Domenica 28 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Bright Star PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 28
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
venerdì 11 giugno 2010

Bright Star
Titolo originale: Bright Star
Gran Bretagna, Australia, Francia: 2009. Regia di: Jane Campion Genere: Drammatico Durata: 120'
Interpreti: Abbie Cornish, Ben Whishaw, Paul Schneider, Kerry Fox, Edie Martin, Thomas Sangster, Claudie Blakley, Gerard Monaco, Antonia Campbell-Hughes, Samuel Roukin, Sebastian Armesto, Samuel Barnett, Roger Ashton-Griffiths, Olly Alexander, Sam Gaukroger, Jonathan Aris, Alfred Harmsworth, Adrian Schiller, Joyia Fitch, Sally Reeve, Will Garthwaite
Sito web: www.brightstarthemovie.co.uk/
Nelle sale dal: 11/06/2010
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Vibrante
Scarica il Pressbook del film
Bright Star su Facebook

Bright StarLa “stella lucente” del titolo porta lo spettatore nel mondo poetico e romantico di John Keats.
Bright Star è il titolo della poesia scritta da Keats per la sua vicina di casa Fanny Brawne. La regista e sceneggiatrice Jane Campion ha voluto far conoscere questa struggente storia d’amore, facendolo anche attraverso i versi intramontabili scritti dal giovane poeta, morto all’età di 25 anni, senza che abbia potuto godere della fama che ha ricevuto successivamente per la sua opera, ancora oggi studiata dagli allievi di tutto il mondo.

Questa è stata l’occasione per Jane Campion di “tornare ad accendere la luce” su questo genio poetico e sottolineare come il suo spirito viva oltre le barriere del tempo. La Fazi Editore, che si è da tempo dedicata allo studio di questa figura con passione, ha pubblicato “Bright Star. La vita autentica di John Keats” scritto dall’economista e scrittore Elido Fazi.
1818, Londra. La studentessa di moda Fanny Brawne simpatizza per il ventitreenne poeta inglese John Keats, del quale cerca di attirare l’attenzione. Poco dopo diviene la sua vicina di casa e tra i due nasce una relazione segreta, almeno all’inizio. L’amico e collega di Keats, Mr Brown, è contrario a questa relazione, trovando Fanny una civettuola incapricciatasi della novità, che presto sarà adombrata, distraendo il poeta dal suo obiettivo primario: la scrittura.
La vicinanza e l’amore di Fanny, invece, donano a Keats un nuovo fulgore poetico, creando tra le odi più belle da lui scritte.
La loro storia cresce d’intensità e lo si avverte maggiormente quando Keats si allontana da Fanny per alcuni mesi. Dopo essersi ritrovati, il poeta si ammala gravemente e tutti gli amici gli consigliano di recarsi dove il clima è più caldo, in Italia. Fanny chiede alla madre di farlo rimanere da loro fino alla sua partenza, il loro amore vivrà per sempre.
Come è solita fare la regista nei suoi film, anche al centro di quest’ultimo, mette l’esplorazione della figura femminile, l’ennesima donna di cui mostra ogni sfaccettatura, il coraggio e la ribellione verso delle regole scritte dagli uomini. Una giovane che va contro le convenzioni del periodo, quando le donne si occupano di cucito, delle faccende di casa e di partecipare ai balli per trovare un buon partito e sposarsi. Keats è pieno di debiti e senza un soldo, senza una famiglia alle spalle che lo possa aiutare, eppure Fanny scorge in lui quello spirito alto di cui è dotato, quella sensibilità e quell’essenza che hanno fatto di lui l’uomo della sua vita, da amare fino alla morte e oltre.

Quando Keats morì, Fanny lo pianse come se fossero sposati, vestendosi a lutto per tre anni. Nel 1833 si sposò ed ebbe due figli, ma tenne sempre al dito l’anello che Keats le aveva regalato e inoltre conservò le quasi quaranta lettere d’amore che il suo amato le aveva inviato.
Campion è stata attirata e invogliata a realizzare questa storia d’amore viscerale, per l’espressione unica del dolore, della bellezza e dell’innocenza che i due amanti provano l’uno verso l’altra.
La regista ha deciso di raccontarla attraverso gli occhi di Fanny, che permette allo spettatore di scoprire Keats e la sua poesia insieme a lei. Abbie Cornish incarna perfettamente Fanny, mostra la sua determinazione e solarità contrapposte a una successiva disperazione e rigore finale con naturalezza e veridicità.
Lo stesso dicasi per Ben Whishaw che delinea il candore di un giovane e il suo amore per l’arte e per una donna che rappresenta un qualcosa a cui poter anelare, una stella che lo irradi di lucentezza.

Le riprese sono state effettuate tra aprile e maggio 2008 a Bedfordshire, in Inghilterra e una giornata a Roma.
La residenza di Hyde House ha permesso di utilizzare una sola location, col vantaggio di non dover disperdere tempo ed energie.
La storia d’amore è accompagnata dai versi di Keats, che descrivono il loro amore crescente, parallelamente alle difficoltà crescenti che si frappongono al loro poter stare insieme. Le poesie di Keats sono poste dalla regista nell’intreccio in maniera naturale e comprensibile, risultando un tutt’uno con l’artista.
“Ero determinata a inserire quanta più poesia possibile” ricorda la regista “La poesia ti rimane dentro”.
Bright Star è un film che parla di un amore struggente, di un’ossessione romantica, come di rado si sente parlare nella realtà o al cinema, che riesce a coinvolgere ed emozionare. Jane Campion ancora una volta mostra la sua sensibilità.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere