Martedì 2 Marzo 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Babel PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Alberto Lazzarini   
martedì 22 gennaio 2008

Babel
Titolo originale: Babel
USA: 2006. Regia di: Alejandro González Iñárritu Genere: Drammatico Durata: 135'
Interpreti: Cate Blanchett, Brad Pitt, Gael García Bernal, Mahima Chaudhry, Mahima Chaudhry, Kôji Yakushi
Sito web:
Nelle sale dal: 2006
Voto: 6,5
Recensione di: Alberto Lazzarini

babel_leggero.jpegIn “Babel” si rimane, all’inizio, piuttosto spiazzati dall’apparentemente sadico cambio di scena (e di storia) che il regista propone più volte. Non appena ci si sente coinvolti emotivamente da un gruppo di personaggi e dalle loro vicende, si viene catapultati in luoghi e atmosfere che non sembrano avere nulla a che fare con ciò che si è visto finora. Così si passa dagli spari insensati di due ragazzini nel deserto marocchino alle cure domestiche di una balia messicana a due bambini americani, da una coppia in escursione turistica ad una ragazza giapponese sordomuta.
Il film si apre in una zona desertica del Marocco, dove un uomo sta vendendo un fucile ad un vicino di casa, interessato all’acquisto per proteggere il proprio gregge dagli sciacalli. Il compito, però, spetta ai figli che, entusiasti del nuovo “giocattolo”, si allontanano da casa per provarlo. Il minore dei due, per mostrare all’altro le potenzialità del fucile (e della sua mira), spara dei colpi ad un pullman che sta passando sotto le loro teste ad una distanza notevole. La bravata dei due fratelli ci rimanda alla vicenda di due coniugi statunitensi in vacanza. Impersonati da Brad Pitt (poco credibile come marito affranto) e da Cate Blanchett (sempre credibile come donna in crisi), i due stanno discutendo piuttosto animatamente sullo sfondo di un panorama desertico, che già preannuncia il loro coinvolgimento con la scena precedente. Oltreoceano una corpulenta donna messicana sulla cinquantina sta accudendo due bambini americani, quando riceve una telefonata dal loro padre, decisamente sgomento, che le impone di prendersi cura dei bambini per un giorno in più. La donna, per non mancare al matrimonio del figlio, in programma proprio il giorno dopo, decide di portare con sé i bambini.
Da qui si passa improvvisamente in Giappone, dove una ragazza sordomuta sta giocando una partita di pallavolo.
Si tratta del personaggio che suscita più compassione, forse perché non può (e non riesce) a comunicare i propri problemi affettivi, se non allo spettatore, chiamato ad immedesimarsi in lei.
Ciò che fa perdere valore all’originale spunto del regista è l’ovvia rapidità con cui si incastrano le diverse tessere del mosaico, inizialmente piuttosto confuse. Senza addentrarsi in macchinose congetture, si riesce presto a delineare un quadro logico degli eventi. Alcune scene, inoltre, mancano di pathos, forse per la fugacità con cui ci si immerge.
Tutte le storie seguono lo schema che prevede una rottura dell’equilibrio iniziale, una tentata soluzione e un epilogo che tranquillizza ma non troppo. La crudeltà del mondo sembra non dare scampo: anche piccole leggerezze possono sollevare disastri di notevoli dimensioni.
I protagonisti sono in balia degli eventi e si trovano a dover rattoppare situazioni ormai ampiamente deteriorate.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere