Mercoledì 28 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Citizenfour PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 21
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
venerdì 24 aprile 2015

Titolo: Citizenfour
Titolo originale: Citizenfour
USA, Germania 2014 Regia di: Laura Poitras Genere: Documentario Durata: 114'
Interpreti: Edward Snowden, Glenn Greenwald, William Binney, Jacob Appelbaum, Ewen MacAskill, Jeremy Scahill, Julian Assange, M. Margareth McKeown, Barack Obama
Sito web ufficiale: www.citizenfourfilm.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 16/04/2015
Voto: 8
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Poderoso
Scarica il Pressbook del film
Citizenfour su Facebook

citizenfour_leggero.png"Sventurato quel popolo che ha bisogno di eroi". È la famosa frase scritta da Bertold Brecht e fatta dire al grande scienziato pisano nella Vita di Galileo. E questi tempi hanno purtroppo sempre più bisogno di eroi, piccoli e grandi che siano.
E non sono certo gli Obama o le Clinton o i Ban Ki-moon e loro consimili correi dell’orrore dei fatti. Eroi, lo sono invece e incredibilmente persone che per chissà quale dignità umana mettono a rischio una vita comoda per svelare quello che molti sanno ma non possono dimostrare e molti altri ancora non vogliono ammettere pensando che siano solo cose di propaganda.
Gente come Julian Paul Assange, Bradley Edward Manning o Edward Joseph Snowden sono i veri eroi dei nostri tempi. E sulle scelte, anche morali, di quest’ultimo giovane uomo americano gira il documentario della Poitras ( già autrice, e per questo perseguitata dal governo statunitense, di due documentari come My Country My Country in cui la regista segue un dottore sunnita che si prepara alle elezioni in Iraq del 2005.
Mentre nel 2010 realizza The Oath in cui si racconta la prigionia a Guantanamo di Abu Jandal, ex-fedelissimo di Osama Bin Laden, che ci spiega come nasce e cresce uno jihadista nei nostri giorni ).

Citizenfour è lo pseudonimo usato da Snowden per essere contattato dai giornalisti Glenn Greenwald e Ewen MacAskill, durante la sua permanenza quasi da clandestino in un albergo di Hong Kong. Confessioni che ha fatto ai due giornalisti inglesi del The Guardian e che i due hanno divulgato al mondo. Le accuse che vengono alla luce sono quelle di un sistema di sorveglianza di massa fatto di intercettazioni telefoniche, controllo di mail a tutti i cittadini americani e non, ma anche a politici di altri Paesi alleati ( dalla Merkel a Lula ) e ad imprese di tutto il mondo; una rete della CIA e di altre agenzie meno conosciute utilizzata illegalmente con il pretesto della lotta al terrorismo.
Snowden è un giovane tecnico informatico che ha lavorato per alcuni mesi per la CIA alle Haway, lavorando nel sistema informatico e potendo entrare nei file segretati dell’agenzia ha compreso la gravità della situazione e ha rivelato l’ampiezza della portata della sorveglianza indiscriminata ( senza alcun controllo giuridico ) messa in atto dalla NSA ( National Security Agency ) e di altre agenzie di intelligence e sicurezza statunitensi, su tutti i cittadini ( ‘ Datagate ’ ).
Insomma dei metodi tipici dello spionaggio della Stasi della vecchia DDR e che in questi tempi sono ritornati come consuetudine.

Nel gennaio del 2013, la documentarista Laura Poitras ha ricevuto una e-mail crittografata da uno sconosciuto che si faceva chiamare Citizen Four. Le ha offerto le sue informazioni sulle intercettazioni illegali che le agenzie degli Stati Uniti ( NSA ) e altre agenzie di intelligence stavano compiendo. La Poitras aveva già lavorato a un film sui programmi di monitoraggio negli Stati Uniti che sono derivati dagli attacchi dell'11 Settembre .
Nel giugno 2013, accompagnata dal giornalista investigativo Glenn Greenwald del The Guardian e dal giornalista Ewen MacAskill è arrivata a Hong Kong con la sua macchina fotografica per il primo incontro con lo sconosciuto che si è identificato come Edward Snowden. Dopo quattro giorni di colloqui, il 9 giugno l'identità di Snowden è stata concordemente resa pubblica. Quando i media scoprono il numero della camera di Snowden all’Hotel The Mira Hong Kong, il giovane è costretto a trasfersi nella stanza della Poitras per eludere alle innumerevoli telefonate della stampa e forse per evitare il rischio d’arresto o anche peggio. Poi come tutti ricordiamo, per non rischiare una richiesta di estradizione da parte del governo di Barack Obama, Snowden dapprima si è fatto aiutare dal Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati per ottenere lo status di rifugiato.

Il 21 giugno, il governo degli Stati Uniti chiede al governo di Hong Kong di estradare Snowden e gli viene annullato il passaporto americano; prima che possa scappare in Ecuador o in Islanda o a L'Avana ( Paesi che gli hanno offerto l’ospitalità ) si ritrova bloccato all'aeroportointernazionale Sheremetyevo di Mosca. Allora Snowden è costretto a chiedere asilo politico e il 1 ° agosto del 2013, dopo quaranta giorni, il governo russo gli concede un asilo temporaneo per un anno. Nel frattempo, il giornalista Greenwald è tornato a Rio De Janeiro, e parla pubblicamente di utilizzo di programmi di sorveglianza della NSA all'estero.
Ed anche nei palazzi della Comunità Europea si parla della gravità della situazione in cui il mondo e la democrazia si ritrova. Il film si chiude con Greenwald, Snowden e la Poitras che si incontrano nella casa di Snowden in Russia, e possono discutere dei nuovi dettagli che emergono sui programmi segreti americani, ma attenti solo a comunicare al mondo informazioni che non irritino del tutto il governo di Obama.

Il documentario, prodotto anche dal regista Steven Soderberg e vincitore del Premio Oscar nel 2015, ha un ritmo inizialmente lento e un po’ faticoso ( forse anche perché in Italia non è stato giustamente doppiato e quindi ci sono i sottotitoli per l’inglese e il portoghese ), ma nella seconda parte diventa quasi avvincente trovando un ritmo narrativo serrato, quasi da spy-story, oltre a mostrarci senza dichiararlo le preoccupazioni sempre più pressanti di Snowden e di Glenn Greenwald e degli altri eroi della situazione. Sembra quasi che siamo in quella stanza d’albergo e si respira l’ansia e le inquietudini delle possibili conseguenze personali.

Trailer



 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere