Giovedì 19 Maggio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Triangle PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
venerdì 12 ottobre 2007

Triangle
Titolo originale: Triangle
Hong Cong, Cina: 2007. Regia di: Tsui Hark, Ringo Lam, Johnnie To Genere: Drammatico Durata: 101'
Interpreti: Louis Koo, Simon Yam, Sun Honglei, Lam Ka-tung, Kelly Lin, Yao Yung, Lam Suet, Kate Yeung, Li Haitao, Chan Ho-sai
Sito web:
Voto: 5
Presentato all'Asian Film Festival
Recensione di: Nicola Picchi

triangle_leggero.jpgFilm diretto a tre mani da tre registi-icone del cinema di Hong Kong, “Triangle” può essere considerato come un interessante esperimento, purtroppo non sempre convincente e a forte rischio di inconsistenza.
I rispettivi segmenti non sono separati, come ad esempio in Grindhouse, ma il film è stato girato con tre team differenti, sceneggiatori compresi, un po’ alla maniera dei “cadaveri squisiti” con cui si baloccavano i surrealisti: Tsui Hark avvia la storia, Ringo Lam la sviluppa nella parte centrale e Johnnie To la conduce verso la conclusione, mentre il progetto complessivo è stato coordinato da Soi Cheang, probabilmente il miglior regista hongkonghese degli ultimi anni. Più concretamente, Hark abbozza rapidamente i personaggi, lasciando a Lam il compito di descriverne le dinamiche interne e a To quello di risolverne i conflitti che si sono innescati durante la narrazione. Tre amici alla ricerca disperata di denaro incontrano un uomo misterioso che gli dona un’antica moneta d’oro promettendogli un lavoro, certo non molto legale ma sicuramente lucrativo. Ognuno dei tre ha naturalmente le sue motivazioni ed i suoi problemi, che spera di risolvere con una grossa somma di denaro: Mok (Sun Honglei) ha un negozio d’antiquariato sull’orlo del fallimento, Fai (Louis Koo) è obbligato dalle triadi a procurare un’autista per una rapina in una gioielleria come saldo per un vecchio debito, mentre Sam (un superlativo Simon Yam) viene tradito dalla moglie Ling (Kelly Lin) con un poliziotto, il quale ricatta Fai perché scelga proprio Sam come autista, per potersene liberare. Con il furto da parte dei tre amici di una preziosissima veste trafugata da un sarcofago risalente alla dinastia Tang, la stessa veste da cui proveniva la moneta d’oro, le cose si complicheranno ulteriormente.
La moneta d’oro iniziale è evidentemente un McGuffin, come li definiva Hitchcock, ossia un puro pretesto del tutto ininfluente necessario per dare il via alla trama e per dar modo alle varie sottotrame di intrecciarsi a dovere, per poi convergere nel finale. Sfortunatamente, verrebbe da dire, molto rumore per nulla. Triangle dopo una decina di minuti si ingolfa e comincia a girare a vuoto, evidentemente indeciso su quale direzione imboccare e, non sapendo scegliere, le imbocca tutte contemporaneamente, barcamenandosi tra noir, action, commedia con elementi slapstick e chi più ne ha più ne metta. Tsui Hark gira ormai da troppi anni nella stessa maniera, ovvero svogliatamente e come se pensasse ad altro, Johnnie To coreografa l’ultima mezz’ora di film con classe indiscussa, lasciandosi andare però ad una scena del tutto insensata (a parte l’intento autocelebrativo) e, soprattutto, assolutamente non necessaria come quella della canonica sparatoria finale, mentre Lam firma l’unica scena davvero riuscita di Triangle, ovvero quella nel magazzino con Sam, Ling e il poliziotto Wen, lasciandoci l’impressione che sarebbe stato quello il vero “triangolo” da esplorare. Francamente si stenta a comprendere il senso di una simile operazione al di fuori del potenziale appeal commerciale o di rilancio dei rispettivi autori e, se è vero che Hark e Lam negli ultimi anni sono un po’ appannati, la stessa cosa non si può dire di Johnnie To, che tra l’altro produce il film con la sua Milkway. A chi ama il suo cinema consigliamo di correre a rivedersi “Election 2” o “Exiled”, evitando quest’ultima fatica.
In conclusione, un film non brutto ma inutile, e la delusione è davvero tanta considerato che da tre autori del genere sarebbe stato lecito aspettarsi molto di più.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere