Martedì 2 Marzo 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Le quattro volte PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Maria Cristina Caponi   
lunedì 07 giugno 2010

Le quattro volte
Titolo originale: Le quattro volte
Italia, Germania, Svizzera: 2010 Regia di: Michelangelo Frammartino: Documentario Durata: 90'
Interpreti:
Sito web: www.lequattrovolte.it
Nelle sale dal: 28/05/2010
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Maria Cristina Caponi
L'aggettivo ideale: Contemplativo
Scarica il Pressbook del film
Le quattro volte su Facebook

Le quattro volteAlla base dell’invenzione del mondo vi è l’offerta del regno animale, vegetale e minerale: manifestazioni di un’essenza invisibilmente sacra in cui l’immagine si fa materia, approcciandosi all’arte con la contraddizione di un certo pudore espressivo.
Quattro “personaggi”, quattro “testimoni” per passaggi fluidi da intendersi come una sorta di reincarnazione da uno stato all’altro della forma.
Un vecchio pastore malato muore, mentre un capretto nasce.
A sua volta, il cucciolo di animale si abbandona esausto ai piedi di un maestoso abete su cui calerà una mano che ghermisce un’accetta: il suo legno, dopo la scena della gloria in una festa paesana, diventerà carbone da ardere.

Percorsi strazianti e formulazioni originali che costituiscono un unicum rispetto alla coeva produzione italiana, poco interessata all’antica morte di una cultura popolare. Michelangelo Frammartino si dimostra autoassolutorio nel cercare di smorzare la trama orale con larghe pause e nel non voler neppure sfruttare il preziosismo dialettale, che rimane soltanto un eco lontano. Il potere di ricostruire il canto di questa favola fuori dal tempo è affidato in toto allo spettatore, cui è richiesta la capacità di raccordare nella mente tutti i passaggi di quel grande affresco naturalistico visto sul grande schermo.

Le quattro volte mostra un cuore semplice, non negando un approccio realistico semmai mediandolo con un reverenziale estremismo verso il virtuosismo della forma. Il suo bisogno di esprimersi radicalmente lo conduce a uscire dalla natia Milano per dirigersi in Calabria. Qui sette anni fa aveva diretto Il dono, una pellicola che a suo tempo ha partecipato a numerosi festival internazionali ottenendo diversi riconoscimenti.
Precisamente, il suo atteggiamento contemplativo ne Le quattro volte oscilla tra i borghi di Caulonia e quelli di Alessandria del Carretto, paesi che già il regista Vittorio De Seta nel 1959 aveva filmato nel suo ultimo cortometraggio dal titolo I dimenticati.
E, proprio a De Seta e alla scuola dei documentaristi italiani (Michelangelo Antonioni, Francesco Maselli, Valerio Zurlini), guarda Frammartino per l’umiltà poetica e intellettuale del suo stile.

L’autore de Le quattro volte, tuttavia, non è apparentabile con questa schiera di artisti per quanto riguarda l’impegno ideologico e sociale. L’esagerata ricerca espressiva messa in atto dal filmaker lombardo è stata escogitata apposta per non fare prigionieri: il cinema può o non può affascinare come può o non può far sentire in disagio il pubblico, mentre i compromessi – in nessun caso – non sono accettati.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere