Mercoledì 28 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Bloody Daughter PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Ilaria Mutti   
sabato 17 novembre 2012

Titolo: Bloody Daughter
Titolo originale: Bloody Daughter
Francia: 2012. Regia di: Stéphanie Algerich Genere: Documentario Durata: 94'
Interpreti: Stephen Kovacevich, Martha Algerich
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Festival di Roma 2012
Voto: 4,5
Trailer
Recensione di: Ilaria Mutti
L'aggettivo ideale: Familiare
Scarica il Pressbook del film
Bloody Daughter su Facebook

“Bloody Daughter” di Stephanie Argerich al Festival Internazionale del Film di Roma

stephanie_argerich_leggero.pngLa regista è figlia di due grandissimi interpreti del pianoforte, Martha Argerich e Stephen Kovacevich. Per lei non è stato facile crescere avendo due genitori divorati dalla passione sconvolgente per il proprio lavoro, dominati dall’ansia di sempre nuove conferme e trascinati, in una vita quasi da nomadi, a suonare sui palcoscenici di tutto il mondo.
Di sicuro non furono oggetto di grandi attenzioni, da parte loro, né la vita familiare, né tanto meno i figli, messi al mondo con grande disinvoltura.
Martha Argerich ha avuto altre due figlie oltre Stephanie, da due uomini diversi e la sua prima figlia fu affidata, per molti anni, ad un istituto, per l’incapacità della madre di prendersene cura. Kovacevich ha altri tre figli con altre madri e non dette il suo cognome a Stephanie, forse per dimenticanza o per pigrizia.
Lei Stephanie, come spesso accade ai figli dei grandi personaggi, ha vissuto una vita subalterna, da brutto anatroccolo, in continua ammirazione di queste figure che hanno sovrastato la sua infanzia e la sua giovinezza. Tant’è vero che quando a 11 anni le regalarono una telecamera, pensò bene di utilizzarla per riprendere sua madre, questa donna bellissima ed eccezionale, spesso soprannominata “Dea.”

Poteva rimanere l’albo di famiglia che si archivia in casa e viene tirato fuori nelle grandi occasioni, invece i video sono diventati una base quando Stephanie ormai grande, dopo aver avuto il secondo figlio, ha deciso di fare un film. Nelle sue intenzioni originarie doveva essere un’opera sui suoi genitori, interpretato dal vivo da loro stessi, colti nella loro intimità, perché, ne era sicura, nonostante la loro ritrosia, non si sarebbero sottratti alla macchina da presa della figlia.
Ma a mano a mano che l’idea prendeva forma, i produttori del film capirono che il terzo interprete di quel difficile quadro familiare, doveva essere la stessa Stefhanie, in quanto la storia era principalmente la sua.
Alla fine mettendo assieme i video della camera amatoriale, una serie di serrate interviste, a volte anche spietate, e utilizzando i preziosi dischi di vinile dove erano registrate le più belle interpretazioni dei due pianisti, è venuto fuori questo documentario. Immagini biografiche che restano di estremo interesse solo nei confini familiari, mentre la noia ha il sopravvento e solo la magia della musica, suonata con la forza da Martha, ci fanno arrivare alla fine.

“Non è stata una resa dei conti – ha detto Stephanie – ma un tentativo di riconciliazione, un tentativo di adottare una posizione di parità, di entrare nel mondo dei miei genitori e di condurli nel mio” Peccato che di quest’ultimo proposito restino poche tracce: nonostante tutto, è come se ancora una volta Stephanie sia rimasta schiacciata da queste personalità così eccezionali, ma anche così invasive e assolute e di lei, del suo carattere, dei suoi impulsi poco viene fuori nel documentario, forse qualcosa appena, verso la fine, quando provoca il padre sperando di farsi dare il suo nome.
Un’opera prima che non supera la soglia del filmino di famiglia.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere