Venerdì 22 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Caterpillar PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 69
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
martedì 07 giugno 2011

Caterpillar
Titolo originale: Kyatapirâ
Giappone: 2010  Regia di: Kōji Wakamatsu Genere: Drammatico Durata: 85'
Interpreti: Shinobu Terajima, Shima Ohnishi, Ken Yoshizawa, Keigo Kasuya, Emi Masuda, Sabu Kawahara
Sito web:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Strisciante

Tratto dal racconto omonimo di Edogawa Ranpo

CaterpillarKyuzo Kurokawa ritorna dal fronte della guerra sino-giapponese con tre medaglie e il corpo privo delle braccia e delle gambe, reso sordo e incapace di esperimersi.
Sua moglie lo assiste, mentre l’uomo, a mano a mano, prende consapevolezza della propria condizione e ricorda le atrocità commesse al fronte. Intanto il Giappone si avvia alla fine della Seconda guerra mondiale e alla sua terribile disfatta.

Tratto dal racconto omonimo di Edogawa Ranpo, censurato in patria all’epoca a causa della strisciante critica al nazionalismo giapponese, Caterpillar mette direttamente il dito sulla piaga mai sanata del senso stesso della guerra.
L’intero racconto è intessuto su due binari paralleli, da una parte l’orgoglio per il proprio ruolo in una guerra di conquista, e dall’altra il prezzo enorme richiesto alla popolazione fiera di quel ruolo, ma completamente in balia della propaganda nazionalista.
Kyuzo Kurokawa torna dalla guerra con il corpo ridotto al solo tronco, incapace di esperimersi e di comprendere quel che gli viene detto. Sua moglie lo assiste, come ogni donna giapponese è votata a fare in nome della patria e dell’Imperatore, e nel frattempo i due ricordano, ciascuno per suo conto, il passato che li ha condotti dove sono adesso.
Kyuzo ha commesso delle atrocità in battaglia, e non solo contro il nemico, ma anche contro le donne indifese di un paese in guerra. Shigeko invece vive il conflitto di chi, da una parte accudisce il marito come dal ruolo che ci si aspetta lei reciti fino in fondo, e dall’altra desidera nel profondo del suo cuore che un uomo ridotto il tale stato non sopravviva.
I ricordi di lui affiorano a mano a mano e gli avvelenano il presente, quelli di lei la mettono nella condizione di chiedersi se davvero l’uomo meriti la sua dedizione. Le richieste di lui si fanno pressanti, mentre lei diviene sempre più consapevole del prezzo pagato da entrambi all’idea stessa della patria.

Feroce critica alla guerra come strumento di sopraffazione del più debole, e nel contempo al nazionalismo nascosto nelle pieghe di un’idea di grandezza nazionale, Caterpillar riesce nel suo intento in maniera eccellente. Seppure leggermente discosto dal racconto originale, ne mantiene intatta l’ambiguità morale dei protagonisti e il sottile senso di rivalsa che tiene legata la donna fino in fondo al suo ruolo. Il tema centrale della grandezza nazionale è dapprima lentamente insinuato e poi sezionato con precisione chirurgica, come anche i sentimenti delle persone coinvolte, senza che questo scada mai nella patetica accettazione di un destino di dolore.
Il Giappone come potenza in guerra chiede sangue, e il suo personale Dio della Guerra, l’Imperatore stesso, investe le vittime della propria brama di potere del ruolo di divinità accessorie. “Cos’è poi un Dio della Guerra?” si chiede la spaesata Shigeko di fronte alle pretese sempre maggiori del suo padrone mutilato, ma straordinariamente vitale.
Ma la risposta non arriva mai, e a nulla vale neanche l’adorazione e il rispetto dei compaesani ammirati da tanto coraggio e dalle medaglie simbolo di un eroismo senza prezzo. Shigeko è sola di fronte alla rassegnazione e all’istupidimento dati da una guerra senza senso. Una guerra che si finirà per perdere nel dolore di un’illusione di significato, che trascende la sopraffazione e diviene unico sacrificio al Dio della Guerra e della conquista.
Un Dio sempre affamato e poco riconoscente, che tutto fagocita e cui tutto è dovuto.

Una grandissima Shinobu Terajima è Shigeko, premiata a Berlino per la sua straordinaria performance, che sola regge il peso dell’intera opera. La regia solare e molto accurata regala momenti di grande coinvolgimento, quasi tutti in interno, dove emergono lentamente le ombre e le ambiguità che affliggono i due sfortunati coniugi. Mentre gli esterni raccontano al meglio l’orgoglio di una nazione che crede nel proprio Imperatore e per lui è davvero disposta a morire.
I siparietti con le didascalie sfiorano il sarcasmo, mentre insinuano nello spettatore un desiderio di attirare l’attenzione sulle contraddizioni di un’idea di nazione, che per farsi grande ha bisogno del sacrificio di ciascuno dei suoi più piccoli uomini.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere