Venerdì 23 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
In Fabbrica PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Chicco D'Aquino   
mercoledì 27 agosto 2008

In Fabbrica
Titolo originale: In Fabbrica
Italia: 2007 Regia di: Francesca Comencini Genere: Documentario Durata: 73'
Interpreti:
Sito web:
Nelle sale dal:
Voto: 7,5
Trailer
Recensione di: Chicco D'Aquino

in_fabbrica_leggero.jpegIn fabbrica, ritratto dell'Italia dell'immigrazione negli anni "felici" del boom, del dualismo Pci-Dc e più tardi della prima esperienza del centro-sinistra(fortemente influenzata da quel "tintinnìo delle sciabole" di nenniana memoria)- ci consegna una delle più marcate visioni realiste apparse negli ultimi anni. Documentario sociale realizzato facendo ampio uso delle interviste a cittadini del Sud costretti ad emigrare a Nord (triangolo industriale ma anche Germania, Belgio, Svizzera), girato in bianco e nero, utilizzando documenti d'epoca e un commento che non lascia spazio nè a retorica nè a riflessioni dietrologiche, in fabbrica raccoglie, scansiona e invia all' attenzione di noi tutti spezzoni di vita, di vite plasmate dal lavoro, simbolo di riscatto dalla miseria secolare di un meridione, ancorato a una perenne condizione di "sottosviluppo", in mano a latifondisti e caporalato. La trasformazione antropologica di donne e uomini, attraverso penosi riti di accettazione sociale e discriminazioni di vario segno- in alcune città industriali comparivano cartelli con su scritto non si affitta a meridionali- si snoda attraverso e anche grazie al forte impatto con la fabbrica, con la produzione a catena,  l'implacabile linea. La fabbrica, luogo fisico estraneo ai remoti spazi incantati dell'entroterra siculo, o a quelli immensi del Tavoliere o ai villaggi sperduti tra i monti di un sud rurale e magico- se da un lato garantisce inediti livelli di sopravvivenza al nuovo ex-contadino-operaio/a massa dall'altro ne estorce vitalità e intelligenza, compensando con la promessa di nuovi consumi(ma dalla cittadinanza incerta, lo statuto dei lavoratori vedrà la luce solo dopo le lotte del'68) lo spreco di creatività potenziali, di energia innovativa, di tensioni positive.
Il lavoro della Comencini in tal senso mette in luce un'Italia che oltre a non esserci più è lontana sideralmente dal quotidiano sistema-paese, schiacciato da corporazioni intoccabili che, non solo politiche garantiscono la perpetuazione del potere secondo linee quasi dinastiche, offrendo a milioni di cittadini la consolazione di un'allarmante dominio sulle "anime", tramite schermi televisivi , anime da tempo depredate alla temporalità della Chiesa, al suo ex- monopolio spirituale con consistenti basi finanziarie.
Il lavoro oggi è, e la Comencini lo sa bene, riduzione ad una sorte di ultra-merce, iper-flessibile, ipo-garantito e nano-pagato.
I ragazzi lo sanno bene. Chissà che non apprezzino lo sforzo della regista e ne traggano spunto per ricominciare a battagliare in nome del più elementare dei diritti: quello di un'esistenza decente.


 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere