Giovedì 19 Maggio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Nameless Gangster PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 22
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
martedì 19 marzo 2013

Titolo: Nameless Gangster
Titolo originale: Bumjoewaeui Junjaeng
Corea: 2012. Regia di: Yoon Jong-bin Genere: Drammatico Durata: 133'
Interpreti: Choi Min-sik, Ha Jung-woo, Gwak Do-won,  Jo Jin-ung, Ko In-beom, Kim Eung-soo, Kim Hye-eun
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito Florence Korea Film Fest
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Scorsesiano
Scarica il Pressbook del film
Nameless Gangster su Facebook

nameless_gangster_leggero.pngChoi Ik-hyun, rispettabile uomo d’affari, viene arrestato e invitato a rilasciare una piena confessione in merito alle proprie attività criminali. Dieci anni prima, Choi era un semplice ispettore doganale al porto di Busan, che si limitava a intascare mazzette.
Una notte intercetta un carico di dieci chili di eroina, e cerca di venderlo al gangster Choi Hyung-bae. Dopo un incomprensione iniziale, i due scoprono di far parte alla lontana della stessa famiglia e decidono di mettersi in società: Ik-hyun sarà la mente, mentre Hyung-bae sarà il braccio, colui che si incaricherà di sbarazzarsi della concorrenza.

Epopea gangsteristica in debito con analoghi affreschi scorsesiani, da “Quei bravi ragazzi” a “Casinò”, “Nameless Gangster” è anche un tuffo nella Corea degli anni ’80, inappuntabile per dettagli e accuratezza della ricostruzione.
La storia della mafia sudcoreana nata dalle gang di strada (Ggangpae), è strettamente intrecciata con le vicende politiche della nazione.
Appoggiata dal dittatore Syngman Rhee, il quale se ne servì negli anni del dopoguerra per reprimere la dissidenza, fu spazzata via dopo il colpo di stato del 1961 ad opera di Park Chung-hee, ma riprese quota negli anni ’70.
Nel 1990 il Presidente Roh Tae-woo dichiarò guerra al crimine organizzato, cosa che non gli impedì in seguito di essere processato per corruzione e per complicità nel massacro di Gwangju. E proprio la guerra alla mafia del 1990, durante la quale migliaia di membri delle gang vennero incarcerati, segna l’inizio di “Nameless Gangster”.

Il sodalizio tra i due Choi inizia nel 1982, e questo dà modo al regista Yoon Jong-bin (The Unforgiven, Beastie Boys) di ripercorrere un decennio di collusioni tra mafia e politica. L’attenzione al dettaglio antropologico è il medesimo che Scorsese ha riservato alla mafia italoamericana, solo che invece che tra discoteche e casinò, con corollario di musica anni ’70, cocaina e ragù, ci muoviamo tra ristoranti e karaoke bar, con contorno di K-pop e grandi bevute di soju. Yoon evidenzia l’importanza del clan di appartenenza e dei legami parentali, anche approssimativi, per tessere legami a tutti i livelli della società, per ottenere solidarietà e sostegno anche tra le alte sfere. I due Choi portano lo stesso cognome, cosa assai diffusa in Corea, e provengono dalla medesima regione.
Tanto basta perché decidano di mettersi in società, tanto più che Ik-hyun fa pesare l’autorevolezza che gli conferisce l’anzianità. Un’autorevolezza che non esita a dissipare in più occasioni, quando pensa di ottenere il proprio tornaconto. Vittimista, manipolatorio, ubriacone, logorroico e apparentemente sconsiderato, Ik-hyun non si sporca mai le mani in prima persona e tutte le sue intemperanze sono motivate da un disegno preciso: diventare il numero uno della mafia di Busan.
A questo scopo coltiva amicizie influenti tra politici, magistrati e procuratori usando l’arma della corruzione, sempre attuata per vie oblique e insinuanti. Hyung-bae è invece un gangster della vecchia scuola, cresciuto in strada, che si attiene a un codice d’onore codificato ma sorpassato dai tempi. Il conflitto tra Ik-hyun e Hyung-bae, o meglio tra l’opportunismo dell’uno e la rigida morale dell’altro, sarà dunque inevitabile e solo a uno dei due spetterà il podio del vincitore.
Inoltre vale la pena di notare come il tasso di violenza della mafia coreana sembrà essere assai più contenuto rispetto a quello della sua controparte d’oltreoceano. Niente teste schiacciate nelle presse industriali, seghe elettriche o colpi di pistola come se piovesse, al massimo una colluttazione a base di mazze da baseball, qualche bottigliata o, mal che vada, un affondo di coltello.

A scanso di equivoci, i mafiosi di “Nameless Gangster” non hanno nulla di epico (vedi Coppola), anzi, quella di Ik-hyun è più che altro la tragedia di un uomo ridicolo, e Yoon lo sottolinea ampiamente con le sarcastiche marcette che fanno parte della colonna sonora, e che accompagnano il protagonista all’ennesima sfuriata o all’ennesimo tentativo di corruzione, e con i suoi monologhi autoassolutori. Notevole, tra i tanti, quello in cui Ik-hyun rivendica l’eticità della sua scelta di vendere eroina ai giapponesi, interpretandola come una ritorsione per oltre trent’anni di colonizzazione.

L’unico appunto è che la sceneggiatura (del regista) manca sia di momenti forti che di una vera e propria progressione drammatica, trasformando il film in un “one man show” del debordante Choi Min-sik (Old Boy, I Saw the Devil), sempre magistrale ma al limite dell’istrionismo.
Eccellente anche la prova di Ha Jung-woo (The Chaser, The Yellow Sea) nel ruolo di Hyung-bae, che si affida invece a una recitazione di stampo minimalista. “Nameless Gangster”, che ha ottenuto ottimi risultati al botteghino, è in concorso al Florence Korea Film Fest, dove impressionerà se non altro per l’elevato livello delle performances degli attori protagonisti.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere