HOME arrow IL CINEMA ASIATICO arrow Drammatico 1 arrow A good lawyer’s wife
Giovedì 19 Maggio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
A good lawyer’s wife PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
martedì 30 ottobre 2007

A good lawyer’s wife
Titolo originale: Baramnan gajok
Corea: 2003. Regia di: Im Sang-soo Genere: Drammatico Durata: 106'
Interpreti: Moon So-ri, Hwang Jung-min, Yun Yeo-jung, Kim In-mun
Sito web:
Voto: 7
Recensione di: Nicola Picchi

“Se il nostro corpo vuole qualcosa, bisogna darglielo.”
(A good lawyer’s wife)

a_good_lawyers_wife_leggero.jpgQuesto film di Im Sang-soo era miracolosamente uscito anche da noi con il titolo “La moglie dell’avvocato”, spacciato in maniera truffaldina per filmaccio pseudo erotico (“Un erotic thriller intenso e scandaloso”, recita il DVD ed anche “Scene di sesso magnifiche”, firmato L’Espresso). Evidentemente si pensa che, nella percezione del popolo italico, gli orientali, non importa di quale nazionalità, “lo fanno strano”, e quindi una curiosità un po’ pruriginosa sia l’unico modo per accostare la gente a questo tipo di cinema. Inutile dire che il film è tutt’altra cosa. Molto criticato in patria per come indaga le dinamiche familiari all’interno della società coreana, ovvero con implacabile realismo ed uno straniante e gelido distacco, “A good lawyer’s wife” è il ritratto della disgregazione di un gruppo familiare e, forse, della sua impossibilità a sopravvivere nel mondo contemporaneo, tanto che Im, replicando alle critiche, ha dichiarato: “È la storia della mia vita, della mia famiglia, dei miei amici.” Ho-jeong, ex ballerina, è la moglie insoddisfatta di Young-jak, avvocato di successo, il quale la trascura per un’amante più giovane, Yeon, di cui non è innamorato ma da cui è attratto sessualmente. A lei non resta che occuparsi del suocero, ormai in fin di vita, ed iniziare una relazione con Ji-woon, il vicino di casa diciassettenne. Una sera Young-jak e Yeon hanno un incidente di macchina, un evento che porterà a conseguenze drammatiche e del tutto inaspettate, che faranno precipitare le cose. Im Sang-soo evita le secche del melodramma grazie ad una scrittura rigorosa, scansando le morbosità potenzialmente insite nel rapporto tra Ho-jeong e Ji-woon, morbosità che, a dire il vero, sono da sempre assenti nel cinema coreano (vedi anche l’ottimo “Green chair”, per restare in argomento) che offre una rappresentazione adulta e matura della sessualità, ben lontana dai titillamenti adolescenziali da seminarista con cui il nostro cinema ha quasi sempre affrontato l’argomento. I personaggi sono segnati dall’insoddisfazione, particelle impazzite di un sistema in via di disintegrazione: Young-jak resta con l’amante spinto più che altro dal senso di colpa da quando lei è rimasta incinta, e Yeon lo tradisce a sua volta con un altro uomo; sua madre aspetta con impazienza la morte del marito, malato di cancro, per potersi risposare con un vecchio compagno di scuola; suo figlio Soo-in rimane traumatizzato e spaesato quando scopre di essere stato adottato; Ho-jeong cerca un’impossibile via di fuga nella sua storia con Ji-woon, ma la loro relazione è destinata a troncarsi bruscamente quando il padre del ragazzo li sorprenderà insieme. Im Sang-soo adotta bruschi cambi di tono e sterzate improvvise, che alle volte possono risultare spiazzanti e che fanno deflagrare con violenza i già fragilissimi rapporti tra i personaggi, basati su una rete quotidiana di falsità, sotterfugi e menzogne. Il regista filma in digitale con largo uso di camera a mano e con lunghi piani-sequenza a definire abilmente gli spazi dove lascia vivere e respirare i suoi protagonisti, contrapponendo nettamente armonia (la scuola di danza) e caos (tutto il resto), mentre la fotografia di Kim Woo-hyung adotta colori saturi ed iperrealisti, dando al film quel tono un po’ laccato tipico di tanto cinema coreano. Straordinaria la prova d’attrice di Moon So-ri (Oasis, Family ties), che lentamente si riappropria del suo corpo e della sua fisicità, fino a trovare la forza che le permetterà di maturare l’esigenza di un distacco definitivo.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere