HOME arrow Fantascienza arrow Gli abbracci spezzati
Venerdì 2 Dicembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Gli abbracci spezzati PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 36
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
lunedì 11 maggio 2009

Gli abbracci spezzati
Titolo originale: Los abrazos rotos
Spagna: 2009. Regia di: Pedro Almodóvar Genere: Drammatico Durata: 125'
Interpreti: Penélope Cruz, Lluis Homar, Rubén Ochandiano, Blanca Portillo, Ángela Molina, Carlos Leal, Lola Dueñas, Kira Miró, Alejo Sauras, Carmen Machi
Sito web: www.losabrazosrotos.com
Nelle sale dal: 13/11/2009
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella

los_abrazos_rotos_leggero.jpegMateo scrive e dirige i suoi film. Lena è la sua musa. Amante del magnate Ernesto, e con un passato di prostituta, Lena si lascia travolgere dalla passione per il suo regista.
Ma Ernesto non è disposto a perderla, e la fuga dei due verrà arrestata di colpo dal destino e dalla sfortuna.

Il cinema di Almodóvar è costellato da passioni fatali e da donne capaci di annullarsi per amore. Lena è solo l'ultima delle sue eroine. Una donna con un passato terribile e un futuro tragico, che vive il presente come fosse la sua unica speranza di felicità. Anni prima Ernesto l'aveva sottratta ad una vita difficile, semplicemente facendone la sua amante.
Lei per anni ha ricambiato la sua passione come fosse un dovere, ma adesso vuole di più. Desidera lavorare, e sceglie la carriera di attrice. Quello che però desidera veramente, un amore vero capace di portarla via dalla sua vita ormai banale, le costerà molto più di quello a cui pensava di rinunciare amando un altro.
Mateo la ama appassionatamente, e sullo sfondo di un mare bellissimo le regala un'illusione di eternità Un'eternità conquistata solo a prezzo della vita. Mateo muore con lei nell'incidente che fermerà la loro fuga. Harry prende il suo posto, ma la sua vista, e con essa la sua carriera di regista, sono sparite con lei.

Almodóvar ha mostrato ormai da tempo la sua capacità di trascendere il cinema, semplicemente filmandolo dal di dentro. In questa nuova pellicola il cinema è il mezzo e il fine delle passioni di Lena e Mateo.
I due amano il cinema e la vita allo stesso modo. E la fuga che li vede protagonisti di una romantica possibilità di sfuggire alla banalità del quotidiano, li distruggerà paradossalmente immortalandoli per sempre in una manciata di foto, distrutte dall'odio. Mateo muore simbolicamente in quell'incidente in cui perde in un sol colpo l'amore e la capacità di vedere, base imprescindibile su cui si fonda il suo lavoro. Harry prende il suo posto, e l'amnesia di cui si finge portatore gli darà la possibilità di sopravvivere al tutto. Intanto il tempo passa e i nodi vengono lentamente al pettine: tutto quello che è stato seppellito nel passato è destinato a riemergere, e con esso l'amore che per anni Mateo ha affidato all'oblio di un mare mai realmente attraversato, quello del dolore e del vuoto.
Almodóvar confeziona il suo personale omaggio ai melodrammi del vecchio cinema che fu, e con la sua indiscussa maestria aggiorna senza nessuno sforzo temi e passioni ormai obsoleti. La citazione metafilmica impreziosice il tutto regalando allo spettatore una complice occhiata sul mondo dietro la macchina da presa e sulle passioni che spesso animano chi crea un film.
Mateo è Almodóvar nella stessa misura in cui in Lena sono rappresentate tutte le sue eroine, donne travolte dalle passioni di cui non sanno fare a meno e sempre un po' "sull'orlo di una crisi di nervi".
Harry è solo il pallido riflesso di una vita vissuta intensamente e altrettanto velocemente distrutta dal desiderio di realizzare in un sol colpo un bel film e una grande storia d'amore.
Los Abrazos Rotos è un melodramma di impianto classico, con una regia impeccabile e attori semplicemente perfetti.

Penélope Cruz, interamente brava come le riesce solo con Almodovar, è la più convincente delle donne di questo doloroso omaggio a un cinema viscerale raccontato dall'interno. Mentre Mateo/Harry, un misurato Lluís Homar, è un caledoscopio di sentimenti soffocati e nel contempo espressi in maniera minimale, a volte con una sola piega della bocca, come solo i grandi del passato sapevano fare. Blanca Portillo è una sensazionale aiuto regista che nella realtà risulterà un pilastro imprescindibile per il povero Mateo.
Mentre José Luis Gómez è il dolente Ernesto, catalizzatore del dramma e suo modo artefice di una catena imprevista di disgrazie.
La fotografia solare e leggeremente velata richiama alla mente le storie del passato, in un omaggio/citazione di un cinema che viene evocato soltanto quando a filmare sono i grandi.
La colonna sonora e gli scenari coloratissimi fanno da cornice più che adatta a un racconto doloroso e inevitabile, come spesso solo la vita può essere.
E se è pur vero che i colorati e caotici film degli esordi hanno dato al regista la possibilità di esser notato per la sua originalità e per il suo estro, è sicuro che con gli ultimi film più maturi e completi dal punto di vista espressivo, Almodóvar si è definitivamente ritagliato un posto di rilievo tra i più grandi registi della sua generazione.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere