Venerdì 22 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Always PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 13
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
venerdì 24 febbraio 2012

Always
Titolo originale: Ohjik Geudaeman
Corea: 2011. Regia di: Song Il-gon Genere: Drammatico Durata: 108'
Interpreti: So Ji-sub, Han Hyo-joo, Kang Shin-il, Park Cheol-min, Yun Jong-hwa, Jo Sung-ha
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Artificiale
Scarica il Pressbook del film
Always su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

always_leggero.pngJang Cheol-min è un ex pugile che ha trovato un impiego come guardiano notturno in un parcheggio. Ha Jeong-hwa è una ragazza che lavora come telefonista in un call center.
Una sera Jeong-hwa si presenta da Cheol-min, e il ragazzo capisce che Jeong-hwa, essendo cieca, lo ha scambiato per il custode precedente.
Tra i due nasce un’amicizia, che si trasforma ben presto in un sentimento più profondo. “A simple twist of fate”, direbbe Dylan, fa incontrare i due protagonisti di questo mélò di Song Il-gon, uno scherzo del destino tanto più atroce in quanto le loro esistenze erano già entrate in rotta di collisione in un lontano passato, con esiti tragici per entrambi.
Cheol-min, promessa del pugilato, aveva abbandonato la sua carriera per dedicarsi al più lucrativo settore del recupero crediti per conto degli usurai, ma le conseguenze di un brutale pestaggio gli erano costate alcuni anni di prigione. Jeong-hwa era una brillante studentessa che, uscita per festeggiare il conseguimento della laurea, aveva avuto un incidente d’auto che aveva provocato la morte dei genitori e la sua cecità. Due personaggi ai margini della società, una disabile e un ex detenuto, entrambi orfani, emotivamente instabili e caratterialmente agli opposti. Tanto Cheol-min è cupo e di poche parole, quanto Jeong-hwa è estroversa e comunicativa. Naturale che i due s’innamorino, ma il destino ha in serbo per loro altri colpi bassi.

“Always” segna l’ingresso del regista Song Il-gon nel cinema commerciale, dopo lavori più autoriali come “Dance of Time” (2009) e il bel “Spider Forest” (2004). Questa volta Song non usa il fioretto ma l’artiglieria pesante, almeno a livello di script, decidendo di seguire tutti i cliché del melodramma, con contorno di disabilità, trapianti e coincidenze miracolistiche che mettono a dura prova la sospensione dell’incredulità. Materiale da “drama” televisivo, insomma, maneggiato con evidente titubanza e qualche esitazione, dettata forse dal pudore residuo dell’autore.
Così si mescolano pulsioni contraddittorie, le quali stentano a trovare un equilibrio. Da una parte c’è una certa pretesa di realismo sociale nel descrivere l’ambiente dei boxeur di piccolo cabotaggio e il sottobosco della microcriminalità, dall’altra l’abbandono acritico agli stilemi del genere, agli strazi del cuore e ai turbamenti dello spirito richiesti dal genere di riferimento.

L’unione non è sempre felice, anche perché Song sceglie di non calcare la mano nei momenti più sentimentali e sciropposi, rifiutando al contempo di esercitare un controllo più rigoroso sulle modalità della rappresentazione. In questo modo rifugge dagli eccessi potenzialmente incendiari della sceneggiatura, che a questo punto sarebbe valso incentivare sfacciatamente, ma anche dalla rarefazione estrema di tanti mélò coreani (basti pensare a Hur Jin-ho o al recente “Late Autumn” di Kim Tae-yong), adagiandosi in una medietà poco entusiasmante e molto televisiva.
A meno che, e il dubbio s’insinua come un tarlo, i serial tv che Cheol-min e Jeong-hwa seguono con tanto interesse nelle sequenze iniziali, non costituiscano una dichiarazione d’intenti del regista, a sottolineare l’adesione a una poetica giudicata più spendibile sul mercato.

Man mano che ci si inoltra negli snodi della sceneggiatura, scritta dallo stesso regista con No Hong-jin, ci accorgiamo che “Always” diventa sempre più ricattatorio: quello intrapreso da Cheol-min è un percorso di espiazione, dato che l’uomo è stato indiretto responsabile dell’incidente che è costato la vista a Jeong-hwa.
Per sostenere i costi del trapianto di cornee, deciderà allora di partecipare a un incontro clandestino di boxe in Thailandia, ben sapendo che potrebbe rimetterci la vita. Nulla di meglio per suscitare, con una buona dose di cinismo, reazioni pavloviane nel pubblico delle soap opera, indifferenti al fatto che quello che pulsa sia un cuore artificiale.

Il problema è che il melodramma non sembra essere nelle corde di Song Il-gon, e anche lo stile, piuttosto anodino e irresoluto, non è all’altezza delle sue opere precedenti.
“Always” trova qualche motivo d’interesse solamente nell’ottima chimica tra i due attori principali: l’ex modello So Ji-sub, già apprezzato in “Rough Cut”, e la brava Han Hyo-joo (Ad Lib Night), che però non regge il confonto con l’altra non vedente dell’ultima stagione coreana, la Kim Ha-neul di “Blind”, meritatamente omaggiata ai Daejong Film Awards.
La strategia del regista si è però rivelata vincente, dato che il film è stato selezionato per inaugurare l’ultima edizione del Festival di Busan, aggiudicandosi buoni incassi in patria.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere