Martedì 26 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Zero Bagget PDF Stampa E-mail
Scritto da Ciro Andreotti   
venerdì 28 luglio 2017

Titolo: Zero Bagget
Titolo originale: Zero Bagget
Italia 2014 Regia di: Michele Coppini Genere: Documentario Durata: 70'
Interpreti: Michele Coppini, Shel Shapiro, Carmen Di Cintio, Paolo Ruffini, Elisa Baldini, Ambra Craighero, Emiliano Cribari, Marco Duradoni, Stefano Lusardi, Daniele Mochi, Alessio Venturini
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Home Video
Voto: 7
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Sui generis....
Scarica il Pressbook del film
Zero Bagget  su Facebook

michele_coppini.jpgUn giovane tecnico e cameraman Fiorentino e con la smodata passione per il cinema di qualunque ordine, genere e (de)grado, non trovando sovvenzioni per la sua nuova pellicola s'interroga sullo stato nel quale versa la settima arte di casa nostra.
Per farlo riprende e intervista chiunque gli capiti a tiro: dai membri della sua famiglia, nel corso di cene e incontri, ai colleghi di lavoro della TV locale ove lavora da molto tempo con un contratto rigorosamente precario.
Da coloro che con lui sono impegnati nelle scorribande di celluloide fatte di progetti passati, presenti e possibilmente futuri; fino ad arrivare a intervistare sia chi ha ‘sfondato’, ma senza tralasciare anche chi sta cercando di farcela sgomitando in un business che sta affrontando una crisi terribile.

Quel che Michele Coppini, è questo il nome di questo quasi quarantenne, ricava; è un documentario declinato sotto forma di commedia e dotato della medesima dignità di una pellicola montata con mezzi più ingenti, ma altresì girata con strumenti letteralmente ‘propri’, o impropri che dir si voglia: già perché tutto il film, direttamente distribuito per il mercato dell’’Home Video, è stato girato con un semplice smartphone, qualità che ne fa un prodotto unico nel suo genere ma capace di toccare egualmente le corde di un problema che dal cinema prende il via per parlare di altro ovvero di Italia e precariato. Non si dimentichi che proprio l’autore toscano era stato l’ideatore, con la sua casa di produzione indipendente, dell’ottima Web serie: Paranormal Precarity, una manciata di puntate per spiegare dove stia andando la nostra nazione.
Proprio da questa fatica distribuita on – line pare ripartire ‘il’ Coppini, come è amichevolmente definito da tutti, il quale riesce con un linguaggio semplice, diretto e allegro a spiegare cosa significhi essere un possibile cervello in fuga, o almeno sottodimensionato rispetto alle proprie possibilità professionali.

Piacerà molto non certo per la novità del tema trattato ma di certo per come questo sia stato abilmente declinato al ritmo di cinque megapixel per inquadratura.

Trailer

 
< Prec.

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Glory - Non c'è tempo per gli onesti
Noi Siamo Tutto
Cuori Puri
Gold – La grande truffa
Il colore nascosto delle cose
Professore per amore
Presagio Finale
McFarland, USA
Atomica Bionda
In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi
Dunkirk
Zero Bagget
La verità, vi spiego, sull'amore
Il permesso - 48 ore fuori
Spider – Man: Homecoming
Risk
Ritratto di Famiglia con Tempesta
Être et Durer
Parliamo delle mie donne
Io Danzerò
Una doppia verità
Wonder Woman
Sognare è Vivere
Indizi di felicità
Tutto quello che vuoi
Song to Song
Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar
47 Metri
Alien: Covenant
La voce - Il talento può uccidere
The Loft
Codice Unlocked - Londra sotto attacco
Sole Cuore Amore
7 Minuti dopo la Mezzanotte
A casa nostra
Le cose che verranno
La tenerezza
The Circle
Barriere
Una settimana e un giorno
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere