Giovedì 23 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Bleak Night PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 16
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
lunedì 21 novembre 2011

Bleak Night
Titolo originale: Pasuggun
Corea del Sud: 2010. Regia di: Yoon Sung-Hyun Genere: Drammatico Durata: 116'
Interpreti: Lee Je-hoon, Park Jung-Min, Seo Jun-Young
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Insinuante
Scarica il Pressbook del film
Bleak Night su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

bleak_night_leggero.pngDopo la morte di Gi-Tae suo padre trova una foto che lo ritrae con due suoi compagni di scuola. Decide così di rintracciarli per cercarne le cause.
I due sono reticenti circa il rapporto che li legava, ma a poco a poco l’uomo riesce a ricostruire l’ultimo periodo della vita di suo figlio e a tentare una spiegazione.

Gi-Tae, Dong-Yoon e Hee-Joon sono inseparabili. I primi due si conoscono dalle medie e il terzo si è unito a loro alle superiori. Il loro rapporto è stretto, ma molto conflittuale. In particolare la tendenza di Gi-Tae ad attaccare immotivatamente Hee-Joon, crea una tensione nel gruppo e l’allontanamento di quest’ultimo.
Ma questo sarà solo l’inizio di quella che finirà per diventare una catena di eventi che sfugge del tutto al controllo dei tre.

Motivatamente premiato l'anno scorso con il New Currents Award al Festival Internazionale del Cinema di Pusan e quest’anno con il Grand Bell Awards come “Miglior Regista Esordiente” per Yoon Sung-hyun e “Miglior Attore Esordiente” per Lee Je-hoon, questo Bleak Night ha una struttura narrativa che lo rende intrigante e ne sottolinea il labile racconto di quella che, alla fine, è solo la storia di un’amicizia.
Tre ragazzi legati da un affetto profondo, di cui nessuno osa mai parlare, e spinti alla competizione dall’età e dal desiderio di prevalere e affrancarsi dal gruppo, ciascuno con i suoi modi di mostrare o nascondere i propri sentimenti, e una scuola a fare da sfondo a tutto quello che accadrà tra i tre.

Il film è tutto qua. Ma la scelta peculiare di raccontare gli eventi per assonanze, in una narrazione scompaginata, ma a suo modo lineare, che mette in campo le cause e gli effetti insieme e solo alla fine, senza mai motivare nulla, le conseguenze delle azioni dei tre, regala un esercizio di stile che trascende il contenuto e si fa teatro della più classica delle tragedie: l’adolescenza. L’intero racconto si svolge prevalentemente in tre scenari alternati, e solo la comparsa di un adulto a chiedere spiegazioni turba la calma apparente che segue alla scomparsa di Ki-Tae. Suo padre ha solo una foto e può partire solo da quella per porre le sue molte domande, ma quasi a nessuna verrà data risposta.
E nemmeno le cause della morte di Ki-Tae verranno chiarite, saranno soltanto insinuate, lasciando allo spettatore il compito di ricucire i fili della narrazione e di colmare i vuoti di tutto il non detto che permea la storia. Di sicuro molto di quel che si sottintende non verrà mai chiarito, e quella che sembra una normale storia di bullismo nasconde probabilmente qualcosa di più.

La gelosia non sempre è ben accetta tra le fila di un gruppo di giovani uomini, che poco sanno delle loro emozioni, e ancor meno vogliono scoprire. E la negazione si sa, rende potenti le emozioni, e teatrale la loro rappresentazione. Il padre passa il suo tempo a chiedere e questo da il via alla ricostruzione, ma spesso quel che ricordiamo è solo quel che abbiamo deciso di trattenere del nostro passato, e tra le maglie della memoria le motivazioni sono le prime a scivolare via.

La regia pulita e la fotografia desaturata portano all’attenzione dello spettatore tutto quello che viene a più riprese insinuato dapprima e sottinteso poi, senza che mai, neanche per un attimo, ci si possa illudere che alla fine verrà fatta chiarezza.
La buona prova di tutti gli attori esalta appieno il lavoro di mascheramento dei contenuti, in un equilibrio stilistico che finisce per essere il pregio più grande di un’opera prima, ingenua certo, ma molto pregna di temi scottanti e di scivolose rappresentazioni della pericolosità dei sentimenti.
E se pure resteremo col dubbio di aver colto in maniera personale le insinuazioni lasciate cadere lungo il racconto, non è poi un male. L’adolescenza è stata per tutti un periodo di grossa confusione emotiva, e questo, Yoon Sung-Hyun, riesce a renderlo alla perfezione.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere