HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Documentario arrow Rolling Stones' Shine a Light
Domenica 28 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Rolling Stones' Shine a Light PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Valentina Ariete   
martedì 12 agosto 2008

Rolling Stones' Shine a Light
Titolo originale: Shine a Light
USA: 2007 Regia di: Martin Scorsese Genere: Documentario Durata: 122'
Interpreti: Keith Richards, Mick Jagger, Bill Clinton, Ron Wood, Charlie Watts, Igor Cherkassky
Sito web: www.shinealight-il-film.blogspot.com
Nelle sale dal: 11/04/2008
Voto: 7,5
Trailer
Recensione di: Valentina Ariete

Martin Scorsese celebra con un documentario i leggendari Rolling Stones.

shinealight_leggero.jpegI Rolling Stones devono avere più di una semplice simpatia per il diavolo.
Hanno sicuramente stretto un patto con Satana: non si spiega altrimenti la loro incredibile longevità artistica e di performers dal vivo.
Basta assistere ad una loro esibizione per rendersene conto: Mick Jagger, all’età di sessantacinque anni, sul palco è un demonio scatenato, uno spiritello dirompente ed energico, che esegue passi di danza a ritmo frenetico, donando al pubblico adrenalina pura.
Che dire poi del mefistofelico Keith Richards: il sorriso più ambiguo e irresistibile della storia del rock! Un chitarrista leggendario, un pirata della musica, tanto da diventare un’icona citata anche nel film “Pirati dei Caraibi” con protagonista Johnny Depp (che gli ha interamente copiato il look).
Per celebrare questa band, che ha fatto la storia del rock, è stato chiamato in causa un regista del calibro di Martin Scorsese, che di musica se ne intende e che ha realizzato numerosi film e documentari su personaggi del mondo delle sette note: “No Direction Home: Bob Dylan”, “Feel like going home” sulla storia del blues, “L’ultimo valzer” e l’indimenticabile “New York, New York”. Dal canto suo, Scorsese ha voluto con sé una troupe veramente d’eccezione: il direttore della fotografia Robert Ridcharson, due volte premio Oscar, che ha guidato una vera e propria squadra di direttori della fotografia di fama mondiale tra cui i premi Oscar John Toll e Andrew Lesnie e i candidati all’Academy Award Stuart Dryburgh, Robert Elswith e Ellen Kuras. Per il montaggio è stato scelto David Tedeschi, che con Scorsese aveva già lavorato al documentario su Bob Dylan.
La pellicola è divisa in due parti: un’introduzione racconta di come Scorsese abbia letteralmente inseguito la band durante il tour negli States, abbia definito i dettagli per le riprese ed elemosinato la scaletta definitiva del concerto che fino alla fine non arriva mai.
Irresistibile questa prima parte in cui il regista ha potuto seguire i Rolling Stones nei camerini: la loro simpatia, la follia, l’energia sono così dirompenti da contagiare Scorsese, che per tutte le riprese non fa che ridere e lo spettatore con lui.
Introdotti così i personaggi, si passa alla seconda parte: il concerto tenutosi al Beacon Theatre di New York nell’autunno del 2006. Prima che lo show abbia inizio, come in una processione, vediamo personaggi importantissimi, tra cui la famiglia Clinton al completo, che va ad omaggiare questa sorta di dei pagani: incredibile come ogni componente della band si presenti a tutti come se nessuno sapesse chi sono!
Finiti i preparativi, giunto tutto il pubblico in sala, si accendono le luci e comincia lo spettacolo: con un’energica “Jumpin’ Jack Flash” il pubblico può subito entrare nello spirito vitale, scanzonato e senza tempo della band.
I quattro inglesi, nei loro vestiti luccicanti, ipnotizzano il pubblico, lo esaltano e gli donano un’enorme voglia di vivere e di divertirsi.
Tra camaleontici cambi di abiti Mick Jagger canta con la voce graffiante di sempre, balla come un indemoniato e scherza con gli altri componenti della band: un Keith Richards, che entra in estasi mistica ad ogni assolo di chitarra e che tra un pezzo e l’altro trova il tempo di fumare una sigaretta e gettare il plettro al pubblico, un Charlie Watts, impassibile come sempre ma che all’improvviso fa una smorfia direttamente in camera, e un Ron Wood, che insieme a Richards fa dei duetti di chitarra memorabili. Ad arricchire il concerto contribuiscono tre fantastici guest artists: Jack White dei White Stripes, Buddy Guy e una scatenata Christina Aguilera.
In più Scorsese ha intervallato le canzoni con spezzoni di vecchie interviste della band, tra cui una particolarmente significativa: un Jagger poco più che ventenne dice al giornalista che spera di poter continuare suonare almeno per altri tre o quattro anni.
Le quasi due ore di concerto sono una vera e propria scarica di elettricità: impossibile non canticchiare e muoversi, fino al pezzo conclusivo, l’immortale “I can’t get no satisfaction”.
Se nei primi piani non si vedessero le profonde rughe che segnano i visi di questi arzilli giovanotti ultrasessantenni, nessuno crederebbe che questa band esiste da più di quarant’anni: in un certo senso si potrebbe dire che la loro musica è una fonte meravigliosa in grado di dare l’eterna giovinezza.
In fondo è solo rock and roll: ma che rock and roll ragazzi!


 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere