Venerdì 22 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Bedevilled PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
lunedì 07 giugno 2010

Bedevilled
Titolo originale: Kimboknam Salinsaeui Jeonmal
Corea: 2010  Regia di: Kim Hyeong-joon Genere: Drammatico Durata: 116'
Interpreti: Seo Young-hee, Ji Seong-weon, Chae Shi-hyeon, Min Ho-hwang, Min Je, Park Jeong-hak, Cheol-jong, Lee Ji-eun
Sito web:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Parossistico

BedevilledHae-won è una trentenne nubile che lavora in una banca di Seoul.
Una sera assiste a un’aggressione ai danni di una ragazza ma, convocata dalla polizia, rifiuta di testimoniare per non essere coinvolta. Costretta dal suo capo a prendersi una vacanza, Hae-won si imbarca per l’isola di Moodo, da cui proveniva la sua famiglia.
Qui incontra Bok-nam, sua amica d’infanzia, e si accorge che la ragazza viene usata come una schiava dagli abitanti dell’isola. Bok-nam la implora di portarla con sé a Seoul, ma si scontra con l’aridità e l’indifferenza di Hae-won.

“Bedevilled”, esordio alla regia di Jang Cheol-soo, già assistente alla regia di Kim Ki-duk per “Primavera, Estate, Autunno, Inverno…e ancora Primavera” e “La Samaritana”, ha tutti i pregi e i difetti delle opere prime, nelle quali si avverte l’esigenza di dire troppo e tutto assieme. L’urgenza espressiva abbatte gli steccati tra i generi; “Bedevilled” è un film drammatico, uno slasher, un revenge-movie? Jang pecca per eccesso, e il risultato è un’opera magmatica che è l’insieme di tutte queste cose, con risultati a volte stimolanti, altre meno.
Il film vive attraverso contrapposizioni violente. La prima, da cui discendono tutte le altre, è quella tra ambiente urbano e Corea rurale. Seoul rappresenta la modernità, un’ambiente in cui l’imperativo della produzione e le convenzioni sociali generano alienazione e solitudine, mentre l’isola è un luogo mitico ancor prima che geografico, uno spazio dove le pulsioni da soddisfare sono primordiali e i sentimenti animaleschi. L’archetipo dell’isola come spazio “altro” è ricorrente nella cinematografia coreana.

Se nel classico “I-Eoh Island” di Kim Ki-young, i cui echi si riverberano ne “L’Isola” di Kim Ki-duk, veniva descritta una società matriarcale di donne-streghe e sciamane, a Moodo regna il patriarcato, secondo rigidi dettami confuciani.
La brutalità, misura di tutti i rapporti, coinvolge in egual modo uomini e donne, ma è l’autorità maschile a dominare attraverso l’esercizio della violenza, una prerogativa che non viene messa in dubbio dalle altre donne.
Bok-nam è un rassegnato giocattolo sessuale, a disposizione di tutti gli uomini della piccola comunità, e le quattro donne anziane, le uniche abitanti assieme a Bok-nam e a sua figlia, si rendono complici delle sopraffazioni maschili, un po’ per paura, un po’ perché è così che devono andare le cose. Maliziose e avide, si accaniscono sulla ragazza con fervore da aguzzine, costituendo una sorta di coro in negativo. Bok-nam è costretta da loro a massacranti turni di lavoro per espiare il suo peccato originale, che è quello di aver messo al mondo una figlia dopo uno stupro collettivo.
La seconda forte contrapposizione è quella tra Hae-won e Bok-nam, e passa attraverso la fisicità delle due protagoniste, le quali sono il prodotto di due ambienti contrastanti. Hae-won è pallida e esangue, sofisticata ma anaffettiva, mentre Bok-nam, la pelle scurissima bruciata dal sole, è l’unica in contatto con le proprie emozioni, siano esse dolore, rabbia, voglia di rivalsa o amore per Hae-won. Un flashback illustrativo ne definisce i caratteri, diversi fin dall’infanzia, che danno la misura della distanza incolmabile che le separa. Le due donne non riusciranno infatti ad incontrarsi se non quando sarà troppo tardi, perché Hae-won è arroccata nella sua gelida intangibilità, che riuscirà a scalfire solo nelle inquadrature conclusive.

La prima parte di “Bedevilled” ha caratteri di crudo realismo, e Jang non lesina in sesso sbrigativo o violenza, sottintendendo abusi infantili e spiacevolezze assortite, le quali giustificano la repentina sterzata della seconda parte. Bok-nam, dopo un terribile episodio di cui viene incolpata ingiustamente, decide di averne abbastanza e da vittima si trasforma in carnefice.
La strage è ravvivata da tocchi di humour nero, ma, nel suo parossismo da grand-guignol, scavalla il neorealismo iniziale per approdare nei territori dello slasher. Dopotutto l’infischiarsene delle convenzioni è proprio quello che ci fa amare il cinema coreano, rendendolo più vitale di tanti altri, e la virata sarebbe anche giustificata se non fosse che Jang Cheol-soo non capisce quando è il caso di fermarsi.
Lo sbarco sulla terraferma di Bok-nam, con i vestiti di Hae-won e una borsa di Vuitton, sottolineano improvvidamente la necessaria acquisizione di un’identità diversa, quella di Hae-won, che è l’unica in cui Bok-nam può specchiarsi.
Una cosa che forse non era il caso di rimarcare in maniera così elementare e che, unita al delirante epilogo in prigione, imbastardisce la coerenza della prima parte.

Ottima prova di un’intensa Seo Young-hee (era la ragazza rapita in “The Chaser”) nel ruolo di Bok-nam, mentre la televisiva Ji Seong-weon è più anodina e meno convincente, soprattutto nelle fasi finali. La regia di Jang, lenta e contemplativa, unisce efficacemente lirismo e violenza, e il film è stato selezionato per la “Semaine de la Critique” al Festival di Cannes di quest’anno.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere