Martedì 20 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Amen PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 44
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
martedì 02 ottobre 2012

Titolo: Amen
Titolo originale: Amen
Corea del Sud: 2011. Regia di: Kim Ki-duk Genere: Drammatico Durata: 72'
Interpreti: Kim Ki-duk, Kim Ye-na
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Risorto
Scarica il Pressbook del film
Amen su Facebook

amen_leggero.pngUna ragazza arriva a Parigi sulle tracce del suo compagno, ma non riesce a mettersi in contatto con lui. Lo cerca a Venezia e poi ad Avignone e, mentre si trova in viaggio, si accorge di essere seguita.

Una giovane donna coreana atterra a Parigi. Nessuno la aspetta all’aereoporto. La vediamo telefonare, ma non riesce a contattare la persona che avrebbe dovuto venire a prenderla. Lei non si da per vinta e lo cerca a casa di lui.
Ma non lo trova neanche là. Poi scopre che è a Venezia, quindi prende un treno per raggiungerlo. Ma ancora una volta l’uomo si è volatilizzato. Mentre è ancora in viaggio viene avvicinata da un misterioso personaggio, che indossa una maschera antigas e che le ruba tutti i bagagli. Dopo un pò le sue cose cominciano a spuntare in giro e lei si sente osservata da vicino.

Kim Ki-duk è un regista dalle molte sorprese. E’ riuscito nel difficile compito di trasformare la rappresentazione, a volte anche estrema, degli aspetti meno piacevoli dei rapporti umani in un esercizio di grande cinema.
La depressione che lo ha paralizzato per tre anni è stata trasformata a sua volta in un viaggio interiore che gli ha guadagnato l’ammirazione dei critici e un premio a Cannes. Amen è un altro dei suoi esperimenti, e qui è la sua ossessione per lo sguardo a farla da padrone. Per realizzare questo piccolo gioiello Kim usa una fotocamera digitale e una sola attrice, che segue per l’Europa in cerca di un personaggio misterioso. Non sapremo nulla più del nome di quest’uomo.
Di lei, invece nemmeno quello.
La storia si dipana lenta mostrando gli spostamenti di lei attraverso l’Europa e, spesso in soggettiva, un uomo che la segue molto da vicino. Il tutto ha il sapore di un film delle vacanze, ma di quelle da incubo, però.

Difficile immaginare un film del genere se non si conosce il passato del regista. La depressione che lo ha allontanato dal lavoro è cominciata sul set del film Dream, dove l’attrice protagonista ha avuto un incidente che le poteva costare la vita. Kim stesso l’ha salvata, ma da allora si è posto molte domande. E a non tutte è riuscito a trovare una risposta. L’isolamento che ha esperito nel rifugio di campagna, così abilmente filmato in Arirang, è l’intero universo emotivo che compone questo bellissimo scorcio delle ossessioni di un regista spesso ardito, anche nel raccontare di se.
La protagonista è una persona afflitta da un grave problema di incomunicabilità: è a Parigi e cerca un coreano, conosce solo poche parole di inglese e nessuno la può aiutare. L’unico che pare sapere quel che accade è un uomo che lei impara presto a temere. Non sembra azzardato immaginare che in questa donna ossessionata Kim abbia trasposto parte dei sentimenti che devono averlo afflitto nel suo lungo e volontario esilio.
Ma la maestria con la quale egli sceglie di mettere in immagini i propri sentimenti, ancora una volta dopo l’onesta introspezione di Arirang, lascia lo spettatore di fronte all’accezione più creativa del termine “crisi esistenziale”. A un primo sguardo il tutto pare un esercizio da scuola di cinema, compatto e preciso, non contiene una sola sbavatura, e il finale essenziale motiva in pieno la scelta dell’esiguo minutaggio.
Ma a guardare bene è in realtà anche il racconto di un isolamento, che travalica la rappresentazione, per insinuare il ritorno dell’ossessione dello sguardo altrui in chi vive di immagini, un regista appunto.

Con questo lavoro Kim mostra ancora una volta la via della rappresentazione sperimentale di ossessioni quotidiane, condivise, ma che in mano sua diventano arte. Come pure può essere considerata un’opera d’arte la resurrezione di un uomo che esce da una profonda lacerazione interiore solo e unicamente attraverso lo strumento che l’aveva provocata.
Amen non è solo un film, è anche un’appassionata dichiarazione d’amore per il mezzo cinematografico che, nello stesso momento, ammalia e guarisce chi decide di dedicargli la vita.
E solo i grandi possono scegliere di aprire il cuore alla rappresentazione di un dolore generato dalla reale impossibilità di raccontarsi davvero fino in fondo.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere