Martedì 2 Marzo 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
La bocca del lupo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 22 febbraio 2010

La bocca del lupo
Titolo originale: La bocca del lupo
Italia: 2009  Regia di: Pietro Marcello Genere: Documentario  Durata: 76'
Interpreti: Vincenzo Motta, Mary Monaco
Sito web: www.mymovies.it/laboccadellupo
Nelle sale dal: 19/02/2010
Voto: 7,5
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Rigoroso

La bocca del lupoVedere questo docu-film è come essere folgorati sulla via di Damasco.
E' come entrare nelle viscere di un certo mondo sia esistenziale che culturale. Siamo nei carrugi di Genova, al termine del mondo perché un mondo esiste. Un viaggio al centro della Terra, fatto da esseri marginali, puri nella loro immediatezza senza alcun archetipo di sovrastruttura, bisognosi di quell'affetto e di quella solidarietà che nessun mondo borghese può chiedere o sa pretendere più.
Siamo in quello stesso perimetro di Terra che ha cantato in direzione ostinata e contraria De Andrè con le sue Anime Salve, che abbiamo letto nei libri di Genet e di Franco Fortini, che abbiamo trovato ( in
questo caso senza ideologie culturali ) nel pensiero di Pasolini e nelle poesie di Victor Cavallo, che cinematograficamente ci ricorda l'interezza morale di Straub e Danielle Huillet, di Nico D'Alessandria de " L'Imperatore di Roma", ma anche del Wenders pentito de " Il Cielo sopra Berlino " e parafrasando il suo autore-sceneggiatore Handke " . Quando l'uomo era uomo era il tempo di queste domande. ".

E' un film duro, rigorosissimo, senza concessioni e quindi poetico e folle; amorevole nei confronti dei protagonisti come solo Tod Browning. con Freaks è riuscito a rendere. Dopo aver visto questo docu-film anche i migliori film italiani di questa decade ci sembrano prodotti confezionati e cellofanati che sanno un po' di plastica e i cui contenuti risultano satolli, autoreferenziali e peggio ancora falsi e da salotto.
" La Bocca del Lupo " è un film a costo " zero ", circa centomila euro dichiarati, voluto dall'Associazione San Marcellino, dei Gesuiti genovesi, che nel centro storico lavora con gli emarginati come ex detenuti, prostitute, tossici, trans e senzatetto.
E organizzato e prodotto dai coraggiosi producer della Indigo film Nicola Giuliano e Francesca Cima e da Dario Zonta per l'Avventurosa. Il racconto si svolge nel labirinto dei carrugi del porto di Genova, tra la Croce Bianca, via Pré, via del Campo e Sottoripa, vicoli antichi di un posto che non sarà mai moderno e dove anche il Novecento non sembra ancora giunto.

Fortificato da splendide immagini di repertorio che la montatrice Sara Fgaier ha scelto anche con la collaborazione dell'Archivio storico Ansaldo e di molti documentari d'epoca. La storia è quella di un amore forte e intenso tra due " irregolari " che si sono conosciuti in carcere, uno ha aspettato l'altro per dieci anni nella speranza di un futuro assieme.
I due protagonisti, che vedremo l'uno accanto all'altra solo nel finale del film come nella vita reale, nell'intervista-confessione, sono Vincenzo, un catanese che ha passato ventisette anni in carcere e Mary anche lei in carcere nella sezione transessuali.
Si sono aspettati e voluti sin dal tempo del loro primo incontro dietro le sbarre, quando ancora si mandavano bigliettini e messaggi registrati su cassette di straforo.
La terza protagonista assoluta è Genova, barbarica e splendente, quasi testimone e complice del loro amore e del loro destino. Con una voce in off e con molte fratture spazio-tempo seguiamo l'oggi dei due protagonisti, vivono entrambi liberi, spensierati e innamorati; sereni nel confronto della vecchiaia che sta per sopraggiungere e abbastanza riconciliati con i loro passati burrascosi e sventurati. Intorno a loro il mondo semplice e disgregato degli emarginati visti con amorevole oggettività e senza alcun accenno di giudizio positivo o negativo che sia.

Il regista Pietro Marcello, casertano ma residente a La Spezia, di professione portiere di notte, ma con il talento del grande documentarista, è alla sua  seconda Opera, nel 2007 ha diretto "Il passaggio della linea ", documentario sui pendolari della notte. Ha vissuto per anni a Napoli, poi ha scelto di abitare in Liguria.
E' raro trovare in Italia, e forse non solo, un giovane autore che ha il coraggio, la " follia ", di cercare nuove strade, di battere sentieri altri, di aprire nuove vie, di accettare il rischio di un percorso accidentato e in totale controtendenza col sentire della stragrande maggioranza degli spettatori. In più ha scelto una sfida ancora maggior, una forma estetica tanto sospesa quanto metafisica ma allo stesso tempo tiene i personaggi ancorati ai luoghi fisici, alla terra, ma anche al sogno del mare.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere