Giovedì 26 Maggio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Outrage Beyond PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 36
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
lunedì 08 aprile 2013

Titolo: Outrage Beyond
Titolo originale: Autoreiji Biyondo
Giappone: 2012. Regia di: Kitano Takeshi Genere: Drammatico Durata: 112'
Interpreti: Beat Takeshi, Kippei Shiina, Shun Sugata, Ryo Kase, Tomokazu Miura, Jun Kunimura, Tetta Sugimoto, Takashi Tsukamoto, Hideo Nakano, Renji Ishibashi, Soichiro Kitamura,  Fumiyo Kohinata, Jun Kinimura, Eihi Shiina, Toshiyuki Nishida
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: XI Asian Film Festival
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Palleggiato
Scarica il Pressbook del film
Outrage Beyond su Facebook

outrage_beyond_leggero.pngOtomo, che avevamo lasciato consegnarsi alla polizia alla fine del precedente Outrage, è adesso in prigione. La famiglia Sanno lo crede morto, e con loro anche i suoi vecchi colleghi. Ma la polizia ha bisogno di confondere un po’ le acque e lo rilascia.
Comincia così una nuova escalation di violenza tra i Sanno, gli Hanabishi e la polizia, cui Otomo, dopo una breve esitazione, partecipa con rinnovato entusiasmo.

Otomo era quasi morto alla fine di Outrage, poi era stato arrestato e infine era scomparso dal panorama criminale per cinque anni. Richiamato in causa dalla polizia, che non apprezza l’ascesa della famiglia Sanno, Otomo sulle prime non è molto contento di trovarsi di nuovo coinvolto nelle beghe di potere della yakuza, però dopo esser stato di nuovo ferito, non ha altra scelta che avviare le ostilità.
A questo punto cominciano gli intrighi e i tradimenti rituali, e Otomo, stanco di tutto come forse lo stesso Kitano, a un certo punto abbandona la lotta e decide di andarsene.
Ma non prima di aver messo la parola fine alle macchinazioni di chi dell’intrigo aveva fatto la sua arma più potente: il detective Kataoka.

Kitano non ha più molto da dire, o meglio, quello che voleva dire l’ha già detto e, a volte, pure ripetuto. Outrage era una bellissima scatola vuota, un’esca luccicante destinata a tutti i critici che non avevano apprezzato la sua precedente folle trilogia, e ne chiedevano a gran voce il ritorno allo yakuza eigo. E Kitano li aveva accontentati, prendendosi però il gusto di mescolare i generi, camminando sul filo dell’ironia più tagliente che si possa inserire in una trama incentrata sulla yakuza senza renderla uno scherzo. In effetti c’è poco da scherzare sulle famiglie yakuza, e qua Kitano non solo lo ribadisce, ma ce lo spiega con calma nella prima parte del film.
Ce lo mostra così chiaramente che non potremo fare a meno di fremere per l’esplosione di violenza che ci aspetta subito dopo. Si, perché i nuovi yakuza eiga di Kitano sono pieni di trovate divertenti, tese a confondere lo spettatore e a fargli dimenticare le poetiche rappresentazioni per cui è divenuto famoso. Ecco quindi le botte e le fantasiose uccisioni di cui tutti pare sentissero la mancanza. Peccato che nel frattempo il regista non solo sia andato oltre, ma ha persino superato ogni precedente aspettativa per regalare l’ennesima vuota e luccicante scatola agli incontentabili critici.

La regia misurata, l’ottimo lavoro con gli attori e, infine il sottile umorismo fanno di questo Outrage Beyond un nuovo tassello che nulla aggiunge ai precedenti lavori del maestro, e che semmai ne denuncia la stanchezza per esser stato costretto a rispondere alle aspettative del pubblico. La recitazione misurata dello stesso Kitano chiarisce, semmai ce ne fosse bisogno, la sua volontà di ripetere lo stesso clichè cui l’aveva costretto l’incomprensione dei critici. Sono ormai lontane sia la poesia delle vecchie rappresentazioni, che la fantasia ricca di umorismo delle nuove, siamo qui di fronte al lavoro di un uomo il quale, accantonate le sue migliori prove, ha deciso di ripetere quel che sa fare meglio, ma senza più l’estro che lo aveva reso famoso. Kitano rende ancora una volta il suo Otomo un uomo che si lascia vivere, senza mai perseguire direttamente la vendetta, ma che non accetta passivamente il ruolo che gli è stato affidato da chi è più in alto di lui.
Proprio come Kitano, che si sarebbe volentieri accontentato di continuare a giocare destrutturando la sua arte, ma che, costretto a tornare al passato, sceglie volontariamente di limitarsi a ripeterlo. Senza nulla aggiungere né sottrarre, lui ripete fino alla stanchezza quel che gli è stato chiesto. E nulla più.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere