HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Documentario arrow Capitalism: A Love Story
Mercoledì 28 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Capitalism: A Love Story PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 09 novembre 2009

Capitalism: A Love Story
Titolo originale: Capitalism: A Love Story
USA: 2009 Regia di: Michael Moore Genere: Documentario Durata: 120'
Interpreti:
Sito web: www.capitalismalovestory.com
Nelle sale dal: 30/10/2009
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Pungente

capitalismalovestory_leggero.jpgGiunto in sordina il nuovo film-documentario di Michael Moore, in un’Italia interessata a escort e trans, non crea polemiche o contrapposizioni se non qualche battuta sulla grassezza del regista da parte di qualche scrivente in carriera.
E capita proprio col primo film-documentario realmente polemico e istigatore alla disobbedienza se non alla rivolta. Moore parte dall’assunto che Capitalismo e Democrazia non sono sinonimi, anzi in questi ultimi decenni possono definirsi in netta contrapposizione e negli ultimi anni antitetici dopo la crisi mondiale che tutti stiamo pagando. Il popolo americano paga il prezzo della confusione creata tra il concetto di Capitalismo e quello di Democrazia.

Ci fa ascoltare Reagan e Bush e ci fa notare da chi sono circondati: banchieri e finanzieri, gli stessi della crisi finanziaria di oggi. Il documentario inizia mostrando un gruppo immobiliare che acquista a prezzi stracciati case già pignorate per poi rivenderle facendo profitti, mostra la classe media ridotta a proletariato e privata dei propri beni primari dalle banche: come diceva Brecht, i "veri" rapinatori non sono quelli che rapinano ma i banchieri stessi. Si passa alla descrizione di un carcere privato messo su a scopo di lucro e dell’arresto di seicento ragazzi finiti dentro per una combine tra due giudici e il proprietario del carcere stesso, per guadagni esorbitanti.

Ci mostra l’assurda tragedia del sistema sanitario americano e quello delle aziende che assicurano per se stessi i propri dipendenti e alla loro morte ci guadagnano lasciando le famiglie sul lastrico. Insomma Moore ci parla di diritti basilari che la ricerca sfrenata del guadagno non dovrebbe mai calpestare.
La parte più interessante di questo documentario è il suo essere stato girato proprio mentre la crisi esplodeva.
"In America - racconta Moore - le persone tendono ad aspettare fino alla catastrofe prima di discutere apertamente: anche se t utto questo ce l'hanno sotto gli occhi e sentono che qualcosa è andato storto, continuano comunque a seguire la corrente.
Molti ritengono che sia sufficiente tenere la testa bassa e turarsi il naso per cavarsela: ma qualcuno deve alzare la voce".
Come fa l’autore ma questa volta con un tono meno ironico ma pieno di speranza ( Le elezioni di Obama e la chiusura del film con l’ultimo discorso alla nazione di Roosewelt ne sono due esempi ), mostrando come ci sia oggi una diffusa e positiva disobbedienza civile e morale ( cittadini che rioccupano le loro case, operai che occupano le fabbriche, ma anche a tutti i livelli nelle diverse società ) contro le ingiustizie di un sistema cresciuto malato e che va necessariamente cambiato, usando coscienza, forza e tanta fantasia.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere