Lunedì 26 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Albakiara PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 24
ScarsoOttimo 
Scritto da Daniele Nicolini   
lunedì 27 ottobre 2008

Albakiara
Titolo originale: Albakiara
Italia: 2008. Regia di: Stefano Salvati Genere: Drammatico Durata: 93'
Interpreti: A. Haber (zio Baldo) • I. Marescotti (Comm. Guidotti) • L. Gigante (Chiara) • D. Bandiera (Andrea) • K. Potts (Kelly Jason) • F. Sabatucci • L. Cannata • R. Degan (Esmeralda) • D. Rossi (Nico)
Sito web: www.albakiarailfilm.it
Nelle sale dal: 24/10/2008
Voto: 4
Trailer
Recensione di: Daniele Nicolini

albakiara_leggero.jpegIl cinema italiano non mostra segni di vita e Albakiara ne è un’ennesima triste conferma.
La storia narra di Chiara (Laura Gigante), una zoccoletta emilana dalla zucca vuota, innamorata di Nico (Davide Rossi), un dj palestrato che arrotonda lo stipendio esibendo orge on-line con protagonista se stesso e le amiche di Chiara.
Per una serie di sfortunati (e alquanto improbabili) eventi Chiara si ritrova in possesso di un’incredibile quantità di cocaina purissima. Con l’aiuto del bidello spacciatore (Vito) e del suo ragazzo magnaccia del web, organizza un rave per cominciare a vendere la roba. Grazie al rave l’ispettore Castri (Raz Degan), un poliziotto italo-americano corrotto che aveva organizzato il furto della coca, si mette sulle tracce dei nuovi possessori della droga.

Se nel 1998 Stefano Salvati era riuscito a candidare il suo pessimo film d’esordio (la commedia musicale Jolly Blue) per Il Fiasco d’oro, quest’anno quel premio se lo merita davvero. Il navigato regista di videoclip, torna in sala con un lungometraggio sgangherato, ambiguo e improponibile. La trama noir, probabilmente la parte curata da Carlo Lucarelli (co-sceneggiaore), viene purtroppo appena sfiorata, relegando a un ruolo marginale i pochi veri bravi attori del film tra cui spiccano Ivano Marescotti (Hannibal, 2001) e Alessandro Haber (Regalo di Natale, 1986)
La gran parte della pellicola presenta la vita di Chiara e del suo poco raccomandabile giro di amicizie in stile giovanilistico e modaiolo, proprio quello stile che il regista aveva dichiarato di voler ribaltare con questo film. Scene di sesso spinto, droga a volontà e serate in discoteca si susseguono con troppa leggerezza in un pericoloso e accattivante stile da video musicale.

Le scene che vorrebbero essere di forte impatto emotivo e far riflettere hanno l’unico effetto di esaltare i ragazzini in sala che entusiasti le riprendono col proprio telefonino.
Inoltre la quasi totale assenza di coerenza narrativa fa rimpiangere i registi Moccia e Muccino che a confronto con Salvati appaiono come dei piccoli Martin Scorsese.
Nell’intento dell’autore il film doveva essere un ritratto della generazione K, di quei ragazzacci di oggi  molto lontani dall’innocente Chiara della celebre canzone del Blasco datata 1979, tutti droga, telefonini, sesso e alcool. Ma i personaggi, ragazzini, non vengono caratterizzati a sufficienza e agiscono privi di spessore come burattini senz’anima. La validità sociologica di tale opera è pari a zero e la presunzione derivata dal prendersi troppo sul serio fa apparire la pellicola involontariamente comica e a tratti ridicola.
Curioso è il personaggio della supplente d’inglese di Chiara: non parla e quasi non capisce una parola della nostra lingua ma sta scrivendo un romanzo in italiano.

Raz Degan (Alexander 2004, Centochiodi, 2005 ) dimostra di non essere un cattivo attore ma soffre anche lui della pessima caratterizzazione del suo personaggio.
Il film alterna anche momenti trash (la gara di pompini) a momenti onirici senza senso (i voli pindarici della sorella di Chiara) che assomigliano a spot pubblicitari.
Un paio di scene ben confezionate ci sono, vedi la tortura in stile Hostel inferta dall’ispettore Castri (Degan) a Luca (Rossi), ma non bastano a salvare il film.
Ambiguo come messaggio e scalcinato come storia. Albakiara pretende di affrescare una generazione ma ci prova in modo superficiale e frettoloso risultando inattendibile.
La vera catarsi la si ottiene quando l’ispettori Castri (Degan) tortura e fa fuori un inadeguato Davide Rossi e infine quando ci libera definitivamente di “Kiara”, (Laura Gigante) che per più di metà film dimostra di non essere assolutamente all’altezza del ruolo di protagonista.
Se su più di ottocento provini lei è risultata davvero la più brava c’è da preoccuparsi.
Dulcis in fundo la Mikado ha distribuito l’opera nell’esorbitante numero di quattrocento copie, neanche fosse Apocalypse Now, evidentemente contando sulla colonna sonora di Vasco, co-produttore, e sulle scene di sesso “scabrose” per attirare il pubblico più giovane.
Triste spreco di soldi.


 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere