Giovedì 25 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Cargo 200 PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 27
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
sabato 10 maggio 2008

Cargo 200
Titolo originale: Gruz 200
Russia: 2007. Regia di: Alexey Balabanov Genere: Drammatico Durata: 89'
Interpreti: Alexey Serebryakov, Leonid Gromov, Yuri Stepanov, Agniya Kuznetsova, Alexey Poluyan, Mikhail Skryabin, Natalya Akimova, Valentina Andryukova, Leonid Bichevin
Sito web: www.gruz200.ru/main
Nelle sale dal: 09/05/2008
Voto: 6
Recensione di: Anna Maria Pelella


cargo200_leggero.jpgSiamo in Unione Sovietica alla fine degli anni ottanta. Mentre gli aerei riportano in patria le salme dei giovani morti in Afghanistan, il regime comincia ad avvisare le prime tracce del tracollo che porterà alla Perestrojka. Il capitano di polizia Zhurov è incaricato di indagare sulla scomparsa della giovane figlia di un un segretario distrettuale del Partito e nel contempo su un omicidio avvenuto in un casolare. Quello che nessuno sa è che il capitano è in possesso di informazioni vitali su entrambi i casi.
Tratto da una storia vera, Cargo 200 non fa nessuno sconto sull’effettiva portata dei contenuti che si prefigge di mettere in scena. Il capitano Zhurov non è certo estraneo ai due casi che gli sono stati affidati, ma quello che lascia stupefatto lo spettatore fin da subito è la sua imperturbarbilità di fronte alle reali implicazioni del suo coinvolgimento. Intanto bisogna dire che l’atmosfera che regna è spiegabile solo a posteriori, chi conosce la storia ricorderà certamente la concitazione e il fermento di quegli anni. La Russia degli anni ottanta era senz’altro una polveriera, e i fatti raccontati, ma soprattutto quello che resta sottinteso, lasciano intuire il quadro di una ragionevole approssimazione dell’inferno.Se la struttura sociale non ha nessuna consistenza, e se nelle sperdute lande di periferia la gente sparisce senza lasciare traccia, si può sicuramente parlare di caos, ma è l’assoluta amoralità che lentamente emerge nel racconto a lasciare basiti.
Se all’inizio si può aver pensato di esser di fronte all’ennesimo film con persone sprovvedute a cui capita di tutto, a mano a mano che si va avanti quello che emerge è che non solo ci siamo sbagliati, ma che quello che vediamo è un racconto senza veli sugli abusi di potere e sulla mancanza di valore della vita umana, anche quella di chi è chiamato a difendere l’onore di una bandiera di cui comincia ad importare poco persino a chi la rappresenta. Un docente di ateismo scientifico annusa il marcio laddove si dovrebbe sentirne almeno l’odore, ma è il solo e, a testimonianza dello smarrimento che colpisce chi è il primo a vedere le crepe di un futuro crollo, si rifugia in una chiesa.
Un omicidio non è certo un problema per chi ritiene di essere al di sopra della legge, ma sequestri di persona, stupri e dissacrazione di cadaveri forse cominciano ad essere un pò troppo.
Quello che emerge al di sopra del rumore di fondo è l’incredibile mancanza di riferimenti morali, se chi detiene il potere e dovrebbe garantire l’ordine decide di delinquere, certo di non essere mai ostacolato, chi potrà mai fermarlo? Chi controlla il controllore?
Una donnina minuta che viaggia con un fucile in una valigia può mai essere il supremo giudice di atti di tale folle inutilità, da indurre lo spettatore a domandarsi quale può mai essere la fonte di soddisfazione di un impotente con troppo potere?
Ovvio che raccontare le crepe di un crollo anni dopo che questo è avvenuto almeno dà un senso al tutto, anche se la rappresentazione via via più intricata e sempre meno credibile lascia presagire un certo gusto nel raccontare dopo che la bufera ha spazzato via i meandri corrotti di un potere agli sgoccioli.
Balabanov procede con mano sicura e lo spettatore non può fare altro che seguirlo, dal momento che quello che viene rappresentato ha bisogno di una spiegazione, peccato che il regista si diverta a mostrare per gradi e lasciare poi a chi guarda il duro compito di motivare quello che ha visto.


 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere