Giovedì 19 Maggio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Invisible Waves PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 10
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
venerdì 07 dicembre 2007

Invisible Waves
Titolo originale: Invisible Waves
Thailandia: 2006. Regia di: Pen-Ek Ratanaruang Genere: Drammatico Durata: 115'
Interpreti: Tadanobu Asano, Hye-jeong Kang, Eric Tsang, Maria Cordero, Toon Hiranyasap, Ken Mitsuishi
Sito web:
Inedito in Italia
Voto: 7,5
Recensione di: Nicola Picchi

invisiblewaves_leggero.jpgKyoji, che lavora come aiuto cuoco in un ristorante, è l’amante di Seiko, la moglie di Wiwat. Ma Wiwat è anche il capo di Kyoji, ed un giorno lo assume per ucciderla. L’uomo esegue freddamente il compito che gli è stato assegnato e lascia Hong Kong per la Thailandia, dove viene mandato nell’attesa che si calmino le acque. In realtà Wiwat, a conoscenza della relazione di Kyoji con la moglie, gli ha teso a Phuket una trappola mortale.
Quella che in mano ad un altro regista avrebbe potuto essere una classica trama da noir senza troppe sorprese, nelle mani di Pen-Ek Ratanaruang, già autore del bellissimo “Last life in the universe”, diventa tutt’altra cosa.
Le convenzioni del genere appaiono congelate in una surreale immobilità ed i personaggi sono ridotti a silhouette evanescenti osservate da una distanza siderale: le inquadrature sezionano i corpi con tagli quasi fotografici o li rimpiccioliscono e li schiacciano contro geometrie assolute e prevaricanti, quando non li escludono totalmente. Questo allontanamento dello sguardo fa risaltare l’assurdità un po’ ridicola e vana dei gesti e delle situazioni, facendo implodere la narrazione in maniera molto personale.
La cifra stilistica di Ratanaruang è chiara fin dall’inizio: la scena della cena seduttiva tra Kyoji e Seiko, che si concluderà con un omicidio, è accuratamente svuotata da qualsiasi emotività, giocata com’è sul fuori campo e sull’ellissi narrativa, e tende ad inibire qualsiasi tipo di coinvolgimento allo spettatore. Nello stesso modo sono trattate le rare scene di azione (Kyoji che viene derubato nella stanza d’albergo, la sparatoria con il killer giapponese), che sono sistematicamente eluse e vanificate, mentre il film è ricco di divagazioni narrative apparentemente ingiustificate (l’incontro con il vecchio compagno di scuola, il dialogo con il barista sulla nave) che sfiorano il puro nonsense. Pur avendo avvelenato Seiko, Kyoji è totalmente immune da sensi di colpa o da ripensamenti di ordine morale, e le implicazioni etiche della vicenda sono lasciate in secondo piano dato che mal si accorderebbero con il lato marionettistico del personaggio.
Si potrebbe dire che Samuel Beckett incontra il noir, anche grazie alla straordinaria interpretazione di Tadanobu Asano, che sembra un dinoccolato ed impassibile Buster Keaton, nè l’accostamento sembri peregrino dato che l’unico film di Beckett, per l’appunto tautologicamente intitolato “Film”, vide proprio Keaton protagonista. Le disavventure di Kyoji sulla nave da crociera che lo conduce in Thailandia (le gag con la doccia, con la serratura della porta e con la cuccetta ribaltabile) sono da slapstick comedy, ma rallentate e rese astratte dalla dilatazione temporale.
Ben lontane dallo scatenare la risata, sottolineano lo smarrimento esistenziale del personaggio ed il suo eterno spaesamento. Asano si esprime in un inglese approssimativo e, come in “Last life in the universe”, sembra avere gravi problemi di comunicazione col prossimo. Se nel precedente film di Ratanaruang era un giapponese in Thailandia, qui è un giapponese che vive a Macao, lavora a Hong Kong e fugge a Phuket, destinato ad essere perennemente (e metaforicamente) “Lost in translation”. Paradossalmente, l’unica forma di comunicazione reale che riuscirà ad instaurare sarà quella con Lizard (un bravo Ken Mitsuishi), lo stralunato killer amante del karaoke incaricato di ucciderlo. Non mancano i delicati tocchi di humour così caratteristici di Ratanaruang (il personaggio di Lizard, la continua ricerca di Kyoji di un francobollo che non riuscirà mai a trovare), che danno al suo cinema una levità del tutto particolare senza compromettere il rigore della messa in scena.
Pur non essendo per tutti i palati, considerato che “Invisible Waves” è una nuova tappa nel percorso di un cineasta originale e che si avvale della meravigliosa fotografia di Christopher Doyle, che non ha certo bisogno di presentazioni, sarebbe davvero un peccato perderselo.

 
< Prec.

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere