HOME arrow Fantascienza arrow David e Golia
Martedì 29 Novembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
David e Golia PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Samuele Pasquino   
mercoledì 01 aprile 2009

David e Golia
Titolo originale: David and Goliath
Italia: 1960 Regia di: Ferdinando Baldi Genere: Drammatico Durata: 112'
Interpreti: Massimo Serato, Eleonora Rossi Drago, Orson Welles, Emma Baron, Ugo Sasso, Dante Maggio, Furio Meniconi, Pierre Cressoy, Luigi Tosi, Giulia Rubini, Ivo Payer
Sito web:
Nelle sale dal: 1960
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Samuele Pasquino

David e GoliaIl re Saul (Orson Welles), un tempo eletto da Dio stesso guida del popolo d’Israele, cade in disgrazia dopo aver perduto una battaglia con i Filistei e l’Arca dell’Alleanza.
Il profeta Samuele gli annuncia la venuta di un nuovo re e si reca dal pastore David, colui che dovrà sedere sul trono di Gerusalemme. I Filistei, intanto, progettano l’attacco in massa e si avvalgono anche della forza incredibile del colosso Golia.  

Il film di Francesco Baldi si ispira alla vicenda biblica di David e Golia, che tuttavia non sono i veri protagonisti della storia ma contendenti illustri di una leggenda religiosa.
In realtà al centro dell’intera parabola mitica famosa nei secoli vi è Saul, il prediletto da Dio e re di Israele.
L’Antico Testamento si configura come un immenso testo ricco di profezie, rivelazioni e accadimenti straordinari, legati ad una fede che ha avuto nella divinità superiore il suo caposaldo, fino al Nuovo Testamento, nel quale si è aggiunto in maniera preponderante il Cristo come Dio in terra.
Nel film di Baldi l’incipit profetico viene affidato alle parole di Samuele, il solo uomo temuto e rispettato dal re israelita: nel suo discorso iniziale emerge tutto il glorioso passato del sovrano, i motivi della sua disgrazia e il futuro pieno di speranza che però gli è avverso.
Il contenuto dei moniti dell’anziano profeta scuote Saul e con lui il ritmo stesso della vicenda. Baldi gioca su contrapposizioni meditate e intelligenti, a cominciare da quella riguardante l’ambiente scenico: la reggia sfarzosa e colma di solitudine si antepone alla casa umile ma vissuta di David, pastore dedito al lavoro e alla fatica nei campi. La sua elezione giunge in un giorno di pioggia, che seguendo una metafora simbolica, si traduce in una rivelazione altisonante e decisiva.
Il ragazzo lascia gli affetti per andare incontro al suo destino, affronta il deserto e giunge a Gerusalemme. La descrizione della città costituisce un’altra grande intuizione visiva del regista, che la affolla di mercati pagani, gente corrotta, malfattori e peccati alla luce del sole, elementi tristemente complici di una degradazione innanzitutto politica, realtà che si palesa violenta e scandalosa agli occhi di un giovane puro e virtuoso. Attraverso tempestivi raccordi, si svela anche la rude figura di Golia, di fatto personaggio che rappresenta gli intenti crudeli dei Filistei, decisi a conquistare Gerusalemme. La sequenza della grotta si basa su un gioco di luci ed ombre molto d’impatto, che trova la sua nemesi nella reggia di Saul, dove David si reca in quanto convocato. Il confronto fra il giovane pastore e il glorioso re si riempie di note alte, di toni elegiaci ed epiche discussioni, che fanno pensare direttamente a due generazioni distinte ma ancora molto simili.

Saul, come lo descrive Samuele, è un sovrano tormentato e sconfitto, afflitto dal timore di Dio e dai subdoli consigli di Abner, suo primo ministro e infido politicante con secondi fini.
Le personalità che si alternano e coesistono a palazzo non sono che presenze superficialmente descritte, questa è forse l’unica debolezza dell’adattamento di Baldi.
Il riferimento più valido e tragicamente sublime si riscontra senz’ombra di dubbio nell’edulcorata e letterariamente eccelsa opera di Vittorio Alfieri, poeta che più di tutti ha saputo collocare temporalmente e descrivere umanamente Saul e la corte.
Preso singolarmente, il film di Baldi si presenta discretamente valido, ma analizzato parallelamente alla tragedia di Alfieri, ci si accorge che esso è poca cosa in termini di riproposizione visiva e caratterizzazione dei personaggi. Nel “Saul” la vicenda parte solo in seguito all’impresa di David, acclamato eroe di Israele e causa di laceranti gelosie e contraddittorio amore di Saul, che esprime un tormento inusuale e quanto mai intenso. Baldi propone, invece, il periodo precedente, l’elezione da parte del poeta Samuele di David e la scoperta di Golia nella grotta, fino allo scontro fra spada e fionda. Essendo periodi collegati ma distinti, un confronto non dovrebbe essere lecito, tuttavia è proprio nella descrizione dei personaggi che esso si fa spontaneamente sentire.

Orson Welles è magistrale nell’interpretare il sovrano d’Israele, Massimo Serato onora il ruolo di Abner, per il resto le figure di Gionata e Micol latitano colpevolmente.
Baldi ricostruisce una vicenda religiosa con una sua dignità, nel complesso quindi il suo film merita un modesto elogio, e sebbene la battaglia finale e la tenzone fra il giovane saggio e il colosso barbaro non reggano, in sè la storia va vista per comprendere un passo fondamentale della Bibbia in quanto libro fondante di un’intera religione.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere