Martedì 2 Marzo 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Cella 211 PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 40
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
venerdì 26 marzo 2010

Cella 211
Titolo originale: Celda 211
Spagna: 2009 Regia di: Daniel Monzón Genere: Drammatico Durata: 110'
Interpreti: Luis Tosar, Alberto Ammann, Antonio Resines, Marta Etura, Carlos Bardem, Manuel Morón, Luis Zahera, Vicente Romero, Fernando Soto, Jesús Carroza, Félix Cubero
Sito web: www.celda211.com
Nelle sale dal: 16/04/2010
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Sovversivo
Scarica il Pressbook del film

Cella 211Juan Oliver ha appena trovato lavoro come secondino in un penitenziario di massima sicurezza.
Prima ancora di prendere servizio, durante il giro di perlustrazione con altri secondini, viene ferito alla testa da un pezzo di intonaco. I colleghi lo collocano momentaneamente nella cella 211.
Nel frattempo esplode una rivolta e Juan, per evitare la morte, non può fare altro che fingersi un carcerato.

Che cos'è che fa di un uomo un criminale?
Non è facile dare una risposta, ma di sicuro mettere in discussione l'intero apparato di pensiero che vuole i criminali geneticamente diversi dalle persone cosiddette normali è un primo passo.
Juan non ha nulla che lascia presagire derive sociopatiche o semplici simpatie in quel senso.
E' un uomo comune, addirittura un futuro secondino, il cui unico problema è quello di essersi trovato dalla parte sbagliata dei cancelli allo scatenarsi di una rivolta.
Malamadre è il capo di una delle più grosse fazioni interne e lo prende sotto la sua ala protettrice.
Ma la scena di un funzionario che usa il manganello senza pietà sul corpo inerte di sua moglie incinta al sesto mese, durante la repressione in atto ai cancelli del carcere, rende Juan particolarmente sensibile alle tematiche in gioco.
Sommerso di premi ai recenti Goya questo Cella 211 riapre un dibattito mai sopito sulle reali differenze tra i malavitosi e la gente comune. In quali circostanze bisogna trovarsi per capire davvero chi decide di compiere un'azione criminosa?

Naturalmente non tutte le persone messe alle strette dalle circostanze sceglieranno di agire in senso contrario alla morale comune o, peggio contro la legge. Ma di sicuro una buona percentuale di questi capirà le motivazioni di quelli che lo fanno. Capire le motivazioni è certo il primo passo di un'eventuale azione di prevenzione o almeno di arginamento delle pericolose derive sociali cui assistiamo di questi tempi sempre più spesso, per la maggior parte delle volte attraverso lo schermo di un televisore. Ma la rinnovata consapevolezza che in situazioni disperate le persone tendono a compiere azioni folli è una delle acquisizioni con cui lo spettatore lascerà la sala.
La tensione emotiva cui sono sottoposti i carcerati è immediatamente visibile già dai primi fotogrammi, e Monzón sceglie di accentuare questo concetto dando direttamente voce ai singoli personaggi. Juan si trova coinvolto senza poter fare nulla nei tribali riti di accettazione e nelle brutali dimostrazioni di forza tra gli uomini reclusi. Mentre tutto il mondo fuori ignora ciò che sta accadendo, all'interno delle mura la situazione precipita.
La repressione a opera di alcuni secondini, per fortuna non tutti, ha comunque generato una situazione talmente esplosiva da rendere impossibile governare la rivolta. I negoziati e le piccole vendette finiranno per complicare irreversibilmente la vicenda e alla fine nessuno avrà ottenuto nulla di quel che sperava e per cui aveva messo in gioco la propria vita.
Persino il capo, Malamadre non riuscirà davvero a tenere il timone fino alla fine, le forze in gioco sono troppe e troppe sono le variabili, e l'imprevedibile è sempre in agguato. In questo caso si tratta di immagini rubate da un telefonino. Immagini impietose di un funzionario che esagera nel compimento del suo dovere.
Ma basteranno a rendere sfocate le idee e impulsive le reazioni.
Basteranno a condannare una persona comune all'inferno dei criminali.

Monzón usa la cinepresa come un bisturi e con quella entra all'interno del carcere e del cuore dei suoi personaggi.
Nulla sfugge al suo occhio e lo spettatore avrà modo di guardare bene dentro l'abisso che solitamente crediamo abiti soltanto l'animo dei criminali. Ma la verità è che la medaglia ha sempre due facce e le persone tendono a dimenticare che quello che si sceglie di rimuovere non solo non cessa la propria esistenza, ma spesso accresce la sua forza.
La regia pulita e senza grosse sottolineature accompagna lo sperduto Juan insieme con lo spettatore nell'inferno di chi non ha davvero nulla da perdere. E la recitazione dapprima misurata e poi, a mano a mano, più enfatica del bravissimo Alberto Ammann illustra senza bisogno di eccessi quello che può capitare a chi perde la speranza.
Mentre la fotografia impietosa e le immagini via via più crude non lasciano nessuna illusione sul destino che aspetta chi ha perso ogni riferimento e per questo non potrà mai più tornare indietro.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere