Giovedì 26 Maggio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
The Land of Hope PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 48
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
sabato 20 aprile 2013

Titolo: The Land of Hope
Titolo originale: Kibou no Kuni
Giappone: 2012. Regia di: Sono Sion Genere: Drammatico Durata: 134'
Interpreti: Liu Ye, Daniel Wu, Chang Chen, Qin Lan, Lü Yulai, Qi Dao, Tao Zeru, Xiao Tang Yuan, Li Qi, Nie Yuan
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal:
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Disperato
Scarica il Pressbook del film
The Land of Hope su Facebook

“Noi giapponesi facciamo un passo alla volta”

the-land-of-hope_leggero.pngLe famiglie Ono e Suzuki vivono a pochi passi di distanza l’una dall’altra, nella prefettura di Nagashima . Dopo un terremoto che ha provocato dei danni alla vicina centrale nucleare, la famiglia Suzuki è costretta a lasciare la propria casa. Solo pochi metri separano le due abitazioni, ma la polizia decide che il raggio di azione delle esalazioni non supererà un raggio di 20 km dalla centrale.
A Nagashima, un posto in realtà inesistente il cui nome è una crasi di Hiroshima e Nagasaki, la famiglia Ono, composta dal padre Yasuhiko, sua moglie Chieko, il figlio Yoichi e sua moglie Izumi, potrebbe fare finta di nulla e ascoltare le autorità che assicurano che quella zona è sicura. Gli Ono hanno visto sfrattare i loro vicini, e si prendono cura del cane lasciato indietro in attesa del loro ritorno.

Ma Yasuhiko decide che Yoichi e Izumi debbono lasciare la casa per evitare problemi alla gravidanza di lei, e i due si piegano al suo volere.
Dopo un po’ Izumi si convince che la città in cui sono andati a vivere non è abbastanza lontana dalla centrale e si chiude in casa tappando ogni spiraglio e usando una tuta anti radiazioni. Intanto Yasuhiko riceve una comunicazione dalle autorità che lo invita a lasciare la casa a causa del pericolo che si è esteso alla zona in cui vive con sua moglie. Ma Chieko non è in condizioni di subire uno sfratto e l’uomo decide di rimanere. Sono Sion aveva brevemente commentato il disastro di Fukushima con le poche immagini finali di Himizu.

Con questo The Land of Hope ritorna sul tema raccontando la storia di due famiglie che si trovano nel mezzo della fuga di materiale radioattivo. L’epopea delle due famiglie sembra essere anche un manifesto di intenti da parte del regista, che sceglie i toni più cupi per raccontare il disastro, e intanto mette a parte lo spettatore del suo pensiero sulla situazione del nucleare in Giappone.
La famiglia Ono e i Suzuki hanno una vita normale, che viene di colpo spezzata, non solo dai problemi alla centrale atomica, ma anche dalle bugie del governo che tace sull’entità del problema. Il Giappone rurale, sembra dire il regista, è abbandonato a sé stesso, e niente di quel che gli accade intorno gli verrà spiegato mai.
Dapprima si costruisce una centrale atomica vicino a un centro abitato, contro tutte le proteste degli abitanti, e poi si tiene la popolazione all’oscuro delle conseguenze. La polizia si limita a recintare un’area e a impedire alle persone di cercare i propri parenti dispersi, ma di fronte alla domanda di chiarezza della gente si trincera dietro il silenzio.

La narrazione procede lenta districandosi tra le vicissitudini di Yasuhiko Ono e dei giovani Suzuki, il primo intento a mandare via il figlio per assicurargli un futuro, e i secondi alla ricerca della famiglia di lei, spazzata via dallo tsunami successivo al terremoto. Il racconto è in soggettiva, a mano a mano che Yasuhiko vede chiudersi ogni possibilità lo spettatore intuisce presto la direzione della storia, e non può che condividere il dolore di chi la racconta. La speranza è debole e affidata a un domani di là da venire, un domani su cui aleggiano nubi oscure.
Mentre le radiazioni sono volatili, come le promesse dei governanti, e putroppo come queste invisibili. Affidandosi ai suoi attori feticcio, che qui danno tutti un’ottima prova di recitazione, Sono Sion sceglie una regia misurata, con soltanto alcuni piccoli tocchi di genio che sottolineano le parti più dure della storia. Le barriere metaforiche e, in alcuni punti del racconto anche didascaliche, che le autorità ergono tra loro e i cittadini inermi, sono il segno di ciò che il regista indica come il problema che il Giappone deve ancora risolvere.
Se in Be Sure to Share Sono Sion invitava al dialogo con la famiglia, in questo The Land of Hope l’invito è a parlare chiaro con la popolazione, perché i giapponesi sono forti e possono anche reggere il peso delle tragedie, ma non quello delle menzogne.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere