Giovedì 6 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Creature del cielo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Roberto Ostuni   
mercoledì 21 gennaio 2009

Creature del cielo
Titolo originale: Heavenly Creatures
Nuova Zelanda: 1994 Regia di: Peter Jackson Genere: Drammatico Durata: 99'
Interpreti: Melanie Lynskey, Clive Merrison, Simon O'Connor, Sarah Peirse, Diana Kent, Kate Winslet
Sito web:
Nelle sale dal:
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Roberto Ostuni

creaturedelcielo_leggero.jpegPeter Jackson, alla quinta esperienza dietro la macchina da presa, porta sullo schermo una storia liberamente ispirata alla biografia di Juliet Hulme, prolifica scrittrice di gialli sotto lo pseudonimo di Anne Perry.
Il film è ambientato nel 1953 in Nuova Zelanda, terra natale del regista, e racconta l’incontro, con la conseguente nascita di un’amicizia, tra la quattordicenne Pauline Parker, emarginata ragazzotta di campagna, e Juliet Hulme, al contrario estroversa e di origini inglesi.
È senza dubbio il rapporto tra le due ragazze il nucleo centrale della pellicola: le due cominciano a frequentarsi assiduamente, e quasi senza rendersene conto, iniziano a covare l’una verso l’altra un sentimento molto forte, che potrebbe trascendere la mera amicizia. L’arte è al centro del loro toccante e morboso rapporto: la musica, la letteratura, la scultura, la poesia, tutte incarnate nel romanzo che scrivono a quattro mani, e nel quale si rifugiano nei momenti di sconforto, diventandone a tutti gli effetti le protagoniste.
Questa realtà posticcia ed illusoria le porterà ad allontanarsi dal mondo in cui vivono e dalle persone che lo abitano, rivedendo in queste, soltanto le proiezioni dei personaggi della loro malata fantasia. Jackson si dimostra molto attento ad indagare nel profondo la relazione tra le due protagoniste: una relazione che muta nel corso del film in una simbiosi assoluta, due vite che diventano una sola, non potendo più l’una fare a meno dell’altra.
Il tutto viene condito da una colonna sonora formata quasi esclusivamente da musica lirica (spesso in italiano), la prima passione comune delle due ragazze. Interessanti le prove delle due giovanissime attrici: la Lynskey, perfetta anche fisicamente per la parte della “disturbata” Pauline, e  Kate Winslet, anch’ella al debutto come attrice cinematografica, che rivela già a soli diciannove anni le ottime doti da attrice dimostrate poi negli anni a seguire.
Una fiaba dai toni drammatici la storia di Pauline e Juliet, che già nel 1971 aveva ispirato una pellicola francese Mais ne nous délivrez pas du mal; una favola in cui gioia dolore, passione e morte, si fondono inequivocabilmente e tragicamente nella vita di due quattordicenni dalla psiche instabile e tormentata.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere