Giovedì 19 Maggio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
A Woman and War PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 46
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
venerdì 15 novembre 2013

Titolo: A Woman and War
Titolo originale: Senso to Hitori no onna
Giappone: 2013. Regia di: Junichi Inoue Genere: Drammatico Durata: 98'
Interpreti: Akira Emoto, Jun Murakami, Masatoshi Nagase, Noriko Eguchi
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Anteprima Torino film festival
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Combattuto
Scarica il Pressbook del film
A Woman and War su Facebook
Tratto dalla novella di Ando Sakaguchi

a_woman_and_war_leggero.pngAlla fine della Seconda Guerra Mondiale Nomura, uno scrittore in grave crisi creativa, convive con una prostituta. Nel mentre Ohira, un soldato rientrato dal fronte a causa della perdita di un braccio, inizia a ripetere in patria le atrocità di cui si è macchiato in guerra, violentando e uccidendo giovani donne.

Nomura è uno scrittore che vede la fine della guerra come la fine del suo mondo. L’imminente invasione degli Alleati e l’inevitabile resa del Giappone gli paiono talmente intollerabili da indurlo a meditare il suicidio. Apparentemente sembra però trovare un blando sollievo nel convivere con una giovane prostituta, la quale si vende ai soldati e vive la sua professione meccanicamente, al punto tale da non provare nulla nei suoi amplessi con Nomura.
Ohira è un soldato che torna a casa dopo aver perso un braccio in combattimento.
Il suo tentativo di tornare alla normalità con la sua famiglia è ostacolato dai ricordi di quello che ha commesso in guerra. Non passerà molto tempo, infatti, prima che egli si risolva a ripetere in patria le stesse atrocità.

La guerra è il fulcro e lo spettro al centro di questa riuscitissima trasposizione di una novella di Ando Sakaguchi. Mentre intorno infuriano bombardamenti e la gente patisce la fame, i tre protagonisti cercano una via per la sopravvivenza. Ciascuno a suo modo ha una strategia e, se per la prostituta senza nome vendersi ai soldati e nel contempo iniziare una convivenza con Nomura può essere una buona possibilità di tenersi al riparo dalla fame e dagli stupri, per l’uomo la cosa non sembra sortire grossi effetti a contrastare la depressione per la fine di un’epoca, mentre per Ohira il ripetere in patria le cose di cui si è macchiato in guerra è l’unico modo per tentare di trovare un sollievo alla colpa di essere sopravvissuto.
I tre annaspano in un mondo in disfacimento e nel frattempo l’assenza di regole morali sembra in parte alludere al decadimento dei valori di una nazione che si era sentita in grande espansione appena pochi anni prima. Il Giappone dell’Imperatore in nome del quale nazioni sono state sopraffatte e popolazioni civili sterminate, è adesso ridotto a un cumulo di macerie, le quali rispecchiano i resti dell’idea di sé che ciascuno dei protagonisti fatica a rimettere insieme.

La storia evolve lentamente, il racconto è affidato alle immagini più che a un’aperta spiegazione dei comportamenti di ciascuno. Le macerie che affollano la scena sono solo lo specchio di quelle che in verità abitano l’anima dei protagonisti. I tre hanno in comune soltanto un dolore antico, fatto di illusioni perdute e di un passato glorioso. Ed è per questo che a chi gli urla che uccidere in guerra è diverso dal farlo in pace Ohira non trova niente di meglio da rispondere che si tratta della stessa differenza tra una medaglia al valore e una condanna a morte. Questo il pensiero dietro tanto affannarsi a raccontare il tramonto di un’epoca e il dolore per la perdita della prospettiva attraverso cui guardare a un futuro.

La buona prova di tutto il cast è la forza su cui si regge questa dolorosa ricostruzione di un racconto in parte vero, la figura di Ohira è infatti ispirata a Kodaira Yoshio, soldato condannato a morte nel 1949 per aver violentato e ucciso dieci donne giapponesi, e averne violentate altre trenta, dopo il suo ritorno dalla guerra. Junichi Inoue usa qua un filtro attraverso il quale guardare al passato senza il fumo della propaganda e la cancellazione di eventi ritenuti scomodi.
La regia pulita, didascalica, sotto la palese ispirazione di Wakamatsu Koji, a suo tempo grande affabulatore di storie del passato di una guerra ormai cancellata dai libri di storia ma non per questo dimenticata, regala un’ottica nuova da cui cogliere tutto il dolore di un passato per il quale mai nessuno si è sentito in dovere di scusarsi.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere