HOME arrow Fantascienza arrow Coco avant Chanel
Venerdì 2 Dicembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Coco avant Chanel PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 3
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
mercoledì 03 giugno 2009

Coco avant Chanel
Titolo originale: Coco avant Chanel
Francia: 2009 Regia di: Alex Gibney Genere: Drammatico Durata: 110'
Interpreti: Audrey Tautou, Alessandro Nivola, Marie Gillain, Emmanuelle Devos, Benoît Poelvoorde, Etienne Bartholomeus, Yan Duffas, Fabien Béhar
Sito web: wwws.warnerbros.fr/cocoavantchanel
Nelle sale dal: 29/05/2009
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso

Scarica il film gratis - per velocizzare il download usa Speed Downloading!

cocoavantchanel_leggero.jpgNegli ultimi anni si è data particolare attenzione alla figura di Mademoiselle Gabrielle “Coco” Chanel. Il cinema, la fiction, l’editoria ha fatto a gara per raccontare la storia di una donna che ha saputo reinventarsi per sentirsi libera come solo un uomo poteva essere e non rimanere relegata al ruolo che aveva la donna, in quel periodo storico, schiacciata da una società che la voleva sottomessa e dagli abiti che non la lasciavano respirare.
Coco Chanel ha rappresentato una ventata di modernità, precorrendo i tempi, una donna ostinata che sapeva ciò che non voleva diventare e che ha fatto del suo essere diversa dalle altre un’arma da sfruttare a proprio vantaggio.

La piccola Gabrielle viene lasciata dal padre, un venditore ambulante, in un orfanotrofio con la sorella. Le suore si prendono cura di loro e insegnano alle due sorelle l’arte del cucito. Ogni domenica Gabrielle attende l’arrivo del padre nella speranza che le riprenda con sé. Diventata adulta, la donna di sera si esibisce in duetto con la sorella in un cabaret, di giorno lavora come sarta, cucendo orli e facendo riparazioni d’abiti. Gabrielle, soprannominata Coco, conosce Etienne Balsan, che diventerà il suo amante e presso il quale troverà un posto dove vivere, prima di capire cosa fare della sua vita. Inizialmente confinata nella sua stanza, Coco riesce pian piano a introdursi agli amici di Balsan e tra questi troverà l’amore della sua vita Boy Capel, che la contraccambia ma non la può sposare.
Coco non si sposerà mai, si butterà a capofitto nel lavoro diventando il mito che tutti conoscono.
La regista ha letto tutto ciò che è stato scritto su Coco Chanel, volendosi concentrare sugli anni della sua formazione, gli anni in cui perseguiva il desiderio di diventare attrice o cantante.
Coco non era allettata dal fare riparazioni d’abiti per tutta la vita. La sua vocazione la scopre man mano.
Non amava gli eccessi, l’ostentazione, gli piaceva la semplicità e questa caratteristica traspare dalle creazioni dei primi cappellini di paglia e poi dagli abiti.
La regista Anne Fontaine, che ha anche firmato la sceneggiatura con Camille Fontaine, ha sviluppato i vari aspetti del carattere di Coco, mostrando la sua fragilità e la sua forza, la sua dolcezza e la sua risolutezza, il suo orgoglio e la sua inventiva, il suo disprezzo per l’alta borghesia e di come se ne sia servita senza rimanerne soggiogata.

L’ambientazione della prima parte del film è in netta contrapposizione con quella della seconda. L’orfanotrofio in cui è cresciuta e il cabaret dove si esibiva sono luoghi angusti, grigi, spersonalizzati, luoghi in cui manca l’aria, la libertà di essere se stessi, connaturati dal senso di oppressione che vi aleggiava.
Il castello di Balsan, di contro, è immenso, con camere spaziose e piene di luce, circondato da una natura florida e viva. Un luogo dove poter lasciar spazio alla propria creatività e grazie al quale Coco conosce il mondo, molto più vasto e ricco di opportunità, della piccola e raccolta provincia dalla quale proveniva.
La regista ha cercato di trasmettere attraverso la diversa tipologia di inquadrature adottate i diversi stati d’animo di Coco nei rispettivi ambienti. Inquadrature ristrette per il cabaret soffocante, inquadrature più ampie e la luce di un sole sfolgorante per la tenuta di Balsan dove Coco si sente libera per la prima volta.
La musica è un altro elemento imprescindibile che accompagna gli stati d’animo della donna. Il compositore Alexandre Desplat orchestra una colonna sonora soave e dai toni dimessi.

Altra sottolineatura che fa la regista è l’evoluzione dello sguardo di Coco, inizialmente disincantato e pratico, per essere poi dolce e speranzoso, infine si trasforma in uno sguardo malinconico, accompagnato da una solitudine interiore che non la lascerà più, nonostante le vittorie i successi raggiunti.
La sequenza finale ne è l’espressione più vivida, Coco seduta sulla scalinata della sua Maison mentre le modelle sfilano davanti ai suoi occhi persi nella melanconia di un ricordo che l’accompagnerà sempre.
Un film che ha saputo raccontare i turbamenti, la gioia e la forza di una donna, prima ancora del mito, con degli interpreti che hanno saputo rendere credibili i rispettivi personaggi.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere