: "La mandi in una lavanderia a secco".

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere