Giovedì 25 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
The bridge PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Diego Altobelli   
domenica 29 aprile 2007

The bridge
USA: 2006. Regia di: Eric Steel Genere: Documentario Durata: 93'
Interpreti:
Recensione di: Diego Altobelli

thebridgeleggero.jpgIl Golden Gate, il ponte di San Francisco, una delle sette meraviglie del Mondo: il posto che ha il maggior numero di suicidi all'anno. "The bridge" di Eric Steel documenta la morte, in presa diretta, di ventiquattro persone che nel 2004 hanno deciso di porre fine alla loro vita gettandosi dal monumento metallico. Una pellicola inquietante quanto struggente che prova a raccontare la disperazione di quei gesti, attraverso le testimonianze di amici e parenti degli scomparsi.
La domanda che ci si pone guardando il documentario di Eric Steel è: "come mai proprio il Golden Gate per suicidarsi?". Una domanda seguita da altri dubbi sulle misure di sicurezza di uno dei luoghi di maggior attrazione per i turisti o sulla mancanza di interesse che, in qualche strano modo, si respira dalle stesse persone che vedono e vivono direttamente quei gesti disperati. "The bridge" non dà risposte a questi quesiti, limitandosi a mostrare una lunga serie di interviste alternate a immagini del ponte. Proprio dell'aspetto visivo colpisce il contrasto che si viene a creare tra il monumento e la vita che lo circonda (ad esempio le immagini che mostrano bambini che giocano a pallone mentre in lontananza qualcuno ha deciso di compiere il salto, o altre che fanno vedere la città che continua a "vivere" pur avendo sullo sfondo quel luogo di morte). Il Golden Gate diventa così un luogo maledetto, una sorta di mostro metallico portatore di morte: con la sua nebbia che lo avvolge tutto; con il vento che soffia forte e violento sui suoi pilastri; con la sua indifferenza, filtrata attraverso il traffico frenetico delle automobili che lo attraversano. Angosciante, come le scene che ritraggono questi "voli" della disperazione: urla silenziose di vite mai realmente vissute. Questa di Eric Steel è una pellicola di grande impatto e di grande smarrimento, tanto che definirlo un "bel documentario" risulta riduttivo quanto inutile: di fronte alla morte e alla disperazione ogni forma di commento perde di significato, divenendo un inutile gioco intellettivo.
Infine, come giustamente afferma una delle persone intervistate, il "ponte" è già di per sé un elemento semantico di contrasto: in quanto espressione del "romantico", ma allo stesso tempo rivelazione del dramma. Esso collega artificialmente due luoghi altrimenti distanti e ne promette l'unione, ma essendo questa forzata, finisce per deludere le aspettative. Il "ponte" visto come luogo di incontro e di passaggio allo stesso tempo, un non-luogo quindi, un limbo dove perdersi e lasciarsi andare.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere