Giovedì 23 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Buddha Mountain PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 9
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
venerdì 10 giugno 2011

Buddha Mountain
Titolo originale: Guan yin shan
Cina: 2010  Regia di: Li Yu Genere: Drammatico Durata: 105'
Interpreti: Fan Bing Bing, Sylvia Chang, Chen Po-lin, Fei Long, Jin Jang, Fang Li, Ban Zhenjiang
Sito web:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Compassionevole
Presentato all'Asian Film Festival

Buddha MountainUltimo film di Li Yu, autrice del censurato (in patria) “Lost in Beijing”, “Buddha Mountain” racconta le vicende di tre amici, Nan Feng, Ding Bo e Fei Zao, detto Fatso, che affittano una stanza nell’appartamento di Chang Yueqin, ex attrice dell’Opera di Pechino. I ragazzi hanno alle spalle rapporti problematici con le figure genitoriali, mentre la donna è annichilita dalla tragica scomparsa dell’unico figlio.
Nessuno di loro ha prospettive per il futuro: i due ragazzi hanno fallito gli esami d’ammissione all’università e vivono alla giornata con l’amica Nan Feng, la quale si esibisce come cantante in un locale. A Chang Yueqin non restano che le dolorose memorie del passato, e passa le ore seduta nella macchina incidentata del figlio, che conserva in garage come una preziosa reliquia funeraria. Due generazioni a confronto, con valori differenti e modi opposti di intendere la vita, costrette a confrontarsi con un analogo scacco esistenziale. Dall’intolleranza iniziale, dovuta a ragioni anagrafiche e culturali, il rock e Michael Jackson contro l’Opera di Pechino, passeranno quasi senza accorgersene alla comprensione e a una muta accettazione, raggiungendo un equilibrio in cui ognuno si troverà a sopperire alle mancanze dell’altro.

Sullo sfondo le macerie simboliche (i legami familiari recisi) e reali (il terremoto del Wenchuan) della Cina contemporanea, lacerata tra una tradizione dimenticata (il tempio distrutto di Guan Yin) e il cantiere permanente del capitalismo post-socialista, dove le case vengono continuamente abbattute per effetto dei nuovi piani regolatori. L’impossibile connubio tra il vecchio e il nuovo (o presunto tale) ha prodotto profondi mutamenti sociali, non sempre sostenibili. Se “Lost in Beijing” era un affondo crudele al cinismo morale di un paese che ha smarrito la propria identità rincorrendo gli aspetti più deteriori del capitalismo, “Buddha Mountain”, pur dando per scontata alienazione e mancanza di punti fermi, lascia intravedere la possibilità di una riconciliazione, non importa quanto effimera. Fratture che sembravano insanabili si ricompongono, e l’eterogeneo gruppo troverà l’unità aiutando a ricostruire il tempio di Guan Yin, “Colei che ascolta”, bodhisattva compassionevole che libera dalle sofferenze. Nella quiete delle montagne, nodi dolorosi si sciolgono (l’amore tra Nan Feng e Ding Bo) e la consapevolezza di aver esaurito la propria vita non è che il necessario preludio a una nuova rinascita.

Cinema febbrile quello di Li Yu, la quale si incolla con la macchina da presa ai suoi personaggi, immergendosi nel flusso turbolento e vitale delle loro esistenze con piglio aggressivo da cinema verità, articolando scene emotivamente contundenti: la scenata fatta da Nan Feng al padre alcolista, ricoverato in ospedale; la consegna della torta, portata a Chang Yueqin dalla fidanzata del figlio per festeggiare un compleanno che non avverrà più; il tentato suicidio della donna. Anche ruvido, grezzo, a nervi scoperti, tutto camera a mano e jump cuts, ma illuminato da epifanie improvvise nella sua programmatica mancanza di artificiosità. Merito anche di attori meravigliosi, per primi la bravissima Fan Bing Bing e la taiwanese Sylvia Chang, e della capacità di utilizzare quelli che potrebbero apparire facili escamotage (il viaggio come metafora) o stilemi da road-movie giovanilistico (le fughe sui treni) senza farli apparire tali. Per la cronaca, il produttore e sceneggiatore Fang Li interpreta il padre di Ding Bo, mentre il film ha ricevuto un meritatissimo premio al Tokyo Film Festival dello scorso anno.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere