Giovedì 19 Maggio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Boarding gate PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
giovedì 11 ottobre 2007

Boarding gate
Titolo originale: Boarding gate
Francia: 2007. Regia di: Olivier Assayas Genere: Drammatico Durata: 105'
Interpreti: Asia Argento, Michael Madsen, Kelly Lin, Carl Ng, Kim Gordon, Alex Descas, Joana Preis
Sito web:
Voto: 5
Presentato all'Asian Film Festival
Recensione di: Nicola Picchi

boaringgate_leggero.jpg“Boarding gate” è stato presentato all’Asian Film Festival fuori concorso, in anteprima per l’Italia, e si tratta in qualche modo di un atto dovuto, dato che è stato proprio il suo regista a curare uno storico numero dei Cahiers du cinéma che contribuì a portare alla ribalta il cinema di Hong Kong, allora poco conosciuto, nei primi anni ’80. Olivier Assayas, fin dal tempo dei suoi esordi con il fulminante “Désordre”, e’sempre stato uno dei cineasti più sottovalutati ed ignorati dalla distribuzione italiana. Sebbene coccolatissimo oltralpe, il suo cinema è sempre rimasto ai margini, considerato tuttalpiù un giochino per i soliti “happy few”o per i cinéphiles più oltranzisti cresciuti a pane e Cahiers. Ora, sappiamo che i Cahiers vengono in genere utilizzati dai distributori nostrani come in una ben nota scena del Dobermann di Jan Kounen, ma è davvero un peccato che dalle nostre parti il suo cinema sia affidato a sporadiche retrospettive o a fantomatiche uscite in DVD. Assayas è forse l’unico regista francese che ha raccolto l’eredità della Nouvelle Vague, sia nel suo essere un regista/critico che nel suo modo di accostarsi alla messa in scena. Spesso il critico ha preso il sopravvento, nutrendo il suo cinema di tic ed ossessioni cinefile, miscelando Jean-Pierre Léaud e Les Vampires di Feuillade, il cinema di Hong Kong e i Sonic Youth, la sua musa Maggie Cheung e il noir, Hentai e cybersex, in un insieme che potrebbe facilmente risultare indigeribile o farraginoso ed è invece fresco e vitalissimo, muovendosi su coordinate sghembe e trasversali che inaugurano una sorta di inedito nomadismo culturale. Bisogna anche dire che alle volte i risultati di tanta esuberanza hanno destato qualche perplessità, in particolare il recentissimo “Demonlover”, perplessità che, a mio parere, si rinnova davanti a Boarding Gate. Assayas ha dichiarato di essersi ispirato ad un fatto realmente accaduto in Francia, l’assassinio del finanziere Edouard Stern, un delitto in cui si intrecciavano motivazioni economiche e sessuali, e di aver voluto realizzare un B-movie. Anche stavolta il regista civetta con la Nouvelle Vague, seguendo le orme di Truffaut quando sceglieva come punto di partenza i romanzi di David Goodis, e fin qui non ci sarebbe nulla da eccepire. Il film parte anche con il piede giusto, e tutta la prima parte ambientata a Parigi offre alcuni duetti ben riusciti, quasi da kammerspiel, tra una credibile Asia Argento ed un imbolsito ma convincente Michael Madsen, che sottolineano efficacemente le dinamiche tra i personaggi. Ma non appena Asia/Sandra uccide Madsen/Miles e fugge ad Hong Kong per incontrare Lester, di cui è innamorata, le cose precipitano rapidamente. Certo, la cesura è nettissima ed ovviamente voluta ma non per questo meno imperdonabile.
Asia Argento, braccata dai killer che vorrebbero eliminarla, non è in grado di reggere il film senza attori che la supportino, e si ha sempre l’impressione che il personaggio Asia prevarichi l’attrice, come spesso capita nelle sue interpretazioni. Assayas vorrebbe fare un noir sporco e veloce come quelli honghkonghesi dei tempi d’oro, e la macchina da presa si scatena come quella di Wai Kai-fai in “Too many ways to be no.1”, ma senza la stessa implacabile e cartesiana coerenza di fondo.
Se poi vogliamo parlare di spaesamento esistenziale (il film si apre e si chiude con un significativo e programmatico fuori fuoco) che si tramuta in instabilità e in spaesamento geografico, si è senz’altro visto di meglio. Asia Argento, durante la presentazione di Boarding gate, lo ha definito “un film necessario”. Senz’altro necessario per Assayas, per gli altri non saprei.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere