Martedì 20 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Brooklyn's Finest PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 21
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
venerdì 03 dicembre 2010

Brooklyn's Finest
Titolo originale: Brooklyn's Finest
USA: 2009. Regia di: Antoine Fuqua Genere: Drammatico Durata: 132'
Interpreti: Richard Gere, Don Cheadle, Ethan Hawke, Wesley Snipes, Jesse Williams, Lili Taylor, Ellen Barkin, Will Patton, Brian F. O'Byrne, Vincent D'Onofrio, Joseph Adams, Wade Allain-Marcus, Jas Anderson, Nicoye Banks, Robert John Burke, Bruce MacVittie, Raquel Castro, Sarah Thompson, Michael K. Williams, Tawny Cypress, Joshua Thompson, Carl Clemons, Isiah Whitlock jr., Stella Maeve, Paul Diomede, Ebony J Lewis, Wass Stevens, John D'Leo, Armando Riesco
Sito web ufficiale: www.brooklynsfinestthemovie.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito in dvd
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Notturno
Scarica il Pressbook del film
Brooklyn's Finest su Facebook

Brooklyn's FinestCi deve essere una ragione ben precisa per cui questo “Brooklyn’s  Finest” di Antoine Fuqua sia stato distribuito più di un anno dopo la sua presentazione al Sundance Festival del ‘2009.
E’ una ragione custodita negli archivi commerciale dello Studio System e intrappolata nei grovigli delle valutazioni speculative in proiezione su un prodotto opportunamente pilotato.
All’audience delle sale resta il beneficio di una stima o una critica,in una condizione strettamente soggettiva,fatta estranea alle osservazioni dell’economia delle Majors.
Per cui alla riflessione dello spettatore sul motivo del posticipo dell’uscita può seguire una giustificazione basata sulla natura della pellicola o sull’indifferenza che accompagna certe tematiche abusate o lontane dagli interessi di questa epoca.

“Brooklyn’s Finest non vola in cieli nuovi e non esplora realtà insolite. Il lavoro di Fuqua,presentato come un film del regista di “Training  day”,soffre della sindrome di opportunismo commerciale,forse in conseguenza  del fatto che non ne riassume la stessa valenza e profonda intuizione. Pur nutrendosi dello stesso argomento i due film hanno afflati e aspirazioni diverse e l’energia che li anima non può essere ricondotta alla stessa identità.
Entrambi i film indagano sulle realtà di una struttura poliziesca malata e afflitta dal vizio che ammorba l’aria che si respira ed entrambi i film narrano storie di uomini feriti in un’etica sofferente,ma la loro discriminante è nella struttura narrativa delle due pellicole.

In “Brooklyn’s” si intrecciano le storie di tre agenti di polizia,tre uomini ritratti nelle rispettive posizioni  in una esistenza dilaniata dalla controversia che innerva la dualità fra uomo e poliziotto.
Ognuno di questi tre uomini si porta addosso la croce di una crisi d’identità,retaggio di un’attività professionale condotta ossessivamente ai margini dell’abisso fra bene e male.
Eddie (Richard Gere) è un veterano con 22 anni di distintivo,cui manca una settimana alla pensione. E’ un uomo che ha perso tutto,moglie compresa e che vive ormai ai margini della speranza in una condizione disillusa che vanifica ogni aspirazione,soffocata dalle ceneri di un nullismo che lo qualifica come vuoto a perdere di fronte a sé stesso a agli altri.
Uomo ormai solo che si compiace della compagnia saltuaria di una prostituta (Shannon Kane),Eddie respira solo dell’accidia che lo impregna e dell’alcool che ingoia.

Tango (Don Cheadle) è un agente infiltrato,oramai privato della propria dimensione dalla continua copertura dietro cui si cela nelle file dei trafficanti di droga.
Il suo desiderio di ricuperare l’ identità smarrita è frenato dal legame di amicizia che lo unisce a Caz (Wesley Snipes),spacciatore di droga cui l’ufficiale superiore di Tango (Will Patton) e l’agente federale Smith (Ellen Barkin) danno una caccia serrata,tenendo così il fiato sul collo al detective.

Sal Procida (Ethan Hawke) è la complessa figura di un uomo straziato dai bisogni economici che gli sono necessari al mantenimento della sua numerosa famiglia e da una controversa fede in un Dio che l’uomo vede solo nei termini di una Realtà che gli nega aiuto. Torturato dall’ossessivo pensiero dei soldi,Sal perde il senso della ragione,smarrendosi nel limbo tra peccato e redenzione. Agitato nel vuoto fra un Cielo che lo rifiuta e la terra che lo ingoia nel baratro dei disagi,il detective perde gli ideali,confinandosi nelle stesse identità di quelle persone che egli persegue.

I tre protagonisti si incontreranno nell’epilogo della storia,dove il fato li accomunerà in una soluzione che disattenderà ogni aspettativa e vedrà ribaltata ogni visione soggettiva degli avvenimenti.
Fuqua imbastisce il racconto tessendone la trama in un intreccio narrativo articolato sulle vite di tre uomini declinate in una società sintetizzata nella violenza delle strade e nella compiacenza dell’organico ordinativo.
Il ritmo è serrato,lo score è ossessivo,la regia à densa pur ammiccante al taglio televisivo delle indagini poliziesche della routine serale sul piccolo schermo.

Ma il regista si firma anche in guizzi di proprietà in sequenze fortemente evocative ove personaggio e scelta di vita sono ripresi in prospettiva angolata. Nella scena che vede Tango dialogare con i superiori,in sottofondo i Platters cantano “The Pretender” (simulatore),sublimando la percezione dell’intimo irrequieto del poliziotto.
Sempre Tango,dopo aver rinnegato Caz,si vede riflesso nei molti specchi che gli offrono le diverse versioni della sua personalità.

La parabola delle esistenze di Fuqua non conferisce a “Brooklyn’s Finest” l’urgenza drammatica di lavori di genere,quali “The Departed”,”Il principe della città” o “The King of New York”,ma in questo capitolo di storie urbane,il regista sintetizza efficacemente i termini di una profonda esplorazione nell’animo di uomini inquieti,dove la sottile linea fra bene e male si confonde nel senso dello smarrimento di sé stessi.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere