HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Documentario arrow La particella di Dio
Domenica 28 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
La particella di Dio PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 26
ScarsoOttimo 
Scritto da Stefano Priori   
mercoledì 29 settembre 2010

La particella di Dio
Titolo originale: La particella di Dio
Italia: 2009. Regia di: Logo Genere: Documentario Durata: 40'
Interpreti: Massimo Corbucci, Massimo Marinelli e Flaminia Bonciani
Sito web ufficiale: www.logovideo.com/la_particella_di_dio
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito in dvd
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Stefano Priori
L'aggettivo ideale: Filosofico
Scarica il Pressbook del film
La particella di Dio su Facebook

La particella di DioLa particella di Dio è un corto definibile più come un esperimento visivo “didattico-scientifico”, che non come cortometraggio, per continuità di immagini. Non mancano al film aspetti qualitativi, dal punto di vista scenico.
Il film è composto da 8 episodi e inizia con una citazione di Ermete Trismegisto, personaggio dell’età ellenistica a cui si attribuisce la corrente filosofica dell’ermetismo.
E’ un testo chiaro quello scritto, ma la suggestione è davvero vicina a quella ermetica.

Il film vede come interprete il fisico Massimo Corbucci, scopritore della teoria del “vuoto quantomeccanico” nel 1976.
Il film raffronta quello che accadde nel 2008 al CERN di Ginevra, dove fu costruito il collisore atomico, dando inizio all’ esperimento nucleare per trovare “il Bosone di Higgs” e la teoria del “vuoto quantomeccanico” di Corbucci, tornando a più riprese sul concetto, attraverso il linguaggio cinematografico. Purtroppo la carenza strutturale del linguaggio stesso, crea confusione sia dal punto di vista estetico, che concettuale. Non mancano inquadrature precise e sequenziali, ma non si capisce perché Logo video non mantenga uno stile preciso in tutto il film. Si comprende a fondo la fatica organizzativa della stesura di una sceneggiatura di un simile argomento. Non si capisce però perché in una scena interessante come quella di Massimo Corbucci nel letto, si trovino mischiate inquadrature di sveglie o di oggetti secondari, ripresi peraltro in malo modo, sia per la luce, sia per il risultato finale, che invece di per sé era ben costruito. Saltando il linguaggio cinematografico, diciamo che questa confusione di immagini non giovano alla visione poetica del film nel suo insieme.
E’ anche vero che affrontare il concetto e l’immagine assieme non è cosa semplice. Quando invece si decide di affidare alla creazione grafica il compito didattico, la fantasia e l’innovazione sono lodevoli e il risultato è di altissima qualità.

C’è tuttavia un momento di “poesia-scientifica”, ed è quello che riguarda la scena con Flaminia Bonciani, dove l’onirico è ben rappresentato, sia dal gioco della corsa, che dai sorrisi di lei. La bellezza della Bonciani è sensualità. Anche il concetto che esce dalla sua voce è chiaro e suggestivo. “Tutto è vuoto, tutto viene dal vuoto.”
E’ il preludio alla spiegazione estesa  del concetto del “vuoto quantomeccanico” di Corbucci, che avviene nella parte centrale del film.
Spiegazione difficile, ma certamente affascinante. Corbucci ci parla di un infinito assoluto, dove Dio è creazione.
E’ un concetto, che sviluppa, di non facile portata, ma seppur difficile da afferrare introduce all’argomento nucleare. Come se dopo il film si fosse più consapevoli della sua portata.

La riflessione morale finale, con l’esempio dell’aereo senza pilota e della società alla deriva è poetica e riportata con semplicità. Il riferimento dato da una scienziata all’inizio del film, che la natura supera alle volte gli stessi fisici, perché più intelligente ed elegante, torna con il pensiero di Corbucci alla fine, nella frase: “Se un fisico andasse a lavorare in una centrale nucleare, non avrebbe coscienza di quello che fa”. Interessanti le musiche ironiche e retrò, cariche di un’emotività sottile, ma suadente. E’ un film al di là delle critiche da apprezzare perché riesce a dare suggestione a una storia “concettuale” e anche per l’impegno etico scientifico, oltre che umano nello sposare le tesi di Massimo Corbucci.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere