HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Drammatico arrow Diario di uno scandalo
Giovedì 29 Settembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Diario di uno scandalo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 8
ScarsoOttimo 
Scritto da Raffaella Perri   
mercoledì 18 luglio 2007

Diario di uno scandalo
GB: 2006. Regia di: Richard Eyre Genere: Drammatico Durata: 110'
Interpreti: Cate Blanchett, Judi Dench, Bill Nighy, Andrew Simpson, Joanna Scanlan, Philip Scott
Sito web: www.foxsearchlight.com/NOAS
Voto: 7
Recensione di: Raffaella Perri

diaridiunoscandalo.jpgIn cosa differisce l’amicizia da un rapporto d’amore?
Secondo alcuni, in tutto; secondo altri, in molto poco. E’ questo quello che probabilmente pensa Barbara Covett (Judi Dench), una professoressa di storia avanti con gli anni di una di quelle scuole “complicate”, dove insegnare sembra quasi aver perso ogni senso, non essendoci quasi nessuno sinceramente desideroso d’imparare. Una scuola dalla quale, secondo Barbara, “usciranno i futuri elettricisti, muratori, operai.. criminali”..
Quindi perché perderci tempo?
Barbara conduce così la sua vita in modo monotono, con la sua gatta Portia e il Diario come unico confidente ed Amico, finché… Finché non arriva Lei: Shiba Hart (Cate Blanchett), la nuova professoressa di arte. Immediatamente, Shiba diventa la protagonista del diario di Barbara: “Shiba ieri indossava questo vestito… Shiba oggi si muove in questo modo…”. Shiba è una bella donna, dal grande fascino per chi la circonda, siano questi donne ed uomini. Un fascino che non lascia indifferenti né i colleghi, né gli alunni… Né, tantomeno, Barbara.
“Sapevo che saremmo diventate amiche”…
L’occasione per entrare in contatto con l’affascinante Shiba è un litigio fra alunni: Barbara interviene in sua difesa, facendo nascere così “la scintilla” dell’amicizia, esattamente come può nascere per un amore. Le due donne cominciano a vedersi più spesso: Shiba vede in Barbara, professoressa dura, capace di farsi rispettare, una sorta di “protettrice”, un esempio d’insegnante da seguire, in quella scuola in cui è così difficile insegnare e farsi rispettare dagli alunni; Barbara invece, donna completamente sola, vive diversamente quell’amicizia.. In modo più morboso, più ossessivo, in particolare quando conosce la famiglia di Shiba: un marito molto più anziano di lei, un figlio ritardato, una figlia adolescente piuttosto insolente… Shiba non può essere felice in questo modo, con questa vita: Barbara lo sa, ed anche l’amica ammette che “la vita che ha e la vita che credeva avrebbe avuto.. Sono due cose completamente diverse..”.
Ed è proprio per questo che Shiba dà inizio a qualcosa di “proibito”, una relazione con un insistente alunno di 15 anni: lei, che è stata per tutta la vita “una brava ragazza, una brava moglie, una brava madre, anche per Benjamin, il suo figlio ritardato..”… Perché adesso non dovrebbe “cedere alla tentazione” e “dare un morso al frutto proibito” per la prima volta nella sua vita?
In fondo se lo merita… O no???
Probabilmente, se questa relazione fosse rimasta segreta, nulla sarebbe cambiato col tempo: via via si sarebbe probabilmente spenta, l’alunno si sarebbe interessato ad altre donne, Shiba lo avrebbe ricordato solo come “un colpo di testa temporaneo”… E tutti sarebbero rimasti felici e contenti: suo marito e i suoi figli non avrebbero mai subito le conseguenze del suo gesto.
Ma, purtroppo per Shiba, le cose prendono una piega diversa: Barbara scopre questa relazione “proibita”, dando una svolta al loro rapporto, che non è più paritario. L’anziana professoressa non dirà nulla a chi di dovere, ma solo in virtù della solenne promessa dell’amica di porre fine a questa relazione…
Da quel momento, Shiba si sentirà in dovere di accontentare ogni capriccio della sua “amica”…..
Il film, tratto dal libro di Zoe Heller, "La donna dello Scandalo", è ben girato e ben narrato (Barbara è la narratrice di buona parte del film), non puntato sull’effetto sorpresa (il trailer rivela quasi tutto), ma su come si dispiegherà la storia, contando soprattutto sull’interpretazione delle attrici principali: Judi Dench, in particolare, dà una grande prova di recitazione, riuscendo ad essere credibilissima nella parte della donna sola ed ossessionata che vuole sembrare dura a tutti a costi, nascondendo invece una grande fragilità.. Nonché, ovviamente, tanti problemi psicologici. Veramente inquietante in vari momenti del film, è proprio su di lei che questo si regge.
Anche la Blanchett dà una buona prova, nella parte della “bella, avventata, che non brilla per capacità particolari, se non per la sua avvenenza”..
Ma, nel confronto, la Dench regna sovrana: da vedere, almeno per la sua interpretazione.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere