Giovedì 19 Maggio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
No Man’s Land PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 38
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
venerdì 17 gennaio 2014

Titolo: No Man’s Land
Titolo originale: Wu ren qu
Cina: 2013. Regia di: Ning Hao Genere: Drammatico Durata: 118'
Interpreti: Xu Zheng, Yu Nan, Duo Bujie, Huang Bo, Wang Shuangbao, Sun Jianmin, Yang Xinmin, Guo Hong, Wang Pei, Zhao Hu, Tao Hong
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Coeniano
Scarica il Pressbook del film
No Man’s Land su Facebook

nomansland_leggero.pngPan Xiao, avvocato rampante e senza scrupoli, si reca nello Xinjiang per patrocinare la causa di Lao Da, accusato di aver provocato la morte di un poliziotto in seguito a un incidente stradale. Ottenuta l’assoluzione dell’imputato, si fa consegnare in pagamento la sua automobile, ignaro del fatto che quest’ultimo ha nascosto nel bagagliaio un rarissimo falcone dell’Altai, che intende recuperare a tutti i costi con l’aiuto di un complice.

La Cina non è un paese per vecchi, almeno secondo Ning Hao e il suo coeniano “No Man.s Land”, uscito nelle sale a dicembre dopo un lungo periodo di purgatorio. Terminato nel 2010, prima di “Guns and Roses”, il film è stato bloccato per tre anni dalla censura cinese la quale, oltre ad averlo definito “spazzatura”, ha accusato il regista di narcisismo, di compiacimento nel mettere in scena personaggi “depravati” e di venire meno alle responsabilità dell’artista nei confronti della società.
Non è dato sapere quali tagli o modifiche abbia dovuto subire il film per ottenere il visto di censura ma, considerazioni d’ordine morale a parte, non resta che rallegrarsi del fatto che Ning Hao abbia ritrovato la vena anarcoide di “Crazy Stone” (2006) e “Crazy Racer“ (2009), rafforzandola con una robusta dose di cinismo.
Malgrado le riserve del SARFT, l’ostinazione del regista è stata premiata anche dal pubblico, visto l’ottimo risultato ottenuto al box-office, che è senz’altro da attribuirsi anche alla presenza di Huang Bo e Xu Zheng, già protagonisti di “Crazy Stone” e “Crazy Racer”, ma soprattutto del grande successo del 2013 “Lost in Thailand”.

Se “Guns and Roses” era una commedia scatenata con un marcato sottotesto nazionalista, “No Man’s Land” gioca la carta del road-movie dalle atmosfere schiettamente western, alla maniera del deludente “Wind Blast” di Gao Qunshu, ibridato con il noir dei fratelli Coen. Una mossa, peraltro, già tentata da Zhang Yimou con “A Woman, a Gun and a Noodle Shop”, che reinventava a suo modo un piccolo classico come “Blood Simple”. In questo caso prevale però l’allegoria sociale, che tocca, in alcuni passaggi, inusitati livelli di nichilismo. Quella di Ning, infatti, è un’umanità assoggettata alle leggi del darwinismo sociale, abbrutita e dominata da istinti primordiali e animaleschi, in primis quello della sopravvivenza. Nessuno è innocente, nessuno può considerarsi esente dal compiere atti moralmente riprovevoli in situazioni di estrema necessità, arrivando anche all’assassinio.

Durante il suo viaggio di ritorno verso casa, il protagonista Pan Xiao investe accidentalmente il complice di Lao Da, e cerca in tutti i modi di sbarazzarsi del corpo. Purtroppo per lui, i dintorni di quell’unica autostrada che attraversa quella remota zona del Nordovest, sono popolati da una fauna repellente, l’equivalente cinese dei “redneck” semideficienti che infestano tanto horror americano. Nell’unica stazione di servizio della zona, tra cani in gabbia, galline e maiali macellati, si pratica abitualmente l’estorsione ai danni degli incauti viaggiatori, costretti a sborsare una cifra esorbitante per assistere a una squinternata esibizione di lap-dance in una roulotte. Qui Pan Xiao farà la conoscenza di Jiao Jiao, moglie del proprietario, la quale implora Xiao di aiutarla a fuggire, dato che il marito la obbliga a prostituirsi con i clienti di passaggio.

La transizione dalla civiltà alla barbarie è sottolineata dal progressivo deteriorarsi della Mustang rossa di Xiao, presa a sputi, bottigliate e colpi di martello fino a che non sarà ridotta a un rottame.
In maniera consimile finiscono in una discarica le convenzioni sociali e le esili norme del vivere civile, obliterate da pulsioni assai più primitive e persistenti. Il conflitto, come più volte evidenziato negli scarni dialoghi tra Pan Xiao e Lao Da, è quello, eterno, tra “carnivori” e “vegetariani”. Due differenti tipologie di esseri umani, di cui la seconda è fatalmente destinata a soccombere. A meno che i cosiddetti “vegetariani” non riescano ad avvalersi del segno più tangibile dell’evoluzione, quello che differenzia l’uomo dall’animale, ovvero, secondo l’allegoria che apre il film, la scoperta del fuoco.
E proprio il fuoco, oltre a dare la stura a numerose gag da teatro dell’assurdo su accendini persi e ritrovati, giocherà un ruolo essenziale nella risoluzione della vicenda.

Ning Hao si destreggia abilmente con la sintassi del western, alternando close-up e campi lunghi e lunghissimi, valorizzati dalla smagliante fotografia di Du Jie, componendo una dissonante ballata intrisa di humour nero sul predominio dell’istinto animale. Sulla stessa lunghezza d’onda la colonna sonora “morriconiana” di Nathan Wang, le coreografie delle scene d’azione dell’hongkonghese Bruce Law e i costumi, che allo spettatore occidentale rammenteranno inevitabilmente la saga di “Mad Max”.

Huang Bo, nonostante sia ridotto a una maschera sanguinolenta, è straordinario come sempre, mentre Xu Zheng preferisce lavorare di sottrazione, sottolineando l’affrettato percorso di redenzione del suo personaggio con accenti minimali. Impressionante per carisma il tibetano Duo Bujie (Lao Da), che sembra una versione meno sociopatica dell’Anton Chigurh di Javier Bardem, e molto convincente la Jiao Jiao di Yu Nan, la quale deve però caricarsi sulle spalle un epilogo del tutto incongruo, che sembra inserito solamente per risollevare l’umore dei censori del SARFT.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere